Tomodori

La storia di Paul Robeson: Cosa sono i pomodori Paul Robeson?

Paul Robeson è un classico del culto del pomodoro. Amato dagli amanti del pomodoro e dei semi, sia per il suo particolare sapore che per l’affascinante omonimo, si distingue dagli altri. Continuate a leggere per saperne di più su come i pomodori Paul Robeson vengono coltivati e curati.

Storia di Paul Robeson

Cosa sono i pomodori Paul Robeson? Prima di tutto, dobbiamo esplorare una domanda più importante: chi era Paul Robeson? Nato nel 1898, Robeson è stato uno spettacolare uomo del Rinascimento. Era avvocato, atleta, attore, cantante, cantante, oratore e poliglotta. Era anche afroamericano, ed era frustrato dal razzismo che lo teneva in perpetuo.

Fu attratto dal comunismo a causa delle sue richieste di uguaglianza e divenne molto popolare in URSS. Purtroppo, era all’apice della paura rossa e del maccartismo, e Robeson è stato messo sulla lista nera di Hollywood e molestato dall’FBI perché era un simpatizzante sovietico.

Morì nella povertà e nell’oscurità nel 1976. Avere un pomodoro in nome proprio non è un commercio equo e solidale per una vita di promesse perse a causa dell’ingiustizia, ma è qualcosa.

Paul Robeson Cura del pomodoro

Coltivare pomodori Paul Robeson è relativamente facile e molto gratificante. Le piante di pomodoro Paul Robeson sono indeterminate, il che significa che sono lunghe e rampicanti come molte piante di pomodoro popolari, piuttosto che compatte e cespugliose. Devono essere impalati o legati ad un traliccio.

A loro piace il pieno sole e la terra fertile e ben drenata. I frutti sono di colore rosso scuro e hanno un sapore molto caratteristico, quasi affumicato. Sono palloncini succosi ma sodi e appiattiti che tendono a crescere fino a 3-4 cm (7,5-10 cm.) di diametro e 7-10 once (200-300 g.) di peso. Sono quindi ideali per affettare i pomodori, ma sono anche ottimi per mangiare direttamente dalla vite.

I giardinieri che coltivano questi pomodori giurano su di loro, spesso proclamando che sono i migliori pomodori che abbiano mai mangiato.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *

Cerrar