Rosaceae

Pera (Pera)


Pera (Pera)


Botanica

Nome latino: Pyrus communis

.
Famiglia: Rosaceae
Origine: Asia Minore

Tempo di fioritura: primavera

.
Colore del fiore: bianco rosa

.
Tipo di impianto :
Albero da frutto

Tipo di vegetazione: perenne

.
Tipo di fogliame:
deciduo

.
Altezza:
fino a 15 m Tossicità : frutta commestibile


Piantagione e coltivazione

Resistenza: -20°C

.
Esposizione: sole

.
Tipo di terreno :
argilloso, pesante

.
Acidità del suolo:
neutro, non calcareo
.
Umidità del suolo:
normale uso: giardino di frutta

.
Piantare, reimpiantare:
autunno

Metodo di propagazione: innesto a piastra Joule, semina infedele Potatura: un soggetto libero (forma naturale) non richiede potature frequenti Ogni 4-5 anni, potare il pero alla fine dell’autunno per aumentare la fruttificazione e ritardare l’invecchiamento. I soggetti formati devono essere potati per ottenere il frutto. L’obiettivo è quello di avvicinare il più possibile la fruttificazione del ramo della foresta al bosco.

Malattie e parassiti : crosta, monilia, ruggine, ruggine, fuoco batterico, falena della frutta, mosca della frutta, hoplocampus, mosca della frutta


Generale

Il pero può essere goduto tutto l’anno. Il suo fogliame deciduo, ellittico, di colore verde brillante, è fitto e denso. L’albero da frutto può essere usato come schermo vivente, come sfondo per scene floreali e vegetali o come un bel volume per strutturare lo spazio.

L’autunno è la stagione per accogliere uno o più peri. Non esitate a giocare con tutte le forme proposte per unire l’utile al dilettevole. Sei impaziente o hai un piccolo giardino?

Optate per le pere in traliccio! Questi alberi da frutto occupano spazio in altezza e in larghezza ma poco in volume. Permettono ai piccoli giardini di ospitare alberi da frutto e ai grandi giardini di beneficiare di un maggior numero di varietà. I frutti sono meno numerosi ma più belli e più grandi che in forme libere. È vero che il loro prezzo è più alto perché ci vogliono diversi anni per addestrarli. Il loro interesse decorativo giustifica un’ulteriore cura: traliccio contro un muro o controsostegno su una cornice, potatura dei frutti. Che ne dite di un balcone?

Non preoccupatevi: le forme nane (1,5 m in media per un bambino di 6-7 anni) o a colonna (i rami fruttiferi sono distribuiti lungo il tronco) crescono facilmente in grandi vasi o tuberi. Hanno beneficiato di ricerche su varietà gustose, resistenti alle malattie e autofertili. I frutti non sono in miniatura, contrariamente a quanto si crede! Avete un grande giardino o un frutteto?

È possibile scegliere tra forme naturali (stelo alto, stelo basso) o scolpite (fuso, coppa). Non c’è bisogno di preoccuparsi del supporto e delle dimensioni del frutto. Basta avere pazienza per 5 o 6 anni per avere i primi frutti. Scegliere forme basse per facilitare la manutenzione e la raccolta.


Quando devono essere raccolte le pere?

È meglio raccogliere le pere prima che siano mature quando il frutto è compatto. Tra qualche giorno a casa saranno mature. Nelle pere, la maturità del raccolto spesso precede la maturità del gusto. Un buon trucco per sapere se è il momento di scegliere: prendete la pera e girate la mano delicatamente. Se sfugge facilmente, con il suo gambo, che è una condizione di buona conservazione, è il momento di raccoglierlo. Altrimenti, aspettate qualche giorno.


Il mio pero produce molto ogni due anni…

Pere come prugne, albicocche e mele possono essere ruotate. Un anno di abbondanza e un anno di vacche magre. Un metodo semplice per regolare la produzione è la potatura in inverno dopo un anno di vacche magre.


Perché il mio pero non dà frutti?

Come molti alberi da frutto, i peri non sono autofertili. Hanno bisogno di polline di un’altra varietà in modo che la fecondazione dei fiori possa avvenire (impollinazione incrociata). Dovete quindi assicurarvi che ci sia almeno un altro pero di una varietà compatibile vicino al vostro albero (in un raggio di circa 50 metri). Si chiama impollinatore (è indicato per ciascuna delle varietà presentate).


Metto su due palme, come le tengo?

Riparare l’armatura in anticipo. Installare i pali tenendo conto delle dimensioni della palma. Stringere i fili ogni 40 cm fino all’altezza della palma adulta. Sistemate la vostra fila di palme da nord a sud in modo che gli alberi possano godersi il sole tutto il giorno. Se posizionate i vostri peri contro un muro, tenete i cavi ad almeno 20 cm dalla parete per consentire la circolazione dell’aria.


Il fogliame dei miei peri è coperto per buona parte dell’estate da una specie di polvere bianca, nonostante i trattamenti con miscela bordolese!

A quanto pare, il trattamento della miscela bordolese non è sufficiente per controllare l’oidio. Provate a trattare i rami nudi del vostro pero in inverno con una soluzione diluita di permanganato di potassio (compatibile con il giardinaggio biologico). Le confezioni sono disponibili in farmacia, basta sciogliere la polvere di violetta al ritmo di 3 g per un annaffiatoio da 10 L.


Come si addestra un giovane pero?

Una soluzione economica, ma bisogna avere pazienza! Acquisto di uno stelo: giovane soggetto di un anno con un solo germe verticale. Potare all’altezza del tronco desiderata, che sarà il punto di partenza per i futuri carpentieri.


Come si restaura un vecchio pero?

Nei giorni di vento, tagliate a metà i rami della carpenteria e rimuovete tutto il legno morto o smarrito. Su una palma, inoltre, far piegare tutti i falegnami all’altezza desiderata. Togliere le corone indossate dai falegnami con una potatura molto corta. Alla loro base, gli occhi dormienti si svilupperanno presto.


Il mio pero è innestato su un albero di mele cotogne, perché?

La scelta del portainnesto determina il vigore dell’albero da frutto e la sua radicazione, innestando su un pero selvatico per ottenere un soggetto libero o un albero destinato a crescere in terreni poveri, calcarei o che non trattengono bene l’umidità. L’innesto di melo cotogno (la maggior parte dei peri commerciali) produce alberi di ridotto vigore che sono adatti per palme, cordoni e fuseruole, ma richiedono un terreno ricco e fresco perché le radici sono poco profonde.


Come posso tagliare il mio pero impalato?

Clicca qui per vedere il foglio di potatura di meli e peri.


Lo sapevi?

  • La pera divenne famosa durante il regno di Luigi XIV grazie al giardiniere del re, Jean de la Quintinie (1624 – 1688), che decise di coltivare molte varietà di pere nel famoso “Potager du Roi” di Versailles.

  • Il legno di pero è molto facile da lavorare. È comunemente usato in ebanisteria, intarsio, scultura, liuteria. Viene utilizzato nella fabbricazione dei tasti del pianoforte.


Specie e varietà di Pyrus

Il genere comprende circa 30 specie – la pera Beurré Hardy è molto resistente, il che la rende un successo in tutte le regioni. Il frutto carnoso, a forma di piramide, è ricoperto da una buccia di colore bruno-verdastro. La polpa soda è leggermente acida, ma molto profumata. – La pera Williams ha una buccia bionda e una forma rotonda e robusta. La sua pelle morbida e lucida rivela alcune lentiggini. Chiamata anche Bon-Chrétien, questa pera viene raccolta verde e matura nel tempo. Molto dolce, fondente e succosa, la pera Williams sprigiona aromi muschiati arricchiti da qualche piccolo punto acido. – La pera Louise Bonne dAvranches è un successo in tutte le regioni. L’albero produttivo produce un’abbondanza di bacche allungate di colore verde-giallo con polpa soda, non molto succosa, ma deliziosamente acida.

Mappe di piante dello stesso genere

  • Pyrus pyrifolia , Nashi, Pera asiatica, Pera di mela

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *