Lamiacee

Coleus, Colioleus


Coleus, Coliole

Colleus, Coliole, Solenostemon


Botanica

Nome latino: Plectranthus

.
Sinonimo : Solenostemon
Solenostemon
Famiglia: Lamiaceae, Labiatae
Origine: Foresta tropicale dell’Africa, America e Asia (Giava)

.
Tempo di fioritura:
estate

.
Colore del fiore: rosa, fiori senza interesse

.
Tipo di impianto :
fogliame decorativo

Tipo di vegetazione: perenne, coltivata come
annuale
Tipo di fogliame: perenne

Altezza: fino a 50 cm Tossicità: alcuni Coleus sono tossici


Piantagione e coltivazione

Resistenza: non rustica

.
Esposizione: mezza tinta, ombra

.
Tipo di terreno :
limoso

.
Acidità del suolo:
neutro
.
Umidità del suolo:
fresco Uso: bordo, rockery, piantagione in vaso , vaso: primavera

.
Metodo di propagazione:
Semina a caldo in primavera, talee d’acqua molto facili da mantenere all’interno per la primavera successiva Potatura: Pizzicare regolarmente i giovani germogli per mantenere la pianta compatta
.
Malattie e parassiti :
afidi, ragni rossi, lumache


Generale

Il coleus o coliole è una pianta erbacea del genere Solenostemon, ex coleus. Se nel loro ambiente naturale i Coleus sono perenni, alle nostre latitudini sono coltivati essenzialmente come annuali per la bellezza del loro fogliame. Il gran numero di varietà, ibridi e cultivar offre una gamma di colori impressionante: dal giallo al verde, dal rosa pallido al rosso scuro o addirittura viola, liscio o bicolore, a volte anche tricolore.

Generalmente seghettate e ovali, le foglie sono l’unica attrazione della pianta; i fiori, raggruppati in piccoli grappoli blu, sono abbastanza insignificanti da essere sacrificati per un fogliame più opulento. Attenzione! Gli steli carnosi sono fragili.


Usi

Il Coléus, da tempo fuori moda, sta gradualmente tornando ad illuminare balconi o catene montuose in climi temperati. Molte varietà appaiono regolarmente dall’Asia. La varietà di colori e forme del suo fogliame la rende una pianta ideale per vasi e fioriere, ad esempio per decorare un vaso di begonia in un punto ombreggiato. Ma si possono anche usare per fare dei bordi o anche un colorato letto a mosaico.


Cultura

Molto facile da coltivare, il Colleus apprezza la luce, ma non i raggi del sole, che sono troppo caldi; le foglie perderebbero così i loro colori. Pertanto, per la coltivazione all’aperto, preferire un’esposizione in penombra. Se lo si coltiva in casa, collocarlo in un locale luminoso e senza luce diretta del sole. In queste condizioni, è possibile ottenere una pianta perenne.

Si raccomanda un terreno ben drenato, ricco e fertile.

La semina avviene tra aprile e maggio; attenzione alle ultime gelate. Scegliete anche un luogo protetto dal vento. In estate non esitate ad annaffiarlo per mantenere fresco il terreno.

La pianta non apprezza le temperature negative; durante i primi freddi il fogliame diventa giallo. È ora di strapparlo via!

Dal punto di vista della propagazione, è possibile piantare piantine ma le talee d’acqua sono molto facili: procedere in autunno o in primavera e tenere le talee al chiuso per la primavera successiva


Manutenzione

Per le colture in vaso, da giugno a settembre, applicare un po’ di fertilizzante liquido ogni due settimane.

Tenere sempre la motocicletta bagnata e scaricare l’acqua in eccesso rimasta nel piattino.

Pizzicare regolarmente i giovani steli per ottenere una forma compatta. Anche i fiori dovrebbero essere rimossi non appena compaiono.


Lo sapevi?

  • Ci sono varietà di Coleus che formano arbusti, come il Coleus barbatus

    .

  • Il Coleus amboinicus ha proprietà medicinali; è in particolare antisettico, febbrifugo, disinfettante e digestivo


Specie e varietà di Plectranthus

Il genere comprende circa 60 specie

  • Aladdin Coleus con fogliame seghettato rosso scuro
  • Coleus “Starpride” con fogliame multicolore giallo, verde e rosa
  • Il coleus canino, soprannominato la pianta anti-piscia perché tiene lontani cani e gatti a causa dell’odore sgradevole del suo fogliame

Mappe di piante dello stesso genere

  • Plectranthus amboinicus , Borragine indiana, grande timo dei Caraibi, origano cubano

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *