Asteraceae

Capo Margherita, Calendula della pioggia, Dimorfoteca


Capo Margarita, Calendula della pioggia, Dimorph


Botanica

Nome latino: Osteospermum

.
Famiglia: Asteraceae, Composti < br>
Origine: Sud Africa Tempo di fioritura: da maggio a maggio al gelo
Colore del fiore : vario

Tipo di impianto : fiore

Tipo di vegetazione: perenne, a seconda della varietà, coltivata come annuale
.
Tipo di fogliame:
perenne

.
Altezza:
da 30 a 60 cm


Piantagione e coltivazione

Forza: moderatamente duro, a seconda della varietà, pianta al riparo
.
Esposizione: sole

.
Tipo di suolo :
leggero, suolo ordinario

.
Acidità del suolo:
neutro
.
Umidità del suolo :
normale

.
Utilizzo:
massiccio, roccia, cresta, copertura vegetale
.
Piantare, reimpiantare:
molla

Metodo di propagazione : Semina in marzo, taglio in estate
.
Malattie e parassiti :
afidi, tarda peronospora


Generale

Le margherite del Capo sono perenni (anche se vengono coltivate come annuali nei climi freddi), che, come suggerisce il nome, assomigliano molto alle margherite, ma non sono margherite. A seconda della varietà (e ce ne sono molte), le loro dimensioni variano tra i 30 e i 60 cm. Le aste flessibili si alzano e si allargano, formando ciuffi o anche stuoie che possono essere larghe da 1 a 1,5 metri. Le numerose foglie sono a volte semplici e ovali, a volte tagliate, e di colore verde più o meno intenso.

I fiori multipli appaiono in primavera. Sono piccoli capolini che, a seconda della varietà e dell’ibrido, sono di colori diversi, pallidi o intensi: bianco, rosa, giallo, arancione, viola,… A volte sono bicolori! Quindi prendetevi il tempo di scoprirli prima di fare la vostra scelta!


A cosa servono le margherite di Città del Capo?

L’effetto “bouquet” delle margherite del Capo è perfetto per vasi e fioriere, ma sono anche fiori perfetti per abbellire un’aiuola, segnare un bordo o creare una copertura multicolore del terreno. Non esitate a combinarli con altri girasoli come verbena, lantana o immortale.


Coltivazione e manutenzione

A partire da marzo, iniziate a piantare le margherite del Capo in un luogo caldo e poi trapiantate le giovani piante in secchi per proteggerle dal gelo. A partire da metà maggio, metteteli in posizione, con una distanza di 30 cm tra i piedi. Le margherite del Capo hanno bisogno di sole e calore. E’ quindi necessario scegliere una situazione ben esposta e soprattutto bandire i terreni pesanti e freddi; si accontentano di poco ma temono l’eccesso di umidità. Quando si coltiva in vaso o in fioriera, tenere presente che un terreno ricco può portare ad un forte sviluppo del fogliame, a scapito dei fiori.

Una volta installate e se vi piace, le margherite del Capo si diffondono molto ampiamente per offrirvi un meraviglioso tappeto di fiori, per tutta l’estate o anche più a lungo!

Durante l’estate, tagliare i fiori appassiti per incoraggiarne di nuovi e portare acqua in caso di siccità.


Annuale o perenne?

Le margherite del Capo sono piante perenni ma non molto resistenti (-5°C). Per questo motivo, il più delle volte, nelle regioni fredde, vengono coltivate come annuali e vengono sradicate a novembre. Tuttavia, le piante in vaso possono svernare al coperto. Nei climi più miti, si dovrebbe collocare un pacciame per proteggere la pianta da possibili ondate di freddo.

Se volete tenere le margherite del Capo in vaso o a terra, ricordatevi di piegarle all’inizio dell’inverno.


Specie e varietà di Osteospermum

Il genere comprende circa 70 specie – Osteospermum Buttermilk con fiori eretti giallo chiaro – Osteospermum Whirligig con un cuore bianco, a forma di spatola, blu scuro – OsteospermumJamboana™ ha un portamento denso che lo rende adatto a piccoli giardini o scatole da finestra – Osteospermum jucundum: fiori rosa porpora

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *