Piante

Differenze tra piante sempreverdi e piante decidue

Arriva l’autunno e gli alberi iniziano a cambiare colore, passano dal verde al giallo o al marrone e persino al rosso. Arriva l’inverno e tutte le sue foglie cadono, lasciandolo nudo e i suoi colori intensi che scompaiono. Ma aspetta un attimo, ci sono alberi verdi nonostante quanto fuori faccia freddo, come può essere? Ebbene, se vi siete mai posti questa domanda, la risposta è che quello che state vedendo sono gli adattamenti delle piante alle condizioni ambientali. In base a ciò si possono differenziare piante decidue e piante sempreverdi. In EcologíaVerde parleremo delle differenze tra piante sempreverdi e decidue per capire meglio perché vediamo questi contrasti di colore durante l’anno.

Cosa sono le piante decidue

Le piante decidue o decidue sono quelle le cui foglie cadono quando arriva la stagione sfavorevole (normalmente l’inverno). La stagione sfavorevole è solitamente quella in cui sono disponibili meno nutrienti e meno ore di luce.

Le foglie sono gli organi fotosintetici per eccellenza nelle piante, ovvero sono responsabili della fornitura di materia organica alla pianta attraverso la fotosintesi. Durante l’inverno ci sono meno ore di luce del giorno e le piante non riescono a produrre cibo a sufficienza, quindi la produzione di fotosintesi è minore e alla fine la foglia viene persa.

Il colore verde delle foglie è dovuto alla presenza di clorofilla nelle cellule vegetali. Normalmente le foglie prima di cadere ingialliscono, il che significa che la pianta ha smesso di produrre clorofilla. Grazie alla clorofilla, le piante possono effettuare la fotosintesi, quindi, se non c’è clorofilla, non c’è fotosintesi.

Inoltre, le piante hanno sostanze che regolano i processi interni, ormoni vegetali o fitormoni. L’acido abcisico (ABA) è un fitormone che interviene nei processi di caduta delle foglie. La pianta rileva che le condizioni ambientali sono sfavorevoli e inizia a sintetizzare l’ABA che viene trasportato alle foglie.Quando le foglie contengono una grande quantità di ABA, la foglia alla fine cade.

La caduta delle foglie è un adattamento all’ambiente in cui vivono. Normalmente le foreste atlantiche sono decidue.

Cosa sono le piante sempreverdi

Le piante sempreverdi sono quelle le cui foglie non cadono durante la stagione sfavorevole. Questi alberi cambiano anche le foglie nel corso della loro vita, ma non lo fanno con la stessa frequenza degli alberi a foglie caduche e, inoltre, il cambio delle foglie non deve avvenire nella stagione sfavorevole. Le foglie sempreverdi sono quelle che durano almeno due anni sulla pianta.

Ricordando quanto sopra, se la caduta delle foglie è un adattamento all’ambiente, allora anche il mantenimento delle foglie nella stagione sfavorevole è un adattamento. Cambiare tutto il fogliame ogni anno è un compito che richiede un grande dispendio energetico per la pianta e, a seconda delle condizioni in cui vive, può essere fatto o meno. Le piante sempreverdi preferiscono mantenere le foglie in inverno.o durante la stagione sfavorevole perché hanno bisogno di nutrirsi in ogni momento. Tuttavia, le piante decidue dovrebbero fare un grande sforzo energetico per mantenere in vita le foglie in condizioni sfavorevoli, quindi preferiscono liberarsene ed entrare in uno stato di dormienza, e quando arriverà la stagione favorevole e le condizioni ambientali saranno migliori potranno per far crescere di nuovo il loro fogliame.

Le piante sempreverdi devono resistere alle cattive condizioni ambientali della stagione sfavorevole. Per fare questo, hanno sviluppato una serie di adattamenti. Alcune foglie, come quelle delle querce, sono piccole e hanno peli per evitare il congelamento negli inverni freddi e la perdita d’acqua nelle estati calde. I pini, ad esempio, hanno trasformato le loro foglie in aghi appuntiti a forma di ago, anch’essi duri per la presenza di cere che li proteggono dal freddo.

Normalmente le piante sempreverdi si trovano in zone con climi costanti, siano esse calde o fredde. Ad esempio, le piante tropicali o le piante di alta montagna hanno entrambe foglie sempreverdi. Tuttavia, le piante caducifoglie si trovano in climi dove ci sono periodi più favorevoli e altri meno favorevoli.

Cosa sono le piante a foglia marcescente e semidecidua

Infine, vale la pena notare l’esistenza di altri due tipi di foglie. Potremmo dire che è uno stato intermedio tra i due precedenti: sono le piante con foglie marcescenti e semidecidue:

  • Le piante con foglie marcescenti sono quelle che rinnovano il fogliame ogni anno, ma non lo fanno nella stagione sfavorevole. È un adattamento ai climi con gelate tardive. Le foglie di queste piante perdono la loro funzionalità nella stagione sfavorevole, tuttavia le conservano per tutto l’inverno fino alla nuova stagione favorevole. Questo li aiuta a proteggere i nuovi germogli che formeranno le foglie, sia dalle gelate tardive che dagli erbivori, poiché non hanno un buon sapore. Arrivate le condizioni ambientali, le nuove foglie spingono le precedenti e cadono.
  • Le piante semidecidue sono quelle che bloccano la crescita delle foglie quando le condizioni diventano sfavorevoli. Possono generare foglie più piccole, cambiare colore o buttarle via in modo permanente. Quando le condizioni migliorano, la crescita riprende e diventano di nuovo verdi.

Scopri di più su questa parte delle piante con questo altro articolo sui tipi di foglie e perché le foglie delle piante sono verdi.

Se desideri leggere altri articoli simili a Differenze tra piante sempreverdi e piante decidue, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Piante.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.