piante d'appartamento

Passaggio da seguire per la coltivazione della gardenia in giardino

Un giardino o un terrazzo possono essere vuoti senza la presenza della gardenia nel suo gran numero di specie che la rappresentano. Un ornamentale che si distingue, principalmente, per la quantità e la qualità dei fiori.

Il principale rappresentante di questo genere di piante è la Gardenia jasminoides,  pianta con particolarità e che si adatta alla coltivazione in vaso, con varietà innestate che rispondono molto bene alla potatura. In questo articolo vedremo le principali caratteristiche e consigli di cui abbiamo bisogno per coltivare la gardenia nel nostro giardino o vaso.

Scoprirai qual è l’ambiente più adatto per avere la nostra pianta, le caratteristiche del terreno, l’irrigazione e la concimazione, le opzioni per moltiplicarla, le potature, i parassiti e le malattie e le principali problematiche che dobbiamo affrontare.

Gardenia come pianta

La gardenia è considerata un arbusto, anche se ben potata può avere una dimensione adeguata per la sua coltivazione in vaso. Tutte le specie di questo genere di solito hanno foglie dure e verde brillante e producono una fioritura spettacolare. I vistosi e grandi fiori sono bianchi e vengono utilizzati per il taglio.

Qualcosa di interessante in questo gruppo di piante è che questi fiori emettono un potente aroma che inebria l’intero giardino.

tassonomia

  • Ordine:  Rubiales
  • Famiglia: Rubiacee
  • Genere: Gardenia

specie di gardenia

All’interno del genere Gardenia si contano 259 specie, anche se praticamente la metà, 134, sono state accettate dalla comunità botanica. È originario delle regioni tropicali e subtropicali dell’Africa, dell’Asia, del Madagascar e di alcune isole del Pacifico.

In vari paesi asiatici come Cina, Giappone e Thailandia è molto adattato e viene utilizzato come fiore reciso e pianta ornamentale. Inoltre a livello medicinale riveste grande importanza anche per via di alcuni principi attivi presenti nei fiori.

Leggi tutto: elenco delle specie del genere Gardenia.

Cura principale della Gardenia

1. Climatologia

Temperatura

La gardenia si sviluppa e fiorisce in modo ottimale in uno specifico intervallo di temperature compreso tra 20ºC e 28ºC durante il giorno e 15ºC di notte. Questa variazione di temperatura compresa tra 10 e 15 ºC è ottimale per ottenere boccioli di fiori di altissima qualità e stimoli floreali.

Al di sotto dei 15 ºC, la pianta è sensibile e la sua crescita rallenta, quindi è una pianta per la crescita nelle aree tropicali e subtropicali o come pianta da interno nelle zone più fredde.

Umidità

È necessario mantenere un livello di umidità costante tra il 60% e l’80%, sia in inverno che in estate. Se coltiviamo la gardenia come pianta da interno in vaso, dovremo spruzzare nella stagione calda, poiché l’umidità può scendere al di sotto di quel 60%.

illuminazione

Sono necessarie buone aree di illuminazione, anche se senza esposizione diretta al Sole. A livello di coltivazione devono essere garantiti almeno tra 10.000 e 20.000 lux in pieno giorno. (Murguia, 2007)

2. piano

Una condizione speciale quando si prepara il terreno in giardino o quando si seleziona un buon substrato per la coltivazione in vaso è la sua acidità. Per lo sviluppo ottimale delle radici della gardenia dobbiamo avere un pH acido, compreso tra 5 e 6.

La migliore tessitura del suolo è argillosa-argillosa, un terreno piuttosto pesante che garantisce un buon accumulo di umidità. Con l’apporto del compost garantiamo anche una maggiore ritenzione dell’umidità, cosa molto favorevole per una specie tropicale come la gardenia.

La gardenia è una specie sensibile alla salinità, quindi bisogna evitare terreni con accumulo di sodio o cloruri, oppure effettuare un lavaggio preventivo, soprattutto se, coltivata in vaso, utilizziamo la fibra di cocco.

3. Innaffiare la gardenia

Dobbiamo garantire un apporto costante di umidità nel terreno o nel substrato. Pertanto, è importante che si trovi in ​​un’area con una buona illuminazione ma senza luce solare diretta, che asciuga l’umidità nel terreno.

Per garantire questa umidità costante, dobbiamo annaffiare più frequentemente ma con una dose inferiore. In inverno annaffiamo 1 o 2 volte a settimana e in estate tra 3 e 4 volte.

In ogni caso, dobbiamo controllare l’umidità del terreno poco prima di ricevere la prossima irrigazione, in modo che ci aiuti a sapere se dobbiamo applicare più acqua o aumentare la frequenza di applicazione.

4. Abbonato

La gardenia è esigente in termini di apporto di nutrienti, e in molti casi il solo apporto di compost o materia organica non sarà sufficiente.

Pertanto, per produrre una fioritura adeguata nel nostro giardino o come pianta da interno, dobbiamo aggiungere un fertilizzante con un rapporto 3-1-2 o 3-1-3 in termini di azoto, fosforo e azoto appena prima che i boccioli dei fiori sboccino..

Richiede ferro come micronutriente, quindi dobbiamo applicare chelato di ferro all’inizio del germogliamento, in primavera, per prevenire la famosa clorosi ferrosa.

Concimi consigliati

5. Moltiplicazione della Gardenia

Le gardenie possono essere propagate con diversi metodi, ed è un mondo molto professionale con aziende che si dedicano ad esso e alla sua successiva commercializzazione.

Le solite forme di moltiplicazione sono attraverso semi, margotta, talee, innesti o propagazione in vitro, quest’ultima riservata ai professionisti.

  • Semi: Ottenere semi in condizioni naturali non è molto frequente, motivo per cui è uno dei metodi più complicati e meno utilizzati.
  • Air layering:  è una tecnica poco utilizzata ma offre buoni risultati. Gli steli aerei vengono interrati fino alla formazione di nuove radici. Spesso richiedono l’uso di ormoni per accelerare il processo.
  • Taglio: è una tecnica molto utilizzata, si consiglia di selezionare i gambi della pianta madre situati nella zona più bassa, poiché sono solitamente i più frondosi e si ottengono i migliori risultati. Si selezionano talee terminali di circa 10 cm di lunghezza, si tagliano a livello del nodo o dell’internodo e si rimuovono le foglie alla base. Viene coltivato in vaso con fibra di cocco e mantiene un’umidità del substrato costante almeno del 90%, con bassa intensità luminosa e una temperatura costante tra 24 e 26 ºC. Il taglio viene solitamente effettuato nei mesi di giugno, luglio e agosto.

6. Potatura

La gardenia coltivata a cespuglio in giardino può essere potata quando vogliamo darle una forma particolare ed in armonia con l’ambiente circostante. Questo compito viene svolto subito dopo la stagione della fioritura.

Le giovani piante crescono abbastanza velocemente e vigorosamente, quindi possiamo potarle a giugno e agosto per aumentare la lignificazione dei loro fusti. (Bradshaw, 2003).

6. Parassiti e malattie

La gardenia e tutte le specie che rappresentano questo genere sono visitate da numerosi insetti, funghi e batteri.

parassiti

  • Afidi:  si trovano facilmente nei germogli, nelle foglie e nei nuovi steli della gardenia, nutrendosi della linfa, indebolendo la pianta e avvolgendo la cuticola con una sostanza appiccicosa. I più comuni sono Myzus persicae e Aphis gossypii.
  • Trips:  insetti allungati che si trovano nei fiori. I più comuni sono Frankliniella tritici e Frankliniella occidentalis.
  • Mosca bianca:  questa pianta è solitamente abitata da quella che è conosciuta come la mosca bianca degli agrumi ( Dialeurodes citri Ashmead)
  • Cocciniglia: corpi morbidi e cotonosi o con superficie piana e di colore bruno che si trovano su steli e foglie. Di solito sono rappresentati da Ceroplastes japonicus.
  • Ragnetto rosso:  piccoli acari difficili da vedere ad occhio nudo, rappresentati nella coltura gardenia da Tetranychus urticae Koch.

Malattie

Tra i funghi più diffusi nella coltivazione della gardenia vi sono i generi Rhizoctonia, Phytophthora e Pythium, funghi del collo che si attivano in terreni con elevata umidità e che interessano la parte aerea, con difficoltà di trattamento.

Sulle foglie vedremo macchie brune, avvizzimento e clorosi, spesso legate ad un’irrigazione eccessiva. Se effettuiamo il trapianto, nel caso in cui coltiviamo la nostra gardenia in vaso, un chiaro sintomo dello stato di salute vegetale della pianta è da valutare le radici.

Un aspetto bianco degli stessi garantisce un corretto stato di salute e un’adeguata frequenza e quantità di irrigazione. D’altra parte, le radici marroni o marroni indicano un eccesso di acqua, soffocamento delle radici e, probabilmente, la presenza di questo gruppo di funghi.

Un fungo ospite del genere Gardenia è il cosiddetto cancro, Diaporthe gardeniae, che provoca avvizzimento, clorosi, aborto di boccioli di fiori e scollamento fogliare nelle piante infette.

L’oidio ( Erysiphe polygoni DC.; Oidium spp.) provoca la comparsa di macchie bianche sulla superficie superiore della foglia in gardenia, che con il tempo si seccano e diventano giallastre.

Un eccesso di umidità nell’ambiente provoca la comparsa di batteri come lo Xanthomonas ( Xanthomonas axonopodis pv. Maculifolii gardeniae),  che provoca macchie fogliari sotto forma di cerchi marroni irregolari.

7. Problemi

La maggior parte dei problemi legati alla gardenia sono legati alla bassa umidità ambientale o, al contrario, all’eccessiva irrigazione

Gardenia con foglie marroni

Le foglie marroni possono essere dovute a diversi sintomi, sebbene i principali possano essere i seguenti:

  • Punte secche:  eccessiva secchezza ambientale, con umidità inferiore al 60%. Necessario spruzzare per garantire un’umidità ambientale compresa tra il 60 e l’80%. Ricorda che sono specie tropicali. Verificheremo anche la salinità dell’acqua o del terreno, poiché può essere sintomo di eccesso di sali. Evita anche il sole diretto sulla tua pianta
  • Imbrunimento: Quando le macchie marroni sulle foglie sono secche e croccanti, può essere dovuto all’attività di un fungo del colletto, Rhizoctonia, Phytophthora e Pythium,  che agiscono in condizioni di elevata umidità.

Gardenia gialla (clorosi)

Una pianta con clorosi può essere dovuta alla mancanza di nutrienti o alla mancanza di illuminazione.

Quando il giallo si è generalizzato e si presenta praticamente in tutte le foglie, può essere dovuto alla mancanza di azoto o alla mancanza di luce. La differenza tra i due è che se c’è una mancanza di azoto, la gardenia non produrrà nuovi germogli, avrà foglie piccole e mancanza di crescita.

Se invece la dimensione è normale e le foglie sono ben sviluppate, la cosa più comune è la mancanza di luce, quindi bisognerà posizionarla in un ambiente più luminoso (ma senza sole diretto).

Quando invece le piccole foglie mostrano un aspetto giallastro, con i nervi centrali ancora verdi, è per mancanza di ferro. Nel precedente elenco di fertilizzanti hai uno dei correttori della clorosi più comuni, il chelato di ferro. Garantisce una soluzione al problema in pochi giorni.

caduta delle foglie sulla gardenia

L’eccesso di acqua e l’imbrunimento delle foglie provoca l’abscissione e la caduta prematura delle foglie, sebbene queste di solito mostrino sempre un sintomo precedente. O macchie marroni o ingiallimento.

La mancanza di luce provoca anche stress nella pianta (produzione di ormone etilenico e acido abscissico) che ne facilita la caduta.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.