Bignoniacee

Bignoniaceae


Virginia Gelsomino, Gelsomino trombetta, Bignone


Botanica

Nome latino: Campsis

.
Famiglia: Bignoniaceae
Origine: Nord America, Cina e Giappone

.
Tempo di fioritura :
da luglio a settembre, da agosto a nord della Loira

.
Colore del fiore: giallo, arancione, rosso, a volte bicolore
Tipo di impianto :
pianta rampicante

Tipo di vegetazione: perenne

.
Tipo di fogliame: deciduo
.
Altezza: può superare i 10 m in età adulta, crescendo a circa un metro all’anno.


Piantagione e coltivazione

Resistenza: -10°C, sensibile al freddo estremo, da collocare in un luogo protetto dai venti -20°C per Root Campsis
.
Esposizione: sole

.

Acidità del suolo: neutro, calcareo supportato
.
Umidità del suolo :
normale

.
Utilizzo: parete sud, facciata, pergola, recinzione, tronco d’albero, copertura del terreno, grande box del balcone

.
Piantare, reimpiantare:
molla

Modalità di moltiplicazione: per dimensione Dimensione: dimensione bignone fine febbraio
.
Malattie e parassiti: afidi, ragni rossi. Trattare con acaricidi specifici a base di dicofol (prodotti commerciali a base di acari del ragno).


Generale

Tra gli alpinisti in fiore d’estate, i bignoni sono probabilmente i più interessanti per il loro effetto spettacolare e il loro adattamento alla maggior parte delle regioni. Sono viti decidue, che si aggrappano al loro sostegno per mezzo di radici avventizie che crescono a spighette (come l’edera). Queste piante sono estremamente vigorose, ma è possibile contenerle e persino trasformarle in un cespuglio arrotondato dopo una regolare potatura.

Niente di meglio di un bignone per illuminare un muro o una recinzione e dargli un tocco esotico. I campis hanno bellissimi fiori a forma di tromba, raccolti in abbondanti mazzi. Arancione, rosso, a volte bicolore, le corolle fioriscono da luglio a settembre, illuminando il giardino per tutta l’estate. A nord della Loira, appaiono solo all’inizio di agosto. Le foglie decidue del Campeggio sono di colore verde chiaro.

I Bignones sono arrampicatori robusti e autosollevanti, perfetti per un muro cieco, una facciata, un garage o un capanno da giardino. Sono anche usati per vestire pergolati, grandi recinti, grandi tronchi d’albero o anche pali della luce!

Ma perché non lasciare che i Campeggi giacciano languidamente a terra? Se non si riesce a trovare un supporto per l’arrampicata, è possibile realizzare una copertura del terreno molto originale.

Si può anche comporre un cespuglio o una siepe con i bignoni, sottoponendoli a una potatura molto severa. Questo trattamento sarà riservato alle regioni con un clima caldo e soleggiato.

Il balcone, invece, è più delicato da usare. È difficile acclimatarsi a tali “mostri” in un contesto così piccolo. Un bignone può vivere per tre o quattro anni in un vaso di 30 cm di diametro, ma non fiorirà completamente. Il nuovo ibrido Indian Summer, che ha un’abitudine di crescita più calma e compatta e ha anche il vantaggio di fiorire in zone moderatamente soleggiate, può dare buoni risultati in un vaso di grandi dimensioni.

Il bignone mantiene perfettamente l’attenzione su se stesso. Può, tuttavia, tentare un’associazione con l’edera. Il suo fogliame sempreverde manterrà una pianta elegante per tutto l’inverno. Ma l’antagonismo naturale e la competizione che si creerà tra le due piante richiederanno tutta la vostra attenzione per avere successo perché sono due piante di carattere. Sarà necessario fertilizzare generosamente, ma anche giocare con le cesoie di tanto in tanto.

Potete anche piantare i campeggi lungo una siepe di conifere che rimarrà verde per tutto l’inverno.

I bignons sono molto facili da coltivare una volta che la varietà è ben consolidata. Dovrebbero essere piantati lungo un muro o una recinzione esposta a sud alla luce del giorno. È preferibile un luogo protetto dai venti freddi, poiché correnti d’aria fredde o un brusco calo delle temperature notturne possono far cadere prematuramente i boccioli dei fiori. I campeggi possono tollerare circa -10°C in buone condizioni (terreno asciutto, protetto dai venti).

Il terreno deve essere ben drenato, ma deve mantenere un po’ di fresco durante l’estate. I terreni calcarei sono supportati. Alleggerire i terreni troppo argillosi con una fornitura di sabbia grossolana al momento della semina. Una buona fertilizzazione è raccomandata all’inizio della crescita (con un fertilizzante per cespugli o rose). Mantenere una buona umidità intorno alla pianta durante i caldi mesi estivi. Si consiglia di coprire la pianta con pacciame o bucce di cacao.

La crescita è abbastanza veloce, conta almeno un metro all’anno. Per evitare che la pianta si spogli alla base e, soprattutto, che dopo qualche anno diventi un groviglio inestricabile di rami, si consiglia di potare la pianta ogni anno prima della potatura primaverile. Tagliare i tiri dell’anno al di sopra del secondo o terzo tiro, contati dal suo punto di partenza.

Per rivestire un muro o una recinzione, installare un impianto ogni 3 o 4 m.


Perché il mio bignone non può attaccarsi al muro?

Tenete presente che solo i radicali di Campsis sviluppano vette abbastanza forti da permettervi di scalare una parete senza assistenza. È anche importante che l’intonaco abbia una rugosità sufficiente per poter fissare correttamente i picchi. In generale, è sempre una buona idea mettere un traliccio o tendere qualche filo per aiutare qualsiasi pianta rampicante nella sua ascesa durante i primi anni di coltivazione.


Una vite come il bignone può danneggiare il mio muro?

Se il rivestimento è in buone condizioni e i componenti dell’edificio sono fissati con una malta solida, non c’è davvero nulla da temere. D’altra parte, i detriti parzialmente non sigillati possono essere ulteriormente indeboliti dall’insinuazione della vite.


Si può piantare un bignone lungo un muro rivolto a nord?

Tranne che nelle regioni mediterranee, questo è assolutamente sconsigliabile, perché la pianta non avrà mai abbastanza sole per far sbocciare i suoi fiori. Inoltre, ha bisogno di una completa esposizione al sole perché i suoi rami si induriscano bene a fine stagione (questo è chiamato baldacchino), il che conferisce alla pianta una buona resistenza al freddo durante l’inverno.


Perché le estremità dei miei rami di bignone si seccano in primavera?

Si tratta di un fenomeno normale che non si verifica in primavera, ma in inverno. Tuttavia, si nota l’effetto solo quando la vegetazione inizia a crescere. Quasi tutti i rami muoiono naturalmente nel terzo superiore (40-50 cm di lunghezza). Ciò indica la necessità di potare ogni anno i rami secondari per ringiovanire la vegetazione e favorire la fioritura.


Piantato per più di tre anni, il mio bignone non fiorisce, perché?

L’esposizione può non essere abbastanza luminosa, il che interferisce con la formazione dei boccioli dei fiori. Potreste anche aver piantato il vostro bignone in un terreno troppo ricco di azoto, che ha portato a una crescita eccessiva della vegetazione a scapito dei fiori. Ma è più probabile che sia una radice di Galen Campsis x tagliabuana o una radice di campis tagliata o stratificata. Infatti, queste piante fioriscono principalmente in soggetti adulti (circa 10 anni). Al momento dell’acquisto dovrebbero essere richieste piante innestate, che offrono una fioritura molto più rapida.


Come posso ottenere delle talee di bignone se non le ottengo mai?

Il taglio è possibile, ma per un dilettante è poco ovvio, in quanto le talee dovrebbero essere collocate in agosto in un luogo umido con un calore di fondo (22 °C). La radicazione è piuttosto lunga. I professionisti prendono talee di radice lunghe da 3 a 4 cm, che hanno preso durante il mese di febbraio in cassette di propagazione riscaldate a 16 – 18 °C. D’altra parte, la stratificazione dà ottimi risultati per un dilettante, selezionando un ramo non fiorito, che ha già radici aeree (spighe). Mettete il ramo nel terreno all’inizio della primavera e estirpatelo in autunno.


Lo sapevi?

  • Chiamate a lungo Bignonia dai botanici, le bignonie sono oggi classificate nel genere Campsis, che appartiene logicamente alla famiglia delle Bignoniacae, che comprende circa 120 generi e 725 specie, la maggior parte delle quali di origine tropicale.

  • Il nome Campsis deriva dal greco Kampsis, che significa “curvo”, dato dalla forma degli stami. Il genere Campsis comprende due specie, originarie delle regioni boscose del sud-est del Nord America (Campsis radicans) o della Cina e del Giappone (Campsis grandiflora).

  • I campi presentano infiorescenze (cime o pannocchie) composte da una decina di corolle tubolari lunghe circa 5-8 cm, arancioni o rosse, talvolta bicolori. I fiori fioriscono da luglio a settembre, nati sulla punta dei germogli secondari. Appaiono solo all’inizio di agosto nelle regioni a nord del fiume Loira.

  • Le foglie del Campsis sono obsolete. I composti, tagliati in 7-11 foglioline verde chiaro, lanceolate (imperipinate), sono lunghi fino a 30 cm.

  • Tra le Bignoniacee rampicanti vicine al Campeggio e che un tempo erano classificate come bignoni ci sono i generi: Bignonia, Clytostoma, Macfadenya, Tecomaria, Saritaea, Arrabidaea, Pandorea e Pyrostegia. La maggior parte sono piante tropicali, ma prosperano in giardini protetti nel sud della Francia.

  • Il genere Bignonia attualmente comprende una sola specie (Bignonia capreolata). È un vitigno americano, che può crescere fino a 20 m, e dal quale si coltiva l’Atrosanguinea dalla forma viola in fiore. Il limite di tolleranza al gelo è di – 5 °C.

  • Il nome Bignone, sostenuto da Linné, deriva dall’antico nome di Bignonia, che fu dedicato da Joseph Pitton de Tournefort all’abate oratoriano di Saint-Quentin, Jean-Paul Bignon (1662 – 1743), bibliotecario, comandante, prevosto e maestro di cerimonie degli ordini di Luigi XIV. Jean-Paul Bignon era anche un accademico francese, eletto il 16 maggio 1693 in sostituzione del conte Roger de Bussy-Rabutin.

  • Le Bignoniaceae contengono piante ornamentali popolari come la Catalpa, un bellissimo albero da giardino, l’Eccremocarpus, una pianta rampicante coltivata come annuale, e l’Incarvillea, una perenne che ha una reputazione ingiustificata di tenere lontane le talpe, la Radermachera sinica, che viene coltivata come pianta da appartamento, la Jacaranda, un albero subtropicale con grandi fiori blu, che viene coltivato in alcuni giardini del sud, la Tabebuia (che è l’albero nazionale del Venezuela) e l’albero di Calabash (Crescentia). Di questa famiglia fanno parte anche la Kigelia o “albero della salsiccia”, caratteristica delle savane africane, e il “tulipano del Gabon” (Spathodea campanulata).

  • Bignone è conosciuta in Europa fin dal XVII secolo. Viene coltivato nei Giardini Barberini di Roma, dove fu chiamato “gelsomino indiano”, come notava Giovanni Battista Ferrari nel 1638. Qui “indiano” non significa “dell’India”, ma “della terra degli indiani”, cioè dell’America.

  • Il nome Campsis è stato creato dal botanico portoghese Joao de Loureiro (1717 – 1791), grande specialista della flora cinese e, tra gli altri, scopritore del “cavolo di Pechino”, Brassica pekinensis e della “senape di Pechino”, Sinapis pekinensis.

  • Nel sud-est della Spagna, dove ha origine, il Campsis radicans è considerato un vero e proprio parassita invasivo, che invade campi e bordi delle strade.

  • Campsis radicans è classificato in Spagna come la migliore pianta da installare nel vostro giardino per attirare i colibrì.

  • E in letteratura: Immaginate da lontano, che un bignonier suoni qui con tutte le sue trombe rosse, la gloria dell’ondata di calore e lo trovo, come ho chiesto, furioso con i fiori… poi ricomincia a luglio i miracoli pacifici di un giardino in Provenza. Colette (1873 – 1954)


Specie e varietà di Campis

Il genere comprende più di 700 specie – Campsis radicans L’estate indiana per il balcone con fiori di salmone arancione -15°C, è la forma di bignone che si comporta meglio in ombra media o in zone con poca luce solare – Campsis grandiflora, il bignone cinese è spettacolare per i suoi grandi fiori che possono raggiungere i 40 cm di diametro – Campsis radicans , Il bignone della Virginia tollera molto bene il clima della regione parigina – Campsis x tagliabuana , ibrido di grandiflora e radicanes – Campsis x tagliabuana Mrs. Gaben, ibrido di grandiflora e radicanes che dà fiori spettacolari in abbondanza, e raggruppati in grappoli (pannocchie) da 20 a 30 trombe rosso-arancio. -15°C

Mappe di piante dello stesso genere

  • Radicans Campsis , Bignone, Virginia Jasmine, Trumpet Jasmine
  • Campeggi Flava Radicans , Bignone giallo
  • Campeggio x tagliabuana Madame Galen , Bignone Madame Galen

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *