Piante

Zantedeschia aethiopica, une plante qui a tout

Zantedeschia aethiopica conosciuta anche come ninfea, Alcatraz, anello etiope, cartiglio, giglio Calla, vaso da fiori, fiore di corte o manico . Appartiene alla famiglia delle Araceae ed è originaria della regione del Capo in Sudafrica.

Genere dedicato al botanico italiano G. Zantedeschi, vissuto tra il XVII e il XIX secolo.

Caratteristiche di Zantedeschia aethiopica

Pianta perenne che cresce su un fusto sotterraneo carnoso che germina ogni anno. Raggiunge un’altezza da 60 cm a 1 m.

Le foglie sono grandi, con bordi ondulati, lucide, con lunghi steli, puntate verso la punta e la nervatura centrale verde brillante molto pronunciata.

I fiori sono disposti in una infiorescenza a forma di spadice con un lungo fusto, lungo circa 10-15 cm, e sono racchiusi in una brattea modificata (spata). I fiori sono sia femminili che maschili.

Le spatole sono organi simili ai petali che circondano lo spadice, cioè l’organo floreale, di colore giallo.

Le bacche sono nel calice, di colore giallo pallido.

Cura di Zantedeschia aethiopica

È una specie che viene utilizzata principalmente per la decorazione, come fiore reciso nei mazzi, per i bordi degli stagni, nelle aiuole e negli angoli umidi. Inoltre, essendo una pianta semi-acquatica, può essere coltivata in vaso, mantenendola parzialmente sommersa in acqua.

Devi stare all’ombra o in penombra. Anche se può avere un po ‘di luce, dal momento che è resistente ai climi caldi.

Si comporta bene in climi miti che non gelano. Può resistere a temperature sotto lo zero, ma se è in una pentola, è meglio proteggerlo.

Per quanto riguarda il substrato, dovrebbe essere un normale substrato da giardino con torba, sabbia e fertilizzante organico.

L’irrigazione deve essere abbondante durante la fioritura. Tuttavia, dovrebbe essere gradualmente ridotto in autunno. Inoltre, quando appare il fogliame, si dovrebbe applicare un po’ d’acqua.

Il concime dovrebbe essere normale concime da giardino, arricchito con fertilizzante organico. Dovrebbe essere fecondato ogni 15 giorni durante il periodo di fioritura.

È importante posizionare una spessa imbottitura alla base della pianta durante l’inverno, fintanto che le aree invernali sono asciutte.

Non è una pianta affetta da parassiti, ma a volte può essere resa sensibile alla presenza di afidi.

Possono verificarsi malattie come macchie fogliari, marciume radicale, malattie batteriche e virali.

Può essere diffuso per seme o per divisione del rizoma in primavera. Non piantarlo a 15 cm di profondità.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.