Parassiti del giardino

Olio di ricino per il giardino: consigli per il trattamento dei parassiti con olio di ricino

Cercare di essere un buon amministratore della terra significa minimizzare il suo impatto sull’ordine naturale della vita. Lo facciamo in molti modi, dalla guida di un’auto a basse emissioni alla scelta del cibo locale nel nostro supermercato. Un altro modo per limitare qualsiasi influenza negativa sulla terra è il giardinaggio intelligente. Utilizzare erbicidi sicuri e non tossici, pratiche di giardinaggio sostenibili e pesticidi naturali. L’uso dell’olio di ricino nel vostro giardino può essere parte di una buona gestione del giardino senza i potenziali effetti collaterali delle formulazioni commerciali. Continua a leggere per saperne di più.

Cos’è l’olio di ricino?

Per molti di noi giardinieri più anziani, l’olio di ricino rappresenta un assaggio dell’infanzia. Molto tempo fa, le madri erano solite dare ai loro figli olio di ricino per regolare la loro salute digestiva. Si pensava che facesse bene all’apparato digerente e si mettevano cucchiai di questa sostanza disgustosa in bocca ai bambini che non volevano. Questa pratica disgustosa è passata di moda a favore di altri rimedi più gustosi e pratici, ma questo non significa che dobbiamo togliere l’olio. Ci sono molti usi benefici dell’olio di ricino, come l’uso dell’olio come pesticida.
L’olio di ricino per il giardino può respingere talpe, arvicole, topi e altri parassiti.
ed eventualmente altri animali da scavo e da scavo, come gli armadilli. Trattare i parassiti con l’olio di ricino è un modo naturale e non tossico per respingere questi insetti indesiderati nel vostro giardino senza ferirli o causare l’accumulo di sostanze chimiche tossiche nel giardino e nelle acque sotterranee. Inoltre, l’uso dell’olio di ricino come agente disinfestante non è tossico e sicuro per i bambini e gli animali domestici.
Da dove viene l’olio di ricino? I semi di ricino sono talvolta coltivati nei giardini come pianta ornamentale – MA i loro semi sono velenosi e non dovrebbero essere coltivati dove sono presenti animali domestici o bambini piccoli. L’olio stesso, tuttavia, è sicuro e disponibile presso la maggior parte dei rivenditori.

Olio di ricino per il giardino

Gli animali selvatici possono essere un problema nel giardino di casa. Le talpe compaiono durante la notte, le puzzole scavano le piante preziose alla ricerca di larve e gli scoiattoli scavano i loro bulbi e li rendono inutilizzabili per la stagione della fioritura. Un modo per ridurre al minimo i danni che si verificano naturalmente quando gli animali si nutrono è quello di utilizzare l’olio di ricino come mezzo di controllo dei parassiti.
Può sembrare sciocco, ma questa droga antiquata è un componente comune dei pesticidi naturali commerciali. Come fa l’olio di ricino a respingere i parassiti? Sembra che il sapore amaro e l’odore sgradevole siano la chiave. Proprio come i bambini dovevano tenere il naso per prendere il prodotto durante il giorno, i nostri amici animali si ammalano per l’odore maturo e il sapore amaro.

Uso di olio di ricino in giardino come pesticida

L’olio di ricino non uccide i parassiti, ma li respinge. Per godere dell’effetto, è necessario applicare l’olio di ricino direttamente sul terreno. La formula funzionerà per circa una settimana, anche durante la stagione delle piogge. Le applicazioni settimanali sono più efficaci nel controllo dei danni agli animali in giardino.
freestar.queue.push(funzione () googletag.display(«GardeningKnowHow_300x250_320x50_Mobile_InContent») ; ) ;
Utilizzare un ugello per tubo flessibile e spruzzare una miscela di 2 parti di olio di ricino e 1 parte di sapone per piatti. Mescolare i due elementi fino a farli schiumare. Questa è la soluzione concentrata e dovrebbe essere usata ad una velocità di 2 cucchiai per gallone d’acqua. Applicare in modo uniforme nelle zone colpite.
Il trattamento settimanale dei parassiti con olio di ricino ridurrà il numero di collinette e scaverà le aiuole del giardino senza alcun pericolo per i vostri animali domestici, i bambini o l’ambiente.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.