Fabaceae

Acacia retinodes Mimosa des quatre saisons


Mimosa delle quattro stagioni

Acacia delle 4 stagioni o L’acacia retinodroma è un arbusto ornamentale dal clima mediterraneo. È affidabile in coltivazione perché è tollerante al suolo e resistente alla siccità. Tollera gli spruzzi, mantiene il terreno, protegge dal vento ed è profumato.


Botanica

Nome latino: Acacia retinodes Sinonimi : Acacia fragrans, Acacia longissima

.
Impulsi, Fabaceae, Papilionaceae

South Australia, Tasmania

tutto l’anno, soprattutto d’estate

.

.
Tipo di impianto :
Impianto mediterraneo

.

Altezza: da 4 a 10 m


Piantagione e coltivazione

Resistenza: fa-snowflake-o”> non molto resistente, fino a -5°C

.
semi-ombreggiata a molto soleggiata

.

– Tipo di terreno : Abbastanza povero, ben drenato ad asciugare, sassoso, tollerante

– Tipo di terreno : Abbastanza povero, ben drenato ad asciugare, sassoso, tollerante
.
.
contenitore, terreno aperto

.
primavera, autunno

Malattie e parassiti: attenzione agli insetti squamosi che attaccano seriamente le mimose e causano la comparsa di fumagine (una specie di fuliggine). Gli insetti Scaly sono difficili da controllare. Devono essere rimossi a mano, poi la pianta deve essere pulita con una soluzione di sapone nero. Le cavallette (Metcalfa pruinosa) sono un vero problema anche nel sud della Francia.


Generale

Acacia retinodes , l’Acacia delle Quattro Stagioni è un arbusto ornamentale sempreverde appartenente alla famiglia delle Fabaceae, come la Robinia o il Fagiolo. È originaria dell’estremo sud dell’Australia, dove cresce nelle radure o in riva al mare. L’Acacia delle Quattro Stagioni è quindi una pianta mediterranea resistente alla siccità, che si comporta molto bene anche nei contenitori, il che significa che la sua piacevole fragranza può essere goduta altrove che in Costa Azzurra.


Descrizione delle Quattro Stagioni Mimosa

I retinodes dell’acacia sono un piccolo arbusto o albero alto circa 4-6 m, con rami pendenti, abbastanza densi da creare fogliame opaco. Le sue foglie sono ridotte a filode: lunghi e robusti piccioli che svolgono la funzione fotosintetica. Questi filloidi sono lunghi da 7 a 25 cm, blu-verde e sempreverdi. I giovani ramoscelli sono rossastri e il tronco è grigio e striato con l’età, a volte producendo gomma. Il suo legno è duro.

La fioritura avviene durante tutto l’anno, ma è più abbondante da maggio a ottobre nell’emisfero nord e da ottobre a maggio nell’emisfero sud. Le infiorescenze sono cime che si sviluppano dalle ascelle delle foglie, raggruppando più glomeruli gialli e polverosi. I fiori, di cui sono finalmente visibili solo gli stami, hanno un profumo molto gradevole.

I fiori attirano gli impollinatori e poi producono numerosi baccelli rosa, lunghi circa 17 cm, stretti e ondulati, contenenti semi bicolori di 6 mm.

I retinodi dell’acacia sviluppano noduli simbiotici nelle loro radici che permettono loro di crescere in terreni sterili.

Varietà e colture delle 4 stagioni Mimosa

Due diverse sottospecie naturali rappresentano Acacia retinodes , una coltivata e venduta come pianta mediterranea tollerante alla siccità ( Acacia retinodes var retinodes ) e l’altra, con filladi glaciali più corti, che crescono nelle zone umide ( Acacia retinodes var uncinata ).

Alcuni “Acaciofili” hanno selezionato e ibridato questa specie per migliorarla:

Acacia retinodes Glauca : con filladi più corti e arrotondati e una stagione di fioritura concentrata in aprile-maggio

Varietà Imperial, Jean-Pierre, Lisette, Cartif… . sono selezionati per i loro fiori più luminosi.


Come far crescere la mimosa delle 4 stagioni?

L’acacia retinodesi è una pianta resistente e tollerante. Può resistere a qualsiasi tipo di terreno, anche calcareo se sufficientemente drenante e che richiede mezza ombra dal sole. Una volta radicata, diventa resistente alla siccità nonostante una radicazione superficiale. Per questo crede nei terreni poveri o poco profondi, e accetta persino di crescere nella sabbia, un’ottima frangivento che può resistere a un po’ di rugiada. D’altra parte, resiste solo fino a -5°C, il che limita il suo utilizzo in campo aperto al clima mediterraneo. Si installa in primavera, da piante in vaso con una palla di radice inalterata. Viene scelto piccolo perché assorbe meglio e, in ogni caso, cresce abbastanza velocemente. Sarà picchettato e innaffiato fin dalla sua prima estate.

La sua tolleranza alla siccità permette un facile invasamento, che può essere conservato in una serra fredda durante gli inverni più rigidi.


Mimosa delle quattro stagioni

I fiori possono essere usati come bouquet. Il Four Seasons Mimosa può essere potato una volta all’anno.


Altri usi della mimosa delle quattro stagioni

Questo cespuglio fa delle buone siepi frangivento, soprattutto sulla costa. Le sue radici poco profonde aiutano a trattenere il terreno friabile.

I fiori sono commestibili e possono essere mangiati come una ciambella.

I semi sono anche una buona risorsa alimentare; quando sono secchi, sono ricchi di zuccheri lenti, proteine e acidi grassi insaturi. Quando erano giovani, venivano mangiati come verdura. Diverse parti dell’albero possono produrre una colorazione naturale gialla o verde.

Tollerante del calcare, Retinodessert di acacia per altre specie di mimose.


I mimosa sono resistenti al freddo?

Probabilmente più di quanto pensassimo. La filloide, cioè le specie a foglia piatta ( retinode di acacia, A. vestita, A. armata, A. cultiformis ) tollerano da -5°C a -8°C. Le mimose con foglie composte bipennate ( Acacia dealbata, A. baileyana ) tollerano temperature da -8°C a -10°C. Ciò implica che devono essere piantati in un luogo protetto dai venti dominanti e in un terreno ben drenato. È vero che l’età dell’albero gioca un ruolo anche nella sua robustezza, poiché i giovani alberi sono più freddi di quelli con un tronco già ben sviluppato. Per evitare di correre rischi inutili, non appena la temperatura raggiunge i -5°C, avvolgere il ramoscello in una copertura invernale (contare almeno due strati).

La mia mimosa sembra essere coperta da una sorta di velo bianco latteo. È una malattia?

Si tratta in effetti di un attacco di cavallette ( Metcalfa pruinosa ). Questi insetti sono comparsi nel 1995 nel sud della Francia e da allora hanno causato notevoli danni alle colture ornamentali. Mimosa è molto suscettibile a loro.


La linfa della mia mimosa scorre attraverso la crosta, è normale?

In una mimosa che è stata sottoposta a un freddo intenso e prolungato (tre giorni a -5°C possono essere sufficienti in alcuni individui), la corteccia, che normalmente è già spaccata, può rompersi. Questo fa uscire la linfa, che può ricordare alla vite di “piangere”. Questi flussi tendono a esaurire l’albero, ma si solidificano abbastanza rapidamente.


Lo sapevi?

La mimosa botanicamente appartiene al genere Acacia, mentre l’acacia comune (o più precisamente la Robinia) designa una robinia, e il genere Mimosa, il sensibile (o mimeo). Per quanto riguarda il termine “Paris mimosa”, esso designa la Forsythia x intermedia . È evidente il rischio di confusione quando si usano nomi vernacolari al posto del linguaggio scientifico. In breve, tutte queste piante appartengono alla famiglia delle leguminose, un tempo chiamate “farfalle” e ora note come fabacee. Ma recentemente si sono separati per far posto alle Mimosacee! È semplice botanica!

Il genere Acacia contiene circa 1200 specie di alberi o arbusti diffusi in tutti i continenti tranne che in Europa. La maggior parte dei mimosa che coltiviamo sono originari del South Australia. Molte specie di acacie sono molto spinose, come le famose acacie ad ombrello ( Acacia xanthophloeca e Acacia horrida ) che sono molto rappresentative della savana keniota. Fioriscono come mimose, ma in quantità minore, e sono di colore bianco crema.

La mimosa delle quattro stagioni non ha foglie vere e proprie , ma “filode” che sono il risultato dell’appiattimento dei piccioli. Questi filodati permettono all’albero di resistere meglio alla siccità. Questa è una delle caratteristiche principali delle acacie australiane.

La generalizzazione della coltivazione della mimosa in Costa Azzurra è iniziata nel 1850 . Da allora, alcune specie si sono così ben acclimatate alla regione che si sono naturalizzate (si riproducono naturalmente). Questo è il caso di : Acacia baileyana , A cacia cacia cacia dealbata e Acaciadecurrens .

Gli alberi del genere Acacia hanno proprietà interessanti. Ad esempio, il catechu deriva dall’Acacia catechu, la gomma arabica dell’Acacia arabica. Dall’Acacia ferruginosa si estrae, oltre alla sostanza colorante, l’Acacia ferruginosa. I tannini di Acacia arabica e Acacia adansonia sono utilizzati da molto tempo.

Il legno molto duro degli alberi di acacia è stato a lungo utilizzato per gli scafi delle imbarcazioni .

Il nome Acacia è stato scritto con due c(Accacia) fino alla fine del XVIII secolo. Fu Malherbes, un grande difensore della lingua francese, a far scrivere l’Acacia con una sola c.

Il nome mimosa significa più della nostra bella Acacia . È soprattutto un nome di battesimo (piuttosto femminile, anche se indossato da Braccio di Ferro e Oliva), il qualificatore di una ricetta (uova di mimosa, i cui tuorli sono mescolati con la maionese), il nome di un profumo Gallimard.

Alcune acacie sono chiamate “mirmecofili” perché danno rifugio alle formiche . Sono specie prevalentemente africane che si riconoscono per la presenza di rigonfiamenti sui rami (Acaciaerioloba , A. spareacephala ).


Specie e varietà di acacia

Più di 1000 specie di arbusti di questo genere

  • Acacia dealbata, la mimosa
  • Acacia boormanii , Acacia nevosa del fiume Acacia
  • Acacia riceana , riso mimosa
  • Acacia pravissima, mimosa a foglie triangolari
  • Acacia iteaphylla , un po’ più rustica
  • Acacia greggi , specie nordamericane
  • Acacia longifolia , Mimosa Caterpillar

Mappe di piante dello stesso genere

  • Acacia boormanii , Fiume Mimosa innevato, Acacia innevata
  • Acacia dealbata , Mimosa invernale
  • Acacia longifolia , Mimosa dei bruchi, mimosa a foglia lunga

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *