Brassicaceae

Chou Brassica oleracea


Cavolo


Botanica

Nome latino: Brassica oleracea

.

Europa


.
giallo
.
.
biennale

.
perenne

.
variabile in base alla varietà Tossicità : tutto si mangia nel cavolo


Piantagione e coltivazione

Resistenza : resistenza

Resistenza : resistenza
sole

.
ricco di humus, argilloso

.
da neutro a basico
.
normale per raffreddare Uso: vegetativo, fogliame decorativo

.
primavera, estate, autunno

Semina Malattie e parassiti : Coleotteri delle pulci, tarme di cavolo, ernia del cavolo


Generale

Il cavolo è una delle più antiche verdure coltivate in Europa e in Asia. Il suo antenato, il cavolo comune, Brassica Oleracea è una specie selvatica di origine europea: vive ancora sulle coste di Pas de Calais, Normandia e Bretagna, ma è purtroppo in grave declino. Selezionato da oltre mille anni, il cavolo selvatico comune è stato suddiviso in molte varietà coltivate, così diverse nell’aspetto e nei metodi di coltivazione da poter essere considerate anche ortaggi differenziati.

Coltivare cavoli nel proprio orto è il modo migliore per riconciliarsi con questi ortaggi un po’ trascurati dalla vita moderna. E per una buona ragione, i cavoli che si trovano nei supermercati mancano di freschezza: emanano un odore sgradevole e hanno perso tutta la finezza del loro sapore.

No, se vuoi davvero riscoprire cos’è un cavolo, ci sono 2 soluzioni: o lo compri direttamente sul mercato locale (mercato con i produttori locali), o lo coltivi tu stesso!


I diversi tipi di cavoli coltivati

Così importanti nell’alimentazione da secoli, esistono in molteplici varietà coltivate, al punto da acquisire nomi latini per gruppi di varietà:

Cavolfiore , Brassica oleracea var. botrytis , i cui boccioli di fiori altamente sviluppati vengono consumati. I cavolfiori includono anche broccoli, cavolfiori romanesco, arancio o viola. Ex Cavolfiore Armado , una varietà invernale, quindi nessun problema di bruchi, almeno al momento del raccolto, Cavolfiore Pioniere, una varietà primaverile in grado di produrre in 60 giorni!

Il cavolo, Brassica oleracea var. capitata, forma una palla di foglie molto densa. Possono essere mangiati crudi in un’insalata di cavolo, per esempio, o cotti. Tra i cavoli:

I cavoli cappucci sono caratterizzati da foglie piatte e lisce con una mela molto stretta, possono essere bianchi o rossi.

Il cavolo bianco è blu-verde in coltivazione, sono le foglie interne ad essere bianche.

Ci sono varietà estive, autunnali e invernali. Se c’è una varietà di scelta che permette a chi resiste al cavolo di apprezzarlo, è il cavolo dei primi di giugno, cabus cabus pointus ( Coeuf ), che è il primo: tenero e dolce, è meraviglioso in zuppa senza essere mescolato, ma finemente tagliato, abbinato a nuove carote e rape. Cavolo Quintal d’Alsazia è adatto ai crauti.

I cavoli rossi, anch’essi rossi, sono rosso scuro. Possono essere mangiati crudi o cotti, e anche come crauti.

cavolo riccio Il cavolo riccio è chiamato cavolo riccio perché le sue foglie sono gonfie e di solito ha un sapore leggermente più forte.

Ci sono varietà estive come il cavolo verza Estibal , (molto precoce), varietà autunnali: grandi virtù , re degli aquiloni e varietà invernali: Deadon , rosa e raccolto da dicembre ad aprile, re dell’inverno, che viene raccolto fino a marzo.

I cavoli cinesi si mangiano in insalata (giovani) o cotti (soprattutto se sono più vecchi). Sono interessanti perché si trovano in bassa stagione: si raccolgono rapidamente, a partire da 6 settimane dalla semina e richiedono poco lavoro perché possono essere seminate direttamente, sia in febbraio-marzo che in agosto-settembre.

Brassica oleracea var. chinensis o Brassica rapa var chinensis sono cavoli che non si differenziano dalla cicoria da pane di zucchero; girano leggermente se lasciati invecchiare. Esempio di varietà: Pe Choï “Choho”

Brassica oleracea varpekineensisou Brassica rapa var Pekinensis , tende ad assumere la forma di una bietola, non tornita, con steli spessi. Ex della varietà : Pat Choï “Joï Choï” o “Granaat”

I germogli di Bruxelles , Brassica oleracea var. gemmifera , vengono raccolti in autunno e in inverno, installati in marzo-aprile per la produzione autunnale o in aprile per la raccolta invernale. La rubina è un’insolita varietà verde con venature rosse.

Il cavolo rapa, Brassica napus var Napobrassica: nel cavolo rapa, un incrocio tra una rapa e un cavolo, si consuma l’ipocotile ingrossato. La Svezia ha un gusto davvero eccellente che dobbiamo riscoprire. Varietà : Wilhemsburger , camoscio giallo con collo verde

Cavolo rapa, Brassica oleracea var. gongyloides, i cui steli sono mangiati a forma di palla, teneri e gustosi. Ex Chourabi Superschmelz, cavolo bianco di Vienna.

Cavolo cappuccio perpetuo Cavolo aubenton, Brassica oleracea var ramosa Esiste anche un cavolo broccolo perpetuo, ma è raro e difficile da trovare (probabilmente sterile).

Cavolo di legno, Brassica oleracea var. acephala , è un gruppo di bellissimi cavoli decorativi, con piante da foraggio e anche le cui foglie sono anche mangiate, come il famoso cavolo, cavolo, cavolo palmisti, cavolo … Le varietà, a volte molto regionali, sono numerose e abbastanza favolose ex : Cavolo Jersey , Cavaliere rosso o verde , orso rosso, nero toscano

Questo elenco non è esaustivo, c’è per esempio, come novità, questo mix di cavolini di Bruxelles con un cavolo riccio, chiamato Kalette (come un piccolo cavolo riccio).


Coltivazione di cavoli: luoghi comuni

Il cavolo è una verdura facile da preparare. Sono piante biennali, ma il più delle volte vengono raccolte prima che i fiori si sviluppino, nel loro primo anno. Apprezza un terreno con un pH da neutro a basico, e un terreno profondo e sciolto, affumicato con compost, ma non eccessivamente ricco, perché in un frutteto la qualità è preferita alla produttività. Infatti, un suolo troppo ricco, soprattutto di azoto, renderà i cavoli più suscettibili a parassiti e malattie.

Ai cavoli piace essere esposti al sole, tranne forse in piena estate, quando l’ombra è benvenuta nelle ore più calde. Questo perché i cavoli godono di una crescita regolare e, senza bisogno di grandi quantità d’acqua, hanno bisogno di un terreno che rimanga abbastanza fresco e non si secchi mai. Per questo motivo amano i terreni argillosi, ma questa frescura può essere mantenuta anche ricoprendo il terreno con pacciame.

Quasi tutti i cavoli sono molto tolleranti al trapianto in fase di semina (su circa 4 foglie). A volte vengono seminate in loco, ma il più delle volte vengono trapiantate da piantine coltivate in loco o acquistate come piantine.


La pianta del cavolo

È facile produrre le proprie piante di cavolo. I semi germinano rapidamente in una cornice fredda in primavera, quando è ancora gelida, o all’esterno più tardi (il più difficile è in agosto, se è troppo secca). I semi vengono posti in superficie e imballati con cura in modo che siano a buon contatto con il terreno. La terra nella scatola o nel vaso deve rimanere sempre umida.


Parassiti

I principali parassiti del cavolo, soprattutto per i cavoli raccolti durante la stagione calda, sono i coleotteri e le bacche di cavolo. Non si tratta di trattare le verdure che mangeremo più tardi, quindi per limitarle senza trattamento, i cavoli sono coperti (a titolo preventivo) con un velo anti-insetti. Nei giovani cavoli, la vigilanza aiuta a schiacciare i giovani bruchi prima che causino troppi danni. Le piantine possono anche cadere preda delle lumache. È quindi più facile guardarli in un vaso o in una cornice. I cavoli possono essere mangiati in modo sicuro una volta lavorati.


Quando coltivare e quando raccogliere i cavoli?

Beh, tutto l’anno o quasi tutto l’anno, a seconda della varietà, c’è un cavolo da seminare o da raccogliere! Cavolo d’inverno, cavolo d’estate, cavolo precoce, c’è sempre un cavolo da gustare. D’altra parte, è importante mangiarlo il più fresco possibile, perché è questo che fa la differenza: il giorno della raccolta è il migliore.


Alcuni consigli per cucinare, per assaggiare il cavolo

Sia che cuciniate o mangiate in insalata, i cavoli devono sempre essere tagliati molto finemente, quindi assicuratevi di avere un buon coltello per le verdure affilato e fate attenzione. Quando sono crude, devono rimanere croccanti senza stancarsi di mangiare, perché sono troppo spesse. In cucina, i pezzi sottili cucinano meglio. Siate anche precisi sui tempi di cottura.

Il metodo di cottura più semplice è quello di far bollire l’acqua salata. Permette di testare e misurare correttamente il tempo di cottura. Aspettare che l’acqua bollisca prima di metterci dentro i cavoli. Una volta cotti, possono essere serviti con burro di nocciole o secondo la vostra ricetta.

I cavoli leggermente forti, come il cavolo rosso, i cavolini di Bruxelles o alcuni cavoli cappucci, possono essere ammorbiditi con la precottura. Vengono scottate per 10 minuti in acqua bollente, poi cotte di nuovo in un’altra acqua bollente, o secondo la vostra ricetta dopo (vino bianco per esempio) per il resto del tempo.

La maggior parte dei cavoli ha un gusto forte quando viene riscaldata, da qui il ricordo delle mense. Per evitare questo, vengono cucinati poco prima di essere serviti. D’altra parte, il cavolo rosso nella ricetta del cavolo rosso con mele e crauti viene riscaldato.


Specie e varietà di Brassica

Questo genere comprende circa 50 specie e diversi tipi:

  • Cavoli cappucci, compresi i cavoli a foglie lisce come i cavoli bianchi, i cavoli verdi, i cavoli rossi e i cavoli a foglie vescicole o arricciate, come i cavoli della Savoia
  • il cavolo riccio d’inverno
  • Cavolini di Bruxelles
  • cavolfiore
  • cavolo broccoli
  • cavolo rapa
  • cavolfiore o foglie di rapa
  • Cavolo cinese

Mappe di piante dello stesso genere

  • Brassica napus , Rapa
  • Brassica napus var Napobrassica , Rutabaga, Ravizzone
  • , Senape nera, Seene Black Mustard
  • Brassica oleracea var. capitata , Cavolo, cavolo
  • Brassica oleracea var. botrytis , Soia chou
  • Brassica oleracea var. gemmifera , Choux de Bruxelles
  • Brassica oleracea var acephala , Choux d’ornement
  • Brassica oleracea var. Gongylodes , Suède
  • chou-rave, chou-rave

    chou-rave, chou frisé

  • Brassica oleracea var ramosa Daubenton , chou Daubenton, chou pérenne Daubenton

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *