Funghi

Kretzschmaria deusta

Caratteristiche macroscopiche

Caratteristiche:

Carpoforo formato da una sorta di crosta attaccata al substrato che può sporgere da esso di poco meno di 1 cm. Nella prima fase del suo sviluppo si presenta come una serie di individui separati l’uno dall’altro, di colore biancastro o grigio e di piccole dimensioni, con i bordi rialzati più alti del centro, che funge da collegamento con il substrato. Diventano più scure dal centro, mentre si espandono e tendono ad unirsi formando croste fino a 10 cm in alcuni casi. In questo stato sono di solito conosciuti, con un colore nero che dà la sensazione di essere carbonizzati, e addirittura emettono una sorta di fuliggine. Come accade in alcuni Ascomiceti ha queste due forme di presentazione, una prima conidiale, e la seconda ascetica.

Imenio immerso all’interno, dove si può vedere un piccolo foro che ospita i vermi cilindrici, che vengono rilasciati all’esterno attraverso un piccolo foro chiamato ostio.

Carne dura, di consistenza simile al carbone, con quasi nessun odore.

Habitat:

È una specie non troppo frequente che compare durante la primavera nella sua fase conidiale, essendo in autunno quando gli individui maturi si trovano in fase ascogenica. Frutta sul legno di platani, con una particolare predilezione per il faggio.

Commenti:

Questo fungo è caratterizzato dalla formazione di croste di aspetto bruciato su legno di faggio, le sue notevoli dimensioni lo differenziano dai funghi del Genere Hypoxylon. La specie più simile a questa è forse l’Annulohypoxylon multiforme, che forma anche croste su legno di forma irregolare, anche se il suo colore non è così nero carbone, e il suo habitat principale sono le betulle.

Ulteriori informazioni:

  • Nome comune:
    Ustulina quemada, zarakar-kimo.
  • Sinonimo:
    Ustulina deusta (Hoffm.) Lind

Tassonomia:

  • Divisione:
    Ascomycota
  • Suddivisione:
    Ascomicotina
  • Classe:
    Himenoascomiceti
  • Sottoclasse:
    Pyrenomycetidae
  • Ordine:
    Sphaeriales
  • La famiglia:
    Sphaeriaceae

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *