Piante

Coltivazione e cura del Frangipani

È scientificamente noto come Plumeria rubra, anche se il suo nome più noto oggi è frangipani. Questa magnifica pianta fiorita cresce in ambienti tropicali con temperature calde durante tutto l’anno.

In questi ambienti e aree geografiche si sviluppano piante dalle foglie larghe e carnose che spesso ci deliziano con spettacolari fioriture. Il mantenimento del regime di temperatura richiesto da questa pianta, invece, significa che è limitata alle colture indoor o nelle zone costiere.

In questo articolo andiamo a scoprire quali sono le principali cure per mantenere la pianta del frangipani ( Plumeria rubra) in perfette condizioni.

Caratteristiche principali del Frangipani ( Plumeria rubra)

Il genere di questa pianta è Plumeria, quindi potrebbe anche essere conosciuta in alcune parti del mondo con questo nome. In ogni caso il suo utilizzo è praticamente ornamentale, per via del fatto che sprigiona fiori davvero imponenti e dall’aroma inebriante.

Per le sue dimensioni può essere coltivata nel giardino tropicale come arbusto o alberello, anche se in condizioni di freddo (in questo caso si parla di temperature >15 ºC), è meglio coltivarla indoor, in vaso.

La sua sensibilità al freddo è ciò che condiziona il luogo in cui viene coltivata, e molto peggio se si parla di gelate autunnali o invernali. Se vivi in ​​un clima freddo, è meglio dimenticare di coltivare questa pianta tropicale del tutto.

Nomi comuni:  frangipani, cacalosúchil, frangipani.

La sua piantagione è perenne, il che significa che possiamo goderne le foglie in ambienti caldi e tropicali, con elevata umidità. Nelle zone più fredde, invece, il suo comportamento è deciduo, poiché è il meccanismo di difesa di questa pianta per resistere alle basse temperature.

E tutte queste piante, che appartengono al genere Plumeria, si comportano allo stesso modo. Parliamo di più di 130 specie descritte ma solo 11 sono ufficialmente riconosciute. 

  • Plumeria rubra   L.
  • Plumeria ottusa  L.
  • Plumeria magna   Zanoni & MMMejía
  • Plumeria  ×  stenopetala   Urb.
  • Plumeria alba   L.)
  • Plumeria subsessilis   A.DC.
  • Plumeria filifolia   Griseb.
  • Plumeria   Jacq inodore
  • Plumeria   mariaelenae J.F.Gut. & J. Linares
  • Plumeria pudica   Jacq.

Dove viene coltivato? Bene, puoi immaginarlo in zone calde e ambienti tropicali come il Centro e Sud America.

Guida alla coltivazione del Frangipani (Genere Plumeria)

Posizione, temperature e luce

Sebbene vi abbiamo già fornito molte informazioni, il frangipani vuole zone calde, temperature costanti tutto l’anno e una buona umidità ambientale.

Temperature inferiori a 10 ºC ne bloccano la crescita e impediscono alla pianta di evolversi correttamente. Naturalmente, qualsiasi temperatura gelida inferiore a 0 ºC provoca danni da freddo e la sua coltivazione è totalmente impraticabile.

Coltivazione indoor

In questo caso, se soddisfi queste temperature descritte, come rimedio puoi coltivarlo in vaso all’interno della casa. Cercare una zona illuminata, ma senza sole diretto, con temperature costanti e spruzzare con acqua per via fogliare nei periodi secchi di primavera ed estate.

Per quanto riguarda la  disponibilità di luce,  si trova in zone con buona illuminazione ma al riparo dalla luce solare diretta, per evitare danni alle sue foglie.

Tipo di terreno e substrato

L’ambiente in cui vive il frangipani è importante. Necessita di terreni soffici, ricchi di sostanza organica (molto fertili) e con un buon drenaggio. Un requisito importante per il suo sviluppo è che le radici abbiano una buona aerazione, motivo per cui la fibra di cocco viene solitamente incorporata quando viene coltivata in vaso.

Il suo sviluppo è influenzato da terreni leggermente acidi, dove i micronutrienti vengono assorbiti più facilmente, ma non è una condizione essenziale se hai la possibilità di coltivarla nel tuo caldo giardino.

Substrato del vaso:  mescola parti uguali di fibra di cocco con un substrato universale o torba bionda, che fornisce nutrienti. Ciò consentirà di ottenere una ritenzione dell’umidità e un drenaggio perfetto per i frangipani.

Incorporazione di sostanza organica

Sia nel trapianto che annualmente, dobbiamo recuperare i nutrienti e i benefici forniti dalla materia organica. Che si tratti di compost, letame o torba, migliorano l’idratazione, il drenaggio e la temperatura del suolo, cosa molto importante per lo sviluppo del frangipani.

Nel trapianto, mescolare 5 kg di sostanza organica con il terreno prima di metterlo nel luogo definitivo. Ogni anno fornisce da 2 a 3 kg di compost attorno al tronco, posto superficialmente, come pacciame.

Caratteristiche di irrigazione

Il Frangipani necessita di un’umidità costante durante tutto l’anno e, come condizione speciale, nei mesi primaverili ed estivi, quando ha maggiore sviluppo.

Per questo motivo le irrigazioni devono essere frequenti, fornendo acqua ogni 2 o 3 giorni in giardino ed evitando sempre l’acqua di pozzanghera.

Un esempio di come annaffiare questa pianta per mantenere l’umidità nel terreno sarebbe il seguente:

  • Irrigazione in primavera e in estate:  fornire acqua ogni 2 o 3 giorni, quantità da 3 a 4 litri per irrigazione nelle piante adulte.
  • Irrigazione in autunno e inverno:  fornire acqua ogni 5 giorni, quantità da 2 a 3 litri per irrigazione e piante adulte.

Immissione di fertilizzante

Il frangipani fiorisce quando le temperature aumentano, producendo nuove foglie, boccioli e fiori spettacolari. Oltre alla materia organica che vi abbiamo consigliato di fornire, potete utilizzare come complemento fertilizzanti minerali liquidi o solidi.

Per fare questo, puoi usare del concime solido granulare, che si dissolve lentamente a seconda dell’umidità fornita.

Moltiplicazione dei Frangipani

Riproduzione per semi

La plumeria o frangipani produce frutti per impollinazione anemofila (vento) o entomofila (insetto). Tuttavia, affinché la pianta produca frutti, devono essere soddisfatte condizioni climatiche molto speciali. Questi frutti sono a forma di baccello.

La sua maturazione è molto lenta, impiegando dagli 8 ai 9 mesi per la produzione. Per questo motivo è raro che vengano prodotti nei climi mediterranei o addirittura coltivati ​​in vaso, poiché in un arco di tempo così lungo è comune che questi baccelli cadano o manchino di sviluppo.

Riproduzione per taglio

Il taglio è una tecnica praticabile per ottenere nuove piante di frangipani identiche alla madre. La maggiore produzione di radici avviene nei mesi primaverili ed estivi, quindi la talea può essere preparata all’inizio della primavera o alla fine dell’inverno.

Per fare questo, cerchiamo uno stelo leggermente lignificato di circa 30-40 cm di lunghezza, dal quale togliamo le foglie dalla parte inferiore, che sarà quella che piantiamo in un substrato.

Facciamo un taglio obliquo e lasciamo che la ferita si asciughi e non emetta più linfa. Da qui pianteremo in un substrato di fibra di cocco, mantenendo costante l’umidità in ogni momento e garantendo sempre temperature calde, proprio come all’interno della casa.

Ci vorrà circa 1 mese prima che la pianta di frangipani produca i suoi primi germogli, segno che ha prodotto abbastanza radici per svilupparsi.

Come raccomandazione finale per il trapianto per talea, prova almeno 3 steli diversi per garantire una buona percentuale di successo.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.