Piante

Come piantare l’erba

L’erba è chiamata il gruppo di specie erbacee che, quando crescono, formano una copertura verde densa e densa. Trovano largo impiego nel giardinaggio ornamentale, per dare uniformità a grandi spazi a cui si aggiungono anche altre specie. Il tappeto erboso viene utilizzato anche in tutti i tipi di attività sportive e ricreative, poiché è più sicuro giocare su una copertura verde che direttamente su pietra, ghiaia o asfalto.

Se vuoi saperne di più su quando e come piantare l’erba, nonché sui diversi tipi di erba naturale esistenti, continua a leggerci in questo articolo di EcologíaVerde.

Quando piantare l’erba

Il tempo di semina del prato è un fattore chiave durante la semina. I periodi migliori sono la primavera e l’inizio dell’autunno, poiché entrambi sono periodi di crescita per la maggior parte delle specie di questo tipo di erba. Se vuoi che il tuo prato cresca velocemente, piantalo in autunno.

Come piantare l’erba passo dopo passo

Ora che sai quando viene piantata l’erba e quali sono i tipi naturali più utilizzati, ti consigliamo di seguire questa guida con i consigli per piantare l’erba in casa:

1. Preparare il terreno per piantare l’erba

La prima cosa da fare è preparare il terreno, come nel caso di qualsiasi pianta. I prati hanno bisogno di terra che offra un buon drenaggio per evitare ristagni idrici: se il terreno ha troppa umidità, i tuoi semi non germoglieranno nemmeno. Prima di piantare, è anche necessario pulire a fondo il terreno da piante o erbacce avventizie. Assicurati anche di fornire almeno 10 cm di terriccio se il terreno non ce l’ha.

2. Drenaggio per il prato

Nel caso di grandi aree erbose sarà inoltre necessario predisporre un buon sistema di drenaggio, con superficie piana o con pendenze dolci che rimuovano gli accumuli d’acqua.

3. Pianta semi di erba

Una volta che tutto è pronto, preparate i vostri semi e stendeteli a manciate sulla superficie del terreno, il più uniformemente possibile. Qui è comune utilizzare il metodo dei due passaggi, uno in orizzontale e uno in verticale. Una volta sparsi, vengono interrati con un rastrello delicato. Innaffia dopo la semina e fallo di nuovo tre volte al giorno in brevi annaffiature.

4. Quanto tempo impiega l’erba a crescere

A seconda della specie e delle condizioni, i semi di erba possono richiedere da uno o due giorni a poco più di una settimana per crescere, quindi non preoccuparti se non vedi risultati immediati. Se mantieni la superficie umida e priva di ristagni d’acqua, i tuoi semi germoglieranno.

tipi di erba

Ci sono un gran numero di varietà di erba, ma quelle più comunemente usate non sono molte. A seconda del clima in cui verranno piantati, sono i seguenti:

Erbe calde

Questi prati resistono a temperature più elevate e sono meno esigenti in termini di irrigazione.

  • Cynodon dactylon: è conosciuto anche con il nome di erba, ed è uno dei tipi di erba più utilizzati grazie alla sua capacità di resistere al caldo e alla siccità oltre che al calpestio, motivo per cui viene utilizzato nei parchi e nei campi da calcio. Non tollera il freddo.
  • Kikuyu: questa specie, di origine tropicale, è ampiamente utilizzata nei giardini delle zone costiere mediterranee, in quanto è in grado di resistere a climi ad alta concentrazione di sale. Le sue foglie sono larghe ed è anche molto resistente al calpestio e alle punizioni.
  • Zoysia japonica – Questa erba dalle foglie fini, che resiste anche al calpestio, viene spesso utilizzata per le sue ridotte esigenze di manutenzione: necessita di poca acqua e tollera l’irrigazione salina. È inoltre resistente a molte malattie e tollera bene l’ombra, il che la rende una delle specie più «tuttoterreno» esistenti.

Prati freddi

  • Razza: sebbene la sua temperatura ottimale sia fredda, si adatta a quasi tutti i climi, motivo per cui è la specie di erba più utilizzata. Cresce rapidamente, consente una falciatura molto bassa ed è pronto per i piedi, oltre a fornire una chioma densa e folta.
  • Festuca arundinacea: questa erba perenne, che resiste molto bene al calpestio, è una specie rustica che richiede pochissima manutenzione ed è molto usata sui pendii. Inoltre, si adatta sia ai climi freddi che caldi.

cura del prato

Ora che sai come piantare l’erba, ti consigliamo di prendere in considerazione questi suggerimenti sulla cura dell’erba naturale:

Falciatura

La cura principale è la falciatura del prato, che deve essere eseguita più volte all’anno. Lo sfalcio è quello che favorisce l’erba a ricoprire uniformemente l’intera superficie desiderata, con una densità maggiore. La periodicità di questo dipende dalla specie e dal clima locale. Lo stesso accade con l’altezza di taglio, in cui la specie è ciò che fa da padrone.

irrigazione del prato

L’irrigazione deve essere adattata al tipo di prato. Un’irrigazione eccessiva danneggerà le piante, quindi dovrebbe essere fino a due volte al giorno per le specie che necessitano di più umidità e nei mesi caldi. Non va mai annaffiato nelle ore di maggior sole e caldo, meglio farlo all’alba e al tramonto.

compost e aerato

La concimazione va fatta in primavera, anche se in autunno ed estate si può applicare un concime ad alto contenuto di potassio per rendere il prato più resistente alle temperature molto alte o molto basse. A volte il terreno deve anche essere aerato, estraendo piccoli pezzi di terreno e poi rivestendo il terreno con un sottile strato di sabbia e pacciame. Scopri di più sulla concimazione del prato: quando e come farlo con quest’altra guida.

Ti consigliamo inoltre di imparare a rimuovere le erbacce dal prato leggendo questo post e anche cosa succede se il tuo prato diventa giallo, leggendo questo altro articolo su Erba gialla: cause e come recuperarla.

Se desideri leggere altri articoli simili a Come piantare un prato, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Piante.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.