Piante

Caratteristiche e coltivazione dell’albero di canfora

Il protagonista di questo articolo è l’ albero di canfora ( Cinnamomum camphora), una specie sempreverde (sempre verde) proveniente dall’Asia (Cina, Giappone e Taiwan). Da questo albero si ricava l’olio di canfora, utilizzato per scopi medicinali e per scacciare vari insetti, soprattutto a livello domestico negli armadi.

L’albero di canfora si trova solitamente in ambienti caldi con inverni miti. Per questo motivo, è anche comune vedere foreste dove fa la sua comparsa nelle aree del Pacifico negli Stati Uniti.

La loro storia ha migliaia di anni e, infatti, sono molto apprezzati e preservati in Giappone, dove sono persino venerati. Questo albero può raggiungere epoche quasi millenarie, dove si conservano esemplari davvero impressionanti.

Caratteristiche dell’albero di canfora ( Cinnamomum camphora)

Descrizione

Un esemplare adulto di albero di canfora raggiunge altezze superiori a 10 metri ed è considerato un rapido coltivatore. Ha un grande sviluppo di rami e offre una buona copertura vegetale.

Viene utilizzato in parchi e giardini in quanto offre un’ottima ombra, soprattutto nelle zone dove le temperature sono miti e non c’è rischio di gelo. Le popolazioni di canfora in Spagna si trovano nelle zone costiere della Cantabria e nel Mediterraneo.

In molti paesi viene coltivato per ottenere olio di canfora, con diverse proprietà medicinali.

La canfora è spesso associata alla protezione degli armadi, anche se nella maggior parte dei casi ciò che acquistiamo è il naftalene, un derivato chimico del petrolio. Dobbiamo cercare di trovare la canfora come soluzione ecologica, soprattutto contro le tarme.

tronco e fogliame

Dal tronco si estrae olio di canfora, che in questo albero è di colore grigiastro e piuttosto ruvido.

Il suo utilizzo come pianta ornamentale per giardini è dovuto, oltre alle sue dimensioni, al fatto che è una specie sempreverde, quindi in inverno non perde il fogliame e continua a fare ombra.

Le sue foglie sono dure (coriacee), allungate ed emanano un profumo molto gradevole. Sono molto simili per forma e dimensioni a quelle dell’alloro.

fiori e frutti

In realtà l’albero di canfora non è mai stato apprezzato per la sua fioritura, poiché sono piccoli e poco presi in considerazione. I frutti sono rotondi e piccoli, di colore scuro, ma non è né commestibile né usato.

Tassonomia di  Cinnamomum camphora

  • Ordine: Laurales
  • Famiglia: Lauracee
  • Genere: Cinnamomum
  • Specie: Cinnamomum camphora

Cura principale dell’albero di canfora

Per giardini caldi con inverni miti, la canfora trova un’area ideale per crescere il più rapidamente possibile. È considerata una specie rustica che può generare diversi metri di ombra riparata dai suoi rami.

posizione in giardino

Per localizzarlo in giardino, dobbiamo trovare un uovo in una zona libera da altre piante, case o qualsiasi struttura distante almeno 6 metri. 

Si coltiva in pieno sole e solo in caso di basse temperature prima della primavera viene protetta nei primi anni di vita.

Per la sua piantagione, faremo una generosa buca, profonda più di 40 cm, alla quale incorporeremo materia organica ben miscelata con la terra. Semineremo a radici nude e daremo un’irrigazione generosa (minimo 10 litri d’acqua per specie giovane) per favorire lo sviluppo di nuove radici e stabilizzare il terreno.

Proteggeremo l’albero di canfora dai forti venti e dal gelo, poiché a causa del tipo di legno i suoi rami sono abbastanza suscettibili alla rottura.

Se abbiamo acquistato una specie giovane dal vivaio, il periodo migliore per piantarla è durante la primavera o l’autunno, al riparo dalle basse temperature.

tipo di suolo

Si adatta molto bene a tutti i tipi di terreno, anche se preferisce terreni sciolti, leggermente acidi, freschi e ben drenati. Con la materia organica incorporata ogni anno miglioreremo la capacità radicante dell’albero e rilasceremo nutrienti diluiti con l’irrigazione o l’acqua piovana.

come annaffiare

Le specie adulte di Cinnamomum camphora hanno la capacità di generare lunghe radici che assorbono l’umidità dal terreno, ma i giovani esemplari necessitano di un’irrigazione di supporto nel caso in cui non vi siano precipitazioni sufficienti.

Non è una specie molto esigente in acqua ma è in frequenza, garantendo un livello di umidità costante durante tutto il suo periodo di crescita.

La cosa normale è annaffiare 3 volte in estate e 1 o 2 volte al massimo in inverno, a seconda della temperatura media. Può essere irrigato a goccia, posizionando un gocciolatore da 4 L/h nei primi anni e, a partire dai 5 anni di età, un secondo gocciolatore di pari portata.

guida per gli abbonati 

L’albero di canfora di solito non necessita di fertilizzanti, ma possiamo sostenerne la crescita (soprattutto se cerchiamo un esemplare grosso in meno tempo), utilizzando concimi minerali.

Forniremo questi nutrienti all’inizio della primavera, in coincidenza con il germogliamento e la comparsa dei fiori. Prolungheremo il periodo di concimazione per tutta l’estate fino all’inizio dell’autunno.

Come fertilizzanti organici possiamo scegliere acidi umici o fulvici, sostanza organica, guano, pellet, compost o letame.

Come fertilizzanti minerali, possiamo applicare fertilizzante liquido se disponiamo di un sistema di fertirrigazione o, nel modo più conveniente, fertilizzanti minerali granulari, aggiunti all’inizio della primavera e aggiunti ogni mese.

Si può moltiplicare la canfora?

Moltiplicazione per semi

Il modo più semplice per sistemare un albero di canfora è ottenere una giovane pianta da un vivaio, che pianteremo da un vaso o direttamente a radice nuda.

Se vogliamo riprodurlo dall’inizio, possiamo farlo selezionando i semi raccolti dai frutti.

Poiché il potere germinativo di questi semi di Cinnamomum camphora non è molto lungo, bisogna seminarli il prima possibile, utilizzando un substrato che sia metà torba e metà fibra di cocco o perlite.

Si moltiplica generalmente per i semi, che devono essere ripuliti dalla polpa e seminati al più presto, poiché il loro potere germinativo è breve.

Moltiplicazione degli alberi per talea

Un altro modo per ottenere una pianta esattamente identica alla madre è prelevare talee. Per questo selezioneremo un palo di buona qualità, di legno giovane, con una lunghezza fino a 20 cm di lunghezza.

Puliamo le foglie nella parte basale e la adagiamo sull’acqua con agenti radicanti all’interno della casa. Quando vedremo comparire le prime radici (di aspetto bianco e che formano numerosi peli), trapianteremo in un substrato, sempre umido, con buona porosità, con vermiculite e torba.

Potatura e manutenzione

L’albero di canfora non necessita di potatura, se non per rimuovere rami spezzati, danneggiati o incrociati. In caso contrario, non è necessaria alcuna manutenzione. È abbastanza tollerante ai parassiti e alle malattie, poiché l’olio che produce (canfora) respinge un gran numero di insetti.

Precauzioni per il tuo raccolto

L’albero può essere velenoso se consumato in grandi quantità. L’olio essenziale (canfora) e il legno possono causare irritazioni agli occhi e alla pelle se il muco viene sfregato contro di esso. Il consumo di olio essenziale in grandi volumi può causare insufficienza respiratoria nei bambini.

Principali usi della canfora

L’albero di canfora ha come principale impiego l’aspetto ornamentale, essendo un albero frondoso, di rapida crescita e di lunga durata.

A livello chimico e medico, il Cinnamomum camphora è coltivato anche per il suo legno, principalmente olio di canfora. Questo elemento è associato a proprietà medicinali, anche se sempre sotto controllo medico.

Utilizzare come pianta medicinale

Gli usi principali dell’olio di canfora, ottenuto dalla lavorazione del legno dell’albero, sono i seguenti:

  • A piccole dosi ha un effetto sedativo, balsamico e antispasmodico.
  • Ad alte dosi, ha un effetto narcotico e irritante.
  • Mescolato con alcol e applicato sulla pelle e sulla testa, può alleviare il mal di testa.

L’ingestione senza controllo medico è sconsigliata in quanto può essere tossica, causare vomito e mal di stomaco.

Cos’è veramente la canfora?

La canfora è un olio estratto dall’albero di canfora, principalmente dal legno, dall’aroma intenso e dall’aspetto cristallino e ceroso.

Anticamente veniva utilizzato per svariate applicazioni, soprattutto come repellente per le tarme o come rimedio medicinale per infiammazioni muscolari e mal di testa.

Oggi la formula chimica della canfora è già stata studiata e sintetizzata senza utilizzarla dall’albero, con maggiore concentrazione e raggio d’azione.

Il forte aroma che sprigiona può essere utilizzato come repellente per animali, soprattutto per proteggere le zone dove solitamente urina.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.