Suggerimenti

5 miti comuni del giardinaggio demistificati (supportati dalla ricerca e dall’esperienza)

Sono uno di quei giardinieri che fanno molti esperimenti. Non sono uno scienziato e non mi attengo agli standard scientifici. Questo perché, alla fine della giornata, il mio orto deve produrre abbastanza cibo per vivere la maggior parte dell’anno.

Eppure ho letto quante più ricerche scientifiche possibile. Guardo i dati del grafico di prova. Ho letto le testimonianze di esperti giardinieri che hanno applicato scrupolosamente i metodi ai loro giardini. Poi suono nel mio paese.

Il mio obiettivo è capire meglio come crescono le piante, di cosa hanno bisogno per crescere bene e quanto di ciò che serve può essere prodotto nella mia piccola fattoria.

Nel corso della mia ricerca, mi sono imbattuta in una serie di miti sul giardino che si ripetono regolarmente nei blog di giardinaggio e agricoltura in modo non coerente con la ricerca scientifica o con l’utilità dei saggi dal vivo su queste cose.

Così oggi voglio fare un po’ di luce su alcuni consigli di giardinaggio e sui miti del giardino che molti di noi spesso sentono, ma che possono fraintendere.


Garden Myths 1: Il compost aggiunge molte sostanze nutritive al terreno

Lettini da giardino ricchi di fertilizzanti

I giardinieri usano una variante del compost, probabilmente da quando facciamo giardinaggio come modo per coltivare il cibo. Sappiamo tutti che le nostre piante crescono bene quando aggiungiamo abbastanza fertilizzante ogni anno. Molti di noi pensano che il compost dovrebbe fornire molte sostanze nutritive al nostro suolo.


La maggior parte dei fertilizzanti sono a basso contenuto di nutrienti

Non è necessariamente vero. La maggior parte delle persone
Il fertilizzante ha un’analisi N-P-K di 1-1-1-1 o inferiore. Quando si pensa a
il fatto che la maggior parte delle analisi del terreno suggerisce che i giardinieri per hobby usano un 10-10-10,
o un 10-5-10 per giardini ad alto contenuto di fosforo, 1-1-1 non è un
molto.

La verita’ e’ che il compost aggiunge un po’ di…
alcuni nutrienti, in particolare gli oligoelementi, invece di
macronutrienti. Ma quello che il fertilizzante fa davvero è aiutare le piante a crescere
meglio in ambienti poveri di nutrienti aumentando i batteri e
funghi nel terreno.


Batteri e funghi fanno la fecondazione

In un giardino organico, se il fertilizzante viene applicato regolarmente, non vengono spruzzati diserbanti, pesticidi o fungicidi, e il terreno non viene arato troppo profondamente, si crea l’habitat perfetto per le forme di vita benefiche per sviluppare una rete di nutrienti nel terreno.

Questi batteri e funghi sono in realtà legati alle vostre piante e contribuiscono a fornire loro le sostanze nutritive specifiche di cui hanno bisogno per crescere. Per fare questo, prendono il materiale non completamente decomposto rimasto nel vostro compost, nel terreno e nell’aria del suolo e lo trasformano in nutrienti.

Tuttavia, meglio dei fertilizzanti, questi nutrienti sono prodotti in una forma specifica che permette alle piante di assorbire facilmente ciò di cui hanno bisogno per essere sane. Come i batteri nell’intestino, la colonia di microcriteri predigerisce i nutrienti precedentemente inaccessibili e li porta alle piante.


Utilizzare questa comprensione a casa

Per sfruttare la potenza del compost nel vostro giardino non dovete far altro che aggiungere ogni anno un ammasso di compost lento e ben stagionato. Il letame vecchio è molto più utile per la costruzione di popolazioni batteriche e fungine che il fertilizzante appena prodotto. Cercate di far invecchiare il vostro compost per almeno sei mesi e preferibilmente per un anno o più.

Evitare l’uso di prodotti chimici o sintetici, oppure
fertilizzanti forti (ad es. non più di 5-5-5) che possono danneggiare i funghi e
…batteri. Inoltre, batteri e funghi crescono in relazione alla pianta.
radici. Pertanto, tenete il vostro terreno piantato il più a lungo possibile.

Se lo fate, il fertilizzante può essere inviato a
un lungo cammino per fornire la maggior parte della fertilità di cui le vostre piante hanno bisogno
…e rimanere in salute.


Miti da giardino 2: I legumi fissano l’azoto

Pois

Questa idea di piantare legumi per fissare l’azoto è vera, ma solo in determinate circostanze. Fortunatamente, i legumi hanno un fabbisogno di azoto relativamente basso in generale. Quindi, a volte, anche se i legumi non fissano l’azoto, il suolo ha abbastanza azoto esistente per far crescere i legumi senza aggiungere altro.


Il ruolo della rizobia

Se avete un batterio specifico nel vostro terreno (chiamato rizobia) quando piantate i legumi, allora questi batteri formeranno una relazione con i vostri legumi. Lavoreranno con i legumi per fissare l’azoto nell’aria.

Quello che succede è che la rizobia inserisce un nodo nella radice del legume e deposita piccole quantità di azoto nei nodi. In cambio, la pianta dà la rizobia zuccheri o carboidrati prodotti dalla fotosintesi.


L’azoto non è sempre fisso

I legumi di oggi usano questo azoto immagazzinato per nutrirsi quando ne hanno bisogno. Tuttavia, la ricerca mostra che se si uccide la pianta prima che fiorisca e si lascia questa materia vegetale nel letto, allora l’azoto del suolo aumenta.

L’azoto immagazzinato nei nodi e nelle foglie sarà scomposto nel terreno e aggiungerà azoto che altre piante possono utilizzare. Ma se si lascia che le piante fioriscano e producano piselli, fagioli e colture, la quantità di azoto restituita al suolo diminuisce.


Utilizzare questa comprensione a casa

In sintesi, l’uso di leguminose come colture di copertura e sovesci aggiunge azoto al suolo. Per essere sicuri di avere la rizobia necessaria, è necessario utilizzare semi di leguminose che sono stati trattati con un inoculante contenente i batteri specifici che funzionano meglio per fissare l’azoto con il legume.

Non tutti i terreni hanno una rizobia sufficiente senza l’aggiunta preventiva di inoculante. Credetemi, ho scavato molte radici di trifoglio e altri legumi nella mia proprietà che non hanno nodi di azoto. I noduli sono minuscoli ma visibili ad occhio nudo sulle radici. Così potete anche controllare le radici dei legumi per vedere se i vostri rizobidi sono attivi.

Inoltre, piantare legumi dopo foraggi pesanti come il mais o il cavolo funziona bene anche se i legumi non entrano in uno stato di fissazione dell’azoto. A causa del loro basso fabbisogno di azoto, i legumi tendono a produrre meglio su terreni generalmente impoveriti. Generalmente non producono bene in situazioni di alta N.


Miti del giardino 3: è necessario effettuare un test del terreno prima di concimare

Risultati delle analisi dei campioni di terreno, terreno non sviluppato – alto in P e K,
.
Basso contenuto di humus, basso scambio cationico, azoto non provato

Me lo dicono spesso in questi giorni. Poiché il mio stato offre ancora l’analisi del suolo gratuita, spesso do alla gente una scatola di terra e spiego come fare un’analisi del suolo come parte dei miei compiti di giardiniere volontario. Inoltre li aiuto regolarmente ad interpretare e ad applicare i risultati delle analisi del terreno nei loro giardini.

Ora che sapete che sono un sostenitore dell’analisi del suolo, la vera domanda è:

Un giardiniere per hobby ha davvero bisogno di un’analisi del terreno ogni volta prima di concimare? La mia risposta è NO ed ecco perché.


Non utile per l’azoto

Analisi del terreno di base, inviato, no.
anche testare il livello di azoto nel loro suolo. I livelli di azoto nel
il terreno può cambiare rapidamente.

Un temporale può far passare l’azoto attraverso il tetto. Due settimane di coltivazione del mais in condizioni di caldo possono causare un calo drammatico. Un afflusso di bug può anche causare un rapido aumento dell’azoto. Pertanto, la maggior parte dei fornitori di test affidabili non eseguirà questi test a meno che non venga eseguito un test diverso e si paghi un extra.

Ciò che confonde è che quando si ottengono le raccomandazioni, di solito si ottengono i tassi di applicazione dell’azoto. Queste tariffe sono linee guida generiche suggerite sulla base di ciò che avete indicato di voler crescere nella vostra area di test.

Se dicessi che stai coltivando un prato, la raccomandazione dell’azoto sarebbe eccezionalmente alta. Se dicevi di fare giardinaggio, sarebbero stati moderati. Se state pensando di coltivare ortaggi, la raccomandazione sarebbe bassa.


Non così utile per un orto biologico

Va inoltre tenuto presente che gli orti biologici sono ricchi di letame e utilizzano comunità di batteri e funghi per nutrire le piante. Questo è il motivo per cui i risultati dei test di un orto biologico spesso sembrano essere carenti su molti punti. Tuttavia, le piante continueranno a crescere molto bene in questo giardino.

Questo perché i giardini biologici non si affidano a N-P-K per nutrire le piante come fanno i giardini non biologici. A meno che non si utilizzi un laboratorio in grado di fornire i risultati delle analisi del terreno di un orto biologico, le conclusioni e le raccomandazioni potrebbero non essere significative e potrebbero rovinare il terreno se utilizzato.


Utilizzare queste conoscenze a casa

Ci sono ancora momenti in cui un qualche tipo di test ha molto senso.

Modi migliori per testare l’azoto

All’inizio, anche i kit di prova del terreno per le case che non sono molto precisi vi diranno se avete un sovraccarico di azoto. Se uno di questi test indica un eccesso di azoto, allora si dovrebbe piantare qualcosa che ha un elevato fabbisogno di azoto, come il mais o l’erba.

Se quella pianta affamata di azoto sta crescendo, allora l’eccesso di azoto è stato il vostro problema, e lo risolvete estraendolo dalle vostre piante. Se questo non funziona, avete un altro problema, e potrebbe essere necessaria un’analisi professionale dei campioni di terreno o di tessuto vegetale per determinare quale altro nutriente è il vostro vero problema.

Spesso i problemi di azoto sono solo un indicatore di altri squilibri minerali. Inoltre, poiché l’azoto è intrinsecamente instabile nel suolo, è molto più facile da risolvere rispetto a molti altri problemi di eccesso di nutrienti.


Quando si inizia un nuovo giardino

Quando si avvia un giardino, è un
Ottima idea per ottenere un’analisi del suolo professionale. In particolare, ci sono
sono alcune delle cose che vuoi vedere.

– pH del suolo e micronutrienti

Il test del suolo indicherà il pH del suolo e identificherà gli oligoelementi critici come il magnesio e il calcio. I vostri risultati vi aiuteranno ad ottenere il giusto pH per ciò che state coltivando e vi aiuteranno a determinare se mineralizzare o meno il vostro terreno.

Il test vi dirà anche le quantità di fosforo e potassio (P, K) nei macronutrienti. Se state piantando in un’area che non è stata lavorata in precedenza, ci sono buone probabilità che abbiate livelli di P e K sufficientemente elevati. Se questo è il caso, all’inizio non si vuole applicare livelli elevati di questi macronutrienti o può creare rapidamente problemi nel vostro giardino.

– Le considerazioni speciali di P e K nella
Giardino biologico

Spesso, con gli orti biologici, la gente non si rende conto di avere una P e una K elevate. Aggiungono un sacco di letame di mucca e pollo rapidamente compostati che possono essere ricchi di entrambi questi nutrienti. Quindi quel concime in realtà peggiora il problema.

Per i giardini biologici ad alto contenuto di P e K, è necessario far invecchiare il fertilizzante molto più a lungo in modo che le sostanze nutritive in eccesso possano essere filtrate prima di applicarlo al giardino. Oppure si vuole evitare il compost che è fatto principalmente da letame animale fino a quando le piante non usano un po’ di questo P e K.

– Scambio di contenuti umici e cationi

Le analisi del suolo indicano anche il loro contenuto di humus e lo scambio di cationi. Questi due fattori hanno un impatto significativo sull’efficienza delle piante nell’assorbimento dei nutrienti. I giardini poveri di questi due fattori hanno bisogno di una concimazione più regolare, per esempio con fertilizzanti liquidi.

– Controllare di nuovo

Dopo aver aggiunto un sacco di fertilizzante per diversi anni, si potrebbe anche voler fare un test del terreno per vedere dove si trovano i P, K, micronutrienti, il contenuto di humus e lo scambio di cationi. Consideratela una pagella per le vostre procedure di compostaggio. Può anche aiutarvi a determinare se è necessaria una migliore rotazione delle colture per rimuovere i minerali in eccesso da alcuni dei vostri letti.

Un giardino di compost pesante può tollerare una gamma più ampia di valori di pH, quindi il pH non è un fattore così importante nel lungo periodo. Ma anche i giardini ricchi di fertilizzanti hanno bisogno di un pH compreso tra 5,5 e 7,0 per ottenere buoni risultati con le verdure.


Miti del giardino 4: Le piante hanno bisogno di radici profonde

Rubinetto radice

Si parla molto del fatto che le piante hanno bisogno di radici profonde per essere sane. Di conseguenza, le piante hanno bisogno di un terreno profondo per sviluppare radici profonde. La verità è che le piante hanno bisogno di nutrienti e di acqua. Se ottengono queste cose, possono crescere in tutti i tipi di terreno profondo. Ecco perché si possono anche coltivare piante idroponiche senza terra.

Anche le piante perenni, come gli alberi ad alto fusto, possono crescere in terreni poco profondi. Infatti, la maggior parte delle foreste sono poco profonde rispetto alle dimensioni degli alberi. Le radici che non possono raggiungere la profondità si estendono verso l’esterno per trovare le sostanze nutritive e l’acqua di cui hanno bisogno.


Utilizzare queste conoscenze a casa

Se non avete un terreno profondo, non preoccupatevi. Concimate e annaffiate un’area più ampia intorno alle vostre piante. Inoltre, fertilizzare e irrigare un po’ più spesso perché i terreni poco profondi perdono più sostanze nutritive a causa dell’erosione e dell’evaporazione rispetto ai terreni più profondi.

Le pesanti applicazioni di fertilizzanti e pacciame preservano l’umidità e le sostanze nutritive nel terreno poco profondo. Inoltre, l’uso di fertilizzanti a base d’acqua, come il tè di compost con i pasti o i pellet di fertilizzante a lento rilascio, contribuirà a garantire l’apporto di sostanze nutritive quando i terreni poco profondi ne hanno bisogno.

P.S. È anche un mito del giardino che il sistema radicale delle piante assomiglia alla loro copertura. Le radici delle piante vanno dove devono andare in cerca di nutrienti. Così le radici delle piante sembrano una mappa sotterranea di dove si trovano i loro migliori nutrienti.


Miti da giardino 5: Le calendule respingono i parassiti

Le preoccupazioni sono considerate una necessità nella maggior parte dei giardini e per una buona ragione. Sono belle ed eccezionalmente facili da coltivare. Sembrano anche attrarre molti insetti benefici, come gli impollinatori, in un’area. Ma davvero respingono i parassiti in giardino?

In primo luogo, ci sono quattro diverse sottofamiglie di preoccupazioni nella famiglia Tagetes . Queste varietà sono comunemente chiamate French, Mexican, African, Bookmark o ibridi. Ci sono anche molteplici varietà di tageti all’interno di ogni sottofamiglia.


Impianto Trappola

Molte varietà di calendule hanno
si è infatti dimostrato totalmente inefficace nel controllo dei parassiti. In effetti,
Molti hanno dimostrato di essere eccellenti attrattori di parassiti. In altri
In altre parole, una serie di varietà di preoccupazioni potrebbero essere
una pianta trappola per tenere lontani i parassiti dalle piante più preziose.


Inefficace per alcuni parassiti

Per quanto riguarda la disinfestazione, invece, le informazioni sono contrastanti. In generale, le preoccupazioni si sono rivelate inefficaci contro la tignola del cavolo e i parassiti delle carote e delle cipolle. Tuttavia, possono essere utili per altri parassiti.


Centrale elettrica a limonene

Recenti studi sulle tageti hanno stabilito che il limonene, un terpene presente in molti tipi di tageti, è un efficace deterrente per le mosche bianche in serra. Tuttavia, il limonene è presente in molte piante, tra cui la Melissa officinalis ( Melissa officinalis ), e le scorze di agrumi. Pertanto, questa qualità di repellente contro i parassiti non è un’esclusiva della calendula.


Riduzione dei nematodi delle uova

La calendula francese ( Tagetes Patula ) si è dimostrata la più efficace nel controllo dei nematodi. Fondamentalmente, queste radici di calendula rilasciano nel terreno un prodotto chimico (alfa-tertienile) che impedisce la schiusa delle uova di nematodi.

A seconda del tipo di nematodi che avete, le diverse varietà di calendule francesi funzionano meglio di altre. Quindi, per ottenere i migliori risultati, è necessario abbinare la varietà di calendula con il problema dei nematodi. Inoltre, si dovrebbero piantare tageti in tutto il letto l’anno prima di piantare qualsiasi pianta che si vuole proteggere dai nematodi.


Utilizzare queste conoscenze a casa

Quindi, togliendomi il cappello da scienziato per un
In questo momento, si dà il caso che io sia un grande sostenitore dell’uso di calendule alla francese
nel giardino. Li trovo molto utili per ridurre il mio parassita
problemi.

Sospetto che, oltre a confermare i miti del giardino con la recente scoperta dei benefici del limonene e dei noti vantaggi della soppressione dei nematodi, questa potente sottofamiglia di piante Tagetes patula contenga probabilmente più di quanto sappiamo. La scienza probabilmente un giorno si metterà in pari con quello che noi giardinieri hobbisti sappiamo sulla magia delle calendule.

Per maggiori informazioni
è meglio

Nel frattempo, la cosa preoccupante è che più ce n’è, meglio è. Se le usate come piante trappola, piantarle in massa sarà un invito al tappeto rosso.

Se li usate per attirare gli insetti benefici, anche il reimpianto di più insetti insieme avrà un impatto maggiore. Per sopprimere le uova di nematode, deporre più uova di nematode nei loro letti e piantarle ogni anno avrà più benefici a lungo termine.


Conclusione

La saggezza dei miti del giardino può aiutare ad avere un giardino di successo.

Io credo nella scienza. Ma credo anche che molti di noi giardinieri abbiano la capacità intuitiva di capire il nostro terreno e le nostre piante. Anche se ho passato la maggior parte del mio tempo a sfatare i miti dei giardini e alcuni dei nostri piccoli modi di spiegare la saggezza dei giardini, credo ancora che ci sia verità in ciò che è stato dimostrato.

Il compostaggio funziona anche se non sempre si capisce come. I legumi crescono in terreni poveri di azoto, quindi sono una buona opzione se si è a basso contenuto di azoto. I test del terreno possono aiutare, ma non sempre. Il terreno profondo è buono, ma non lasciate che il terriccio vi impedisca di coltivare un giardino fantastico.

Infine, le preoccupazioni sono belle. Piantateli perché li amate e aggiungete qualche francese, non si sa mai. Oh, e non smettete mai di essere affascinati dai miti dei giardini e della natura. La natura sa molto più di noi su ciò che funziona e ciò che non funziona. A volte osservare la natura è il nostro miglior maestro.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *