Iridaceae

Crocus


Zafferano

Croco a fiori viola


Botanica

Nome latino: Zafferano

Famiglia: Iridaceae
Origine: Altipiani a nord e ad est delle regioni mediterranee

Tempo di fioritura : Febbraio, marzo, autunno per alcune specie

Colore del fiore: bianco, giallo, viola
Tipo di impianto :
fiore

Tipo di vegetazione : bulbo

.
Tipo di fogliame: deciduo
.
Altezza: 15 cm


Piantagione e coltivazione

Resistenza : resistenza

Resistenza : resistenza
Esposizione: sole, mezza ombra
Tipo di terreno :
leggero, sabbioso, ricco, ben drenato

.
Acidità del suolo:
neutro
.
Umidità del suolo:
normale Uso: vaso da fiori, vaso, roccia, sottobosco, erba per le prime schegge, base di alberi e cespugli

.
Piantare, reimpiantare:
piantagione in autunno ad una profondità di 10 cm

.
Metodo di propagazione:
seme in telaio freddo in primavera, separazione dei bulbi piccoli Potatura: rimuovere i fiori appassiti
.
Malattie e parassiti :
resistente alle malattie, teme i roditori che potrebbero attaccare il cormo


Generale

LesCrocuss è un genere composto da piccole bulbose perenni, appartenenti alla famiglia delle Iridaceae. Questo genere rappresenta più di 100 specie (attualmente 127 specie e sottospecie). I crochi sono distribuiti nelle zone temperate del vecchio continente, nei climi mediterranei e montuosi. Sono distribuiti in tutta l’Europa centrale e meridionale, con pochissimi in Nord Africa, Medio Oriente e Asia centrale (Cina occidentale). Alcune delle specie di croco perfettamente resistenti sono comunemente vendute e coltivate come pianta ornamentale popolare che fiorisce in primavera, o a volte in autunno.

Anche i crochi vengono ibridati o selezionati in orticoltura per produrre piante molto vigorose e fiorite.


Descrizione dello zafferano

Lo zafferano è una pianta chiamata bulbosa nel senso generale del termine, il suo “bulbo” è infatti un cormorano spesso e arrotondato, spesso da 1 a 3 cm (un pezzo di rizoma), con un rivestimento marrone, più o meno reticolato e resistente. Il cormorano ha una crescita simpodica: produce un fiore di foglia per il suo bocciolo apicale e uno o più fili di cormorano sulla circonferenza, a volte alla fine di piccoli corridoi, per garantire la perennità dell’individuo.

I coccodrilli hanno un ciclo di crescita che generalmente dura dall’autunno alla primavera, per poi entrare in un periodo di dormienza durante l’estate. A volte questa crescita è per lo più in autunno, foglie e fiori appaiono in autunno ( Crocus saffronus), d In altri casi i fiori di croco in autunno, ma le foglie sono prodotte in primavera ( Crocus nudiflorus) . Altri mettono radici in inverno, ma non affiorano fino alla primavera ( Crocus tommasinianus, crocus vernus ); alcuni sono intermedi e fioriscono in inverno.

Lo sviluppo delle foglie avviene spesso dopo la fioritura. Le foglie, che possono crescere fino a 30 cm di lunghezza, sono strette, silicee, quasi come fili, ma appiattite con un nervo centrale generalmente bianco.

I fiori sono tubolari e molto lunghi, la base del fiore rimane a livello del suolo o sottoterra, e il tubo del fiore sboccia al sole, a pochi centimetri dal suolo. Il tubo del fiore è composto da 6 tepali malva, blu, viola, giallo, bianco… a volte marrone all’esterno o a strisce. Un’eccezione nella forma del fiore nel bellissimo Crocus batanicus : i 3 sepali sono molto grandi mentre i 3 petali sono piccoli e si trovano all’interno del fiore; sembra più un’iris.

I fiori sbocciano solo sotto i raggi del sole. Sono impollinati dagli insetti e producono una capsula sotterranea che emerge quando si disperde o a volte rimane sottoterra. I coccodrilli sono caratterizzati da un grande stile colorato e 3 stami.

La dispersione del seme è solitamente dovuta alle formiche.

Le foglie che si sviluppano dopo la fioritura permettono ai bulbi di crescere, immagazzinando sostanze nutritive in modo che il croco possa sopravvivere l’anno successivo.


Classificazione del cromo

Si è tentato di suddividere le circa cento specie di zafferano in serie o sottogeneri, ma queste sono spesso messe in discussione.

2 tipi di piante possono essere confusi con i coccodrilli, anche se non appartengono alla stessa famiglia:

  • Sternbergia(Amaryllidaceae): la Sternbergia lutea è conosciuta come il croco autunnale.
  • Colchico o colchico (Colchicaceae), molto simile nella forma a Crocus, ma con 6 stami.


Come piantare e coltivare i crochi?

I bulbi vengono piantati o spostati in estate e in autunno, durante il periodo di riposo. Se si tratta di una pianta a fioritura croccante e autunnale, deve essere piantata il più presto possibile, a fine agosto o inizio settembre, in quanto è in grado di fiorire già a settembre. I coccodrilli primaverili possono essere piantati in ritardo: possono essere piantati fino a circa ottobre, più tardi il risultato è più incerto.

I coccodrilli apprezzano un terreno relativamente drenante: se il terreno è argilloso, i bulbi finiranno per depositarsi in un piccolo letto di ghiaia. D’altra parte, perché le loro corolle si “aprano”, hanno bisogno dei raggi del sole invernale. Sono sepolte sotto circa 5 cm di terra, sparse o raggruppate secondo il loro gusto.

Ci sono due tipi di coccodrilli:

  • chi preferisce un terreno abbastanza umido e ha bisogno di rimanere fresco anche d’estate, può essere sistemato in aiuole accanto a piante perenni per ricoprirle di fogliame in estate o stenderle sul prato.
  • quelli che richiedono un drenaggio esteso e una stagione estiva asciutta, che saranno più adatti alle rocce o alle buche d’acqua.

I coccodrilli tenderanno a moltiplicarsi e a naturalizzarsi moltiplicando le lampadine o anche seminando. Il re della naturalizzazione nei giardini tra i coccodrilli è Crocus tommasinania: quando gli piace, può moltiplicarsi quanto un muscari armeno. Tuttavia, ci sono tre motivi principali per cui i coccodrilli possono essere danneggiati:

  • si sono moltiplicati molto nel corso di diversi anni e poi il numero di fiori diminuisce: il gruppo croccante deve essere rimodellato, diviso e ripiantato: i bulbi tendono ad affondare troppo in profondità nel terreno nel tempo.
  • i fiori sono meno numerosi, scoloriti o deformati: questi croccanti sono rivoltati! Non c’è altro da fare se non sbarazzarsi di loro in modo che non infettino il resto dell’ambiente.
  • I coccodrilli sono una delizia anche per i topi di campagna o per i topi. Possono essere protetti da questa predazione al momento della semina, in un cestino o in un cestino a maglie fini in filo metallico per polli.


Specie coltivate

Sono coltivate solo circa 30 specie, ma solo poche specie di croco e cultivar orticole sono comunemente messe in vendita:

Il croco vernus, il croco napoletano (e le sue cultivar olandesi) è il croco del giardiniere per eccellenza: indifferente alla natura del terreno, gli piace ovunque tranne che in situazioni troppo calde e troppo secche.

Crocus biflorus(e i suoi ibridi) è l’omologo di C rocus vernus, ma si adatta meglio alle situazioni calde e secche, quindi alle rocce.

Crocus chrysanthus, apprezza che il terreno si asciughi un po’ in estate e quindi ama la rugiada.

Il croco sieberi è un croco autunnale abbastanza facile da coltivare.

Il Crocus tommasinianus è un eccellente croco da giardino, in grado di naturalizzarsi rapidamente in prati o aiuole. Si dovrebbe anche evitare di metterlo nelle rocce dove si mescolerebbe troppo con altre piante.

Crocus flavus, il croco giallo, è un croco che ama asciugarsi in estate, quindi si adatta al terreno roccioso;

Altre specie, più rare in coltivazione ma ugualmente adattabili al giardino, si possono trovare presso i coltivatori e i rivenditori specializzati:

Crocus saffronus (zafferano), etruscus, minimus, pestalozzae, malyi e fleischeri sono specie fiorite in autunno, così come Crocus nufdiflorus , il nostro croco pirenaico che ama la terra fresca.

Crocus imperati e è una pianta a fioritura primaverile, ma può iniziare a fiorire già a dicembre.

A volte vengono proposte altre specie per la coltivazione, ma richiedono maggiori competenze e conoscenze.


Lo sapevi?

Il nome crocus deriva dal greco krokos che significa “zafferano”.

Lo zafferano viene estratto da Crocus sativus. Ci vogliono più di 150.000 fiori per produrre un chilo di zafferano fresco, che è solo un quinto di un chilo, una volta asciutto! Così capirete il prezzo di questa spezia, che è la più costosa.

Dal Medioevo alla fine del XIX secolo, la città di Boynes (tra Beauce e Gâtinais) è stata la capitale francese dello zafferano. La pianta era così venerata da essere automaticamente inclusa nella dote delle giovani donne che si sposavano. C’era anche un carnevale dello zafferano e ancora oggi la regione ospita il museo dello zafferano.

Lo zafferano è conosciuto fin dall’antichità. Appare già nelle opere di Omero e Virgilio. Gli egiziani, poi gli ebrei, gli indiani e anche i persiani la coltivavano per raccogliere la famosa spezia che usavano per profumare il loro cibo. In queste civiltà lo zafferano veniva usato anche come offerta agli dei e come colorante per la seta. I Romani, invece, lo apprezzavano particolarmente come infuso.


Specie e varietà di zafferano

Il genere è composto da circa 80 specie

.

  • Il crisantemo zafferano ha molti colori
  • zafferano crema di bellezza al crisantemo
  • Lo zafferano vernusis è uno zafferano a fiore grande che fiorisce in primavera
  • Croco sativa il croco allo zafferano. Lo zafferano viene estratto dagli stimmi rosso-arancio del fiore.

Mappe di piante dello stesso genere

  • Crocus sativus , Zafferano

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *