Oxalidaceae

Oxalis bonsai


Bonsai di Oxalis


Botanica

Nome latino: Oxalis megalorrhiza

.
Sinonimo: Acetosella megalorrhiza

Famiglia: Oxalidaceae

Origine : Cile, Perù, Bolivia

Tempo di fioritura: da giugno a settembre

.
Colore del fiore: giallo brillante
.
Tipo di impianto: caudex, caudiciforme o paquicola
Tipo di vegetazione:
perenne

.
Tipo di fogliame:
deciduo

.
Altezza:
40 cm


Piantagione e coltivazione

Resistenza: minimo 2°C, resiste a temperature molto elevate

.
Esposizione: luminoso, dietro a una finestra

.
Tipo di terreno :
terreno con drenaggio profondo : terreno da giardino + sabbia


da neutro a basico, non teme il calcare
.
Umidità del suolo:
secca, annaffiatura regolare durante l’estate Uso: pianta della casa, veranda

.
Piantare, reimpiantare:
in pentole profonde da marzo ad agosto

.
Metodo di propagazione:
semina


Generale

La Oxalis megalorrhiza è un impianto caudex, cioè produce riserve di acqua ed energia sotto forma di una parte gonfia, più o meno sotterranea. Questo è ciò che permette a questa pianta di resistere a lungo senza bisogno di irrigare e di colonizzare gli ambienti semidesertici del Sud America.

Oxalis megalorrhizae ha foglie composte da 3 foglioline, portate da un lungo fusto; la forma è molto simile alle foglie di trifoglio. Queste foglie, così lucide da sembrare verniciate, sono raggruppate in cima a uno spesso fusto segnato dalle cicatrici delle vecchie foglie. Questo stelo è a sua volta trasportato da un tubero. Il tubero si ramifica nel terreno, mandando radici lunghe e profonde nel terreno.

Le foglie giovani sono sensibili al tatto: se il centro delle foglie viene leggermente premuto, si genera un movimento attivo di piegatura verso il basso dei foglietti, soprattutto in caso di freddo, e si piegano anche se manca l’acqua.

I fiori piatti, gialli, di 2 cm di diametro, si aprono durante i mesi estivi. Crescono su steli ramificati. Grazie all’autoimpollinazione, producono facilmente piccoli semi marroni che, fedeli al genere Oxalis, vengono proiettati lontano da un meccanismo a molla. Poiché la semina è relativamente facile, non è raro che questa pianta invada lentamente i vasi dei vicini, soprattutto in una serra o in una veranda riscaldata.


Come crescere Oxalis megalorrhiza

È uno dei caudiciformi più facili da coltivare, ma purtroppo è raramente messo in vendita se non dai produttori di cactus e xerofite. Come tutte queste piante di terraferma, richiede un mix drenante, che consiste nell’aggiungere sabbia o perlite al terriccio del giardino o, se troppo pesante, un terriccio ben decomposto.

Le annaffiature, che possono essere effettuate con acqua di rubinetto, si fanno regolarmente durante i mesi estivi: innaffiamo non appena il substrato è asciutto. Quando la pianta ha sete, le sue foglie si ripiegano. Oxalis megalorrhiza ama l’atmosfera calda di una terrazza, può resistere a temperature fino a 40°C, ma si accontenta anche di una finestra dell’appartamento ben esposta.

Alla fine di settembre, l’approvvigionamento idrico viene ridotto e poi interrotto, poiché la pianta ha bisogno di una pausa invernale. La temperatura ideale sarà quindi compresa tra i 10 e i 15° C. L’ossalide megalorrea può perdere tutte le sue foglie in inverno. Nell’appartamento bisogna evitare di far ripartire troppo velocemente la vegetazione a causa di innaffiature premature, perché se non c’è abbastanza luce, la pianta si capovolgerà e si indebolirà.


Come riprodurre Oxalis megalorrhizae

La pianta produce semi che possono essere seminati dalla produzione nella stessa miscela della pianta madre, senza esposizione diretta al sole e mantenendo una buona umidità per 2 o 3 settimane. Quando le piantine hanno 3 o 4 foglie, devono indurirsi alternando 4 giorni umidi e 3 giorni secchi (circa). La crescita delle foglie è rapida, è il caudex e gli steli spessi che richiedono più tempo per svilupparsi.


Lo sapevi?

Oxalis megalorrhiza fa parte delle okas del Perù, vi si consuma. La sua radice è vicina al gusto della patata ma con un sapore più acido.


Specie e varietà di Oxalis

Il genere comprende più di 500 specie diverse, la maggior parte delle quali sono piante bulbose o rizomatose

.
.
Mappe di piante dello stesso genere

  • Oxalis bowiei , Oxalis de Bowie
  • Oxalis corniculata var. Atropurpurea , Oxalis corniculata
  • Oxalis crenata, Oxalis tuberosa , Oca peruviana, Tartufo acido
  • Oxalis deppei , Quadrifoglio, Oxalis deppei , Oxalis deppei , Quadrifoglio, Oxalis deppei , Quadrifoglio, Oxalis deppei , Quadrifoglio, Oxalis deppei , Quadrifoglio, Oxalis deppei
  • Oxalis obtusa , Acetosella gialla

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.