piante d'appartamento

Ficus ginseng: guida alla cura e alla manutenzione

Il mondo dei ficus comprende un gran numero di specie interessanti per la loro capacità di adattarsi alla coltivazione indoor e outdoor. Tra tutti, una specie molto nota è il Ficus ginseng. Questa specie, conosciuta scientificamente anche come Ficus microcarpa , è adattata alla coltivazione nei bonsai.

In questa guida vi mostreremo le principali caratteristiche e cure di questa pianta, con consigli sulla sua manutenzione, come mantenere questo bonsai e alcuni problemi che possono presentarsi durante il suo sviluppo.

Caratteristiche del Ficus ginseng

Il nome più noto per questa pianta è Ficus ginseng, anche se ha anche nomi comuni come fico del Bengala, alloro indiano o Ficus retusa.

Il genere Ficus comprende un grande volume di piante, la cui origine è localizzata in tutta la vasta area del continente asiatico, soprattutto nel sud e sud-est.

Tuttavia, oggi è diffuso in un’ampia varietà di paesi, tra cui la Spagna, dove si è adattato molto bene nelle aree del Mediterraneo e vicino alla costa.

Il Ficus ginseng è un albero perenne, motivo per cui molte persone si sono cimentate nella sua coltivazione come pianta da interno, poiché mantiene le sue foglie carnose e verdi durante tutto l’anno. L’albero può raggiungere fino a 15 metri di altezza per molti anni.

A causa della sua lenta crescita, molte persone lo usano come bonsai, dove piattaforme come Ikea lo hanno reso di moda e se ne possono acquistare degli esemplari a prezzi molto competitivi.

Cura principale del Ficus ginseng

Il Ficus ginseng è usato frequentemente nel giardinaggio, in quanto è considerata una pianta resistente e la sua cura è relativamente facile. Infatti trova largo impiego nei parchi e nei giardini pubblici.

Tuttavia, questo albero offre anche la possibilità di essere coltivato indoor. La sua crescita lenta gli permette di adattarsi alle consuete condizioni di temperatura e umidità all’interno della casa. Per questo, dovremo tener conto che la disposizione alla luce e il contributo dell’irrigazione sono i compiti più delicati per il suo mantenimento.

Infine, viene sempre più utilizzata come specie bonsai, soprattutto per i principianti, per la sua facilità di manutenzione. Anche così, durante la tua coltivazione possono sorgere problemi che ti aiuteremo a risolvere alla fine di questo articolo.

Dove trovare il mio Ficus ginseng

Climatologia

I ficus ginseng si adattano alle zone dove non ci sono eccessivi sbalzi di temperatura. Per questo motivo, in Spagna è comune vederlo nelle aree del Mediterraneo, Isole Baleari e Canarie.

Se coltivata all’aperto, va protetta dal gelo, in quanto è una specie sensibile e smette di crescere quando la temperatura scende sotto i 10ºC.

Preferisce una posizione in pieno sole, poiché è una pianta che richiede luce.

All’interno della casa, la posizione migliore è in una zona illuminata, senza sbalzi di temperatura, come vicino a una finestra, con i raggi del sole a disposizione.

La mancanza di luce è un problema per il Ficus, poiché può causare la caduta delle foglie e la perdita del verde originale.

A livello di umidità, per la sua origine nel cuore del sud-est asiatico, prediligono le zone ad alta umidità. In casa, di tanto in tanto possiamo irrorare la pianta in maniera fogliare, evitando acque molto calcaree per non macchiare le foglie.

substrato e terreno

Il Ficus ginseng coltivato all’aperto è esigente in termini di conservazione dell’umidità a livello del substrato. Per questo motivo è consigliabile utilizzare materiali porosi che trattengano bene l’acqua, come torba o materia organica.

Questi elementi consentono inoltre un’ottima ossigenazione delle radici, a differenza delle tessiture argillose e di dimensioni molto ridotte.

Se si coltiva per i bonsai, i migliori consigli per il substrato sono la scelta del 100% di Akadama o dell’80% di Akadama e del 20% di ghiaia vulcanica.

Irrigazione

L’irrigazione del Ficus è abbastanza semplice, fornendo acqua quando vediamo il substrato asciutto. Questa irrigazione deve essere generosa, quindi se la coltura è in vaso, è importante avere un buon sistema di drenaggio e un substrato poroso. Ciò consentirà di rimuovere l’acqua in eccesso e prevenire il ristagno di acqua, in quanto è il principale nemico delle radici sane.

Per mantenere l’umidità ambientale, requisito necessario per la salute ottimale del nostro Ficus ginseng, si consiglia inoltre, almeno 1 o 2 volte a settimana, di spruzzare o nebulizzare sulla parte fogliare acqua a basso contenuto di calcare.

Abbonato

Durante la primavera e l’estate è possibile aggiungere un fertilizzante liquido insieme all’acqua di irrigazione. In generale, questo tipo di fertilizzante viene solitamente applicato ogni 2 settimane, alla dose consigliata dal produttore. A fine articolo vi proponiamo alcuni interessanti prodotti per la concimazione del Ficus.

Nella coltivazione dei bonsai è più conveniente utilizzare fertilizzanti liquidi miscelati con acqua di irrigazione rispetto ai fertilizzanti solidi granulari.

Moltiplicazione

Sebbene ottenere una giovane pianta di Ficus ginseng sia abbastanza economico, possiamo anche moltiplicare una pianta, ottenendo tutta la genetica identica della pianta madre, attraverso talee. Questa tecnica viene eseguita utilizzando i nuovi germogli che si sviluppano in estate.

Possiamo invece utilizzare anche la tecnica della stratificazione aerea, mediante la quale un giovane ramo a cui è stata rimossa la corteccia viene messo a contatto con un substrato umido in modo che generi le proprie radici. Questa operazione, sebbene più complicata del taglio, viene solitamente eseguita in primavera.

Potatura e manutenzione

Con la potatura si regola lo sviluppo della pianta, oltre a stabilire una forma particolare per l’albero. Questa operazione viene eseguita frequentemente nel caso di coltivazione di bonsai. Solitamente si effettua durante i mesi primaverili ed estivi, pulendo le foglie malate o i rami storti o incrociati.

In generale, l’operazione più comune del Ficus ginseng è la potatura di formazione e pulizia dei rami.

Problemi principali

È normale che a causa di situazioni a noi esterne o per cattiva esecuzione dell’ubicazione del nostro Ficus o dell’approvvigionamento idrico, sorgano problemi. Senza essere cauti e agili, tutto può essere risolto.

Piaghe e malattie

Il Ficus ginseng è sensibile ad alcuni parassiti e malattie, inclusa la cocciniglia. In questa tipologia di insetti dividiamo quelli dal corpo molle, dove spicca la cocciniglia cotonosa, anche se si può vedere anche la cocciniglia nervata, il cui corpo, anch’esso bianco, si gonfia un po’ sopra i fusti della nostra pianta.

Sul legno vivo possono comparire anche diversi tipi di pidocchi dal corpo duro, come il pidocchio rosso ( Chrysomphalus dictyospermi) o il pidocchio nero ( Saissetia oleae). Il primo caso è costituito da insetti immobili che si attaccano come patelle al tronco, dal corpo appiattito e di colore rossastro o aranciato.

Il modo per eliminare questo tipo di parassita è l’irrorazione fogliare con diversi prodotti insetticidi. Se si vogliono utilizzare strumenti ecologici, anche il sapone al potassio è una buona alternativa, ad alte dosi e ripetendo frequentemente l’applicazione fino a quando il parassita non sarà completamente eliminato.

Nel caso dei bonsai, un vecchio spazzolino da denti imbevuto di acqua saponata può essere utilizzato per eliminare per contatto tutti questi tipi di parassiti, in particolare gli insetti conchiglia.

Per quanto riguarda le malattie, solo in situazioni di elevata umidità ambientale e substrato impregnato d’acqua possono insorgere funghi che sfruttano il Ficus indebolito. Malattie del collo come la Phytophthora che bloccano i canali di circolazione della linfa e seccano interi rami.

caduta delle foglie

La caduta di alcune foglie è un normale processo di ricostituzione del Ficus ginseng. Tuttavia, quando il volume del fogliame caduto è alto, è segno che sta succedendo qualcosa e bisogna intervenire.

La caduta delle foglie può essere dovuta a diversi fattori. Uno di questi è la mancanza di luce, che provoca disturbi fisiologici che producono ormoni dello stress come l’etilene o l’acido abscissico. La soluzione è posizionare il nostro Ficus ginseng in un ambiente con più luce e sole, soprattutto vicino a una finestra.

Se l’ambiente è estremamente secco, può anche causare la caduta di alcune foglie, quindi non dimenticare di spruzzare frequentemente le foglie o utilizzare un umidificatore

Infine, un allagamento del substrato, con apporti continui di acqua, può causare soffocamento radicale che porta alla caduta delle foglie. Vedremo queste foglie deboli e molto sciolte, disposte verso il basso dalla gravità stessa.

Prezzo d’acquisto

È comune trovare in molti vivai, ipermercati o centri di bricolage (come Ikea), vasi con Ficus macrocarpa disposti a forma di bonsai, ad un prezzo molto conveniente.

In quest’ultimo stabilimento possiamo trovare specie giovani ma con un tronco abbastanza sviluppato tra gli 8 e i 10 euro. Troverai anche opzioni con più età di coltivazione e un tronco più voluminoso per circa € 30, in vasi fino a 22 cm.

Quello che si consiglia secondo gli esperti di bonsai è di cambiare il substrato il prima possibile, poiché è una miscela di fibre e torba che non contribuisce in alcun modo alla coltura, sostituendolo con le raccomandazioni che abbiamo fatto nella sezione substrato, sopra.

prodotti correlati

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.