Iridaceae

Gladioli


Gladiola


Botanica

Nome latino: Gladiolus

.
Famiglia: Iridaceae
Origine: Africa meridionale, Asia occidentale e bacino del Mediterraneo
Periodo di fioritura: da giugno a settembre
Colore del fiore : vario

Tipo di impianto : fiore

Tipo di vegetazione: lampadina

.
Tipo di fogliame:
deciduo

.
Altezza:
da 50 cm a 150 cm a seconda della varietà


Piantagione e coltivazione

Resistenza: moderatamente resistente, piantare lontano da un muro o portare gladioli quando torna il gelo

.
Esposizione: wi-day-sunny”> sole

.
Tipo di terreno : ordinario, ricco di humus, ben drenato
.
Acidità del suolo: neutro
.
Umidità del suolo: normale
.
Impiego:
solido, ideale per fiori recisi o può durare fino a 10 giorni

.
Piantare, reimpiantare:
Marzo, aprile, maggio a 10 cm di profondità

Metodo di propagazione: Semina, separazione delle lampadine a novembre
.
Malattie e parassiti :
muffa grigia, afidi, crio, lumache


Generale

Cosa c’è di più rilassante di una passeggiata in un vicolo di gladioli? Questo bulbo a fiori ci ricorda gli anni ’70 e le nostre lunghe gonne a fiori! E la buona notizia è che quest’anno la tendenza è tornata ai motivi floreali.

Il nome gladiul deriva dal latino gladius, e significa “spada”. Colori lisci o sfumati con tutte le sfumature dell’arcobaleno, le sue dimensioni possono arrivare fino a 1,50 m.

Piantate i gladioli in aiuole e avrete dei bellissimi fiori da mettere in un vaso. Se preferite piantarli in aiuole, sostituiranno tulipani e narcisi. Per un effetto naturale, annusateli in modo casuale, ma sempre in tre.

Affinché i gladioli possano fiorire per tutta l’estate, la semina deve essere scaglionata ogni dieci giorni da marzo ad aprile. La fioritura avviene da giugno a settembre. Uccide i gladioli, che sono molto sensibili al vento.

Tagliare i fiori non appena appassiscono. In autunno, quando il fogliame è appassito, si possono togliere i bulbi da terra e conservarli in un luogo fresco, asciutto e arieggiato.


I nostri consigli

Al momento dell’acquisto, scegliete bulbi molto grandi, vi regaleranno fiori più belli.


Consigli intelligenti per i vostri bouquet di gladioli!

Quando si fa un mazzo di fiori, rimuovere i boccioli superiori perché non si apriranno mai.

Preferisco i vasi stretti e dritti, in modo che i fiori si distinguano. Ma non esitate a tagliare gli steli troppo in alto.


Lo sapevi?

Il gladiolo deve il suo nome alla forma delle sue foglie a forma di spada. Fu fonte di ispirazione per la creazione di gioielli o per la decorazione di tappeti o tessuti tra i Semiti prima dell’era cristiana. A quel tempo, stava crescendo in modo selvaggio.

Gladiolo fu introdotto in Occidente nel XIX secolo dai collezionisti dell’epoca. Oggi, tra queste specie botaniche, ci sono quasi solo ibridi orticoli.


Specie e varietà di gladioli

Il genere comprende 180 specie. La maggior parte dei gladioli che conosciamo sono ibridi di specie sudafricane. Possiamo distinguere – i gladioli ibridi a grande fiore, una specie vigorosa con steli rigidi che possono raggiungere 1,50 m – i gladioli ibridi a fiore piccolo (o gladioli a farfalla) hanno fiori maestosi che generalmente hanno macchie colorate in contrasto con i petali inferiori, tendenti a somigliare a una farfalla. Primulinus gladiolo è una particolare varietà di gladiolo il cui petalo superiore ricopre il pistillo e gli stami del fiore come un piccolo tappo protettivo, rendendo difficile vedere il cuore del fiore. Glodiolus colvilleiet Gladiolus nanus , sono molto vicini, sono il risultato di un incrocio tra specie estive e invernali. Questi fiori sono bianchi, salmone o anche rossi.

Mappe di piante dello stesso genere

  • Gladiolo italico , Gladiolo italiano, raccolta di Gladiolo
  • Gladiolus murieliae , Gladiolus abyssinian, Acidanthus bicolor

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *