Suggerimenti

Argomento molto breve a favore dell’agricoltura biologica.

L’agricoltura biologica è solo una tecnologia, ma nessuna tecnologia è neutrale. La campagna di disinformazione promossa dall’industria transgenica punta, senza voler togliere la maschera scientifica, a negare che le tecnologie alternative abbiano una base scientifica. Contro l’argomento demagogico, che prende facilmente piede tra i disinformati, non c’è difesa che una divulgazione abbordabile ma rigorosa. Questo brevissimo argomento a favore dell’agricoltura biologica non ha altro scopo. Può essere citato, copiato, ampliato, commentato, pubblicato, divulgato e ovviamente discusso, nel modo che più piace ai lettori.

L’agricoltura biologica ha una base scientifica? L’agricoltura biologica si basa sul lavoro di diverse scuole di agronomi, pedologi, fitopatologi, microbiologi e fisiologi vegetali che, dagli anni ’30 del secolo scorso, propongono modi alternativi di intendere l’agricoltura, come reazione alle conseguenze negative che l’applicazione tecnologica dell’agricoltura chimica.

Qual è l’obiettivo dell’agricoltura biologica? L’obiettivo comune di tutte queste scuole è che l’attività agricola sia sostenibile (o durevole), cioè che possa essere mantenuta indefinitamente nel tempo, soddisfacendo i bisogni delle generazioni presenti senza compromettere la sua capacità di soddisfare quelli delle generazioni future.

Perché l’agricoltura chimica è insostenibile? La fertilizzazione chimica ha conseguenze negative sulla fertilità del suolo; il trattamento con pesticidi sintetici sbilancia i rapporti tra parassiti e malattie ei loro nemici naturali; entrambi influiscono negativamente sulla capacità delle piante di resistere agli attacchi di parassiti e malattie e alle condizioni di stress (siccità, temperature estreme, ecc.). La monocultura e la mancanza di biodiversità aggravano tutti questi problemi, oltre ad avere conseguenze sociali ed economiche indesiderabili. D’altra parte, gli input utilizzati dall’agricoltura chimica consumano risorse non rinnovabili. Anche l’agricoltura chimica è una grave causa di inquinamento.

Perché, se l’agricoltura chimica è insostenibile, è diventata così diffusa e praticata da così tanto tempo? L’agricoltura chimica non fu implementata su larga scala fino a dopo le due guerre mondiali, quando i paesi belligeranti svilupparono in modo spettacolare l’industria manifatturiera dei nitrati, la base dell’industria degli esplosivi. Dopo la guerra, affinché non ci fosse capacità inutilizzata, l’eccedenza fu utilizzata per fertilizzanti per l’agricoltura. La domanda agricola di fertilizzanti chimici non avrebbe mai guidato questa tecnologia da sola, ma una volta sviluppata la capacità produttiva e creata l’offerta, la domanda doveva essere mantenuta e aumentata. Anche l’industria dei pesticidi sintetici è iniziata come una tecnologia bellica che è stata successivamente applicata all’agricoltura.

Perché la fertilizzazione chimica ha conseguenze negative sulla fertilità del suolo, dal momento che le piante assorbono i nutrienti dal suolo in forma minerale? I fertilizzanti chimici, anche in piccole quantità, interferiscono negativamente con l’attività dei microrganismi del suolo, responsabili della formazione dell’humus (la base della struttura fisica del suolo e la sua capacità di immagazzinare i nutrienti) dalla materia organica, la solubilizzazione dei nutrienti e il loro assorbimento dalle radici delle piante.

Quali altre conseguenze negative ha la mancanza di materia organica nel suolo? La mancanza di sostanza organica nel suolo favorisce l’eccessiva proliferazione di microrganismi patogeni (funghi, batteri e nematodi) responsabili di malattie radicali. I terreni poveri di materia organica hanno una struttura fisica fragile e sono facilmente soggetti a ristagni d’acqua. In situazioni di siccità, anche la sua capacità di stoccaggio dell’acqua è ridotta.

Perché i pesticidi sintetici squilibrano le relazioni tra parassiti e malattie e i loro nemici naturali? In un agrosistema stabile, parassiti (insetti e acari) e malattie (funghi, batteri e nematodi) sono in equilibrio con i loro nemici naturali (altri insetti, acari, funghi, batteri e nematodi che li parassitano). I pesticidi sintetici uccidono questi nemici naturali, causando infine una proliferazione più rapida e incontrollata di parassiti e malattie.

Quale altra conseguenza ha l’uso ripetuto di pesticidi sintetici? Che parassiti, malattie ed erbe infestanti acquisiscano resistenza per selezione naturale, tanto più velocemente quanto maggiore è la pressione selettiva, così che i prodotti fitosanitari sono sempre meno efficaci.

Perché i fertilizzanti chimici e i prodotti fitosanitari di sintesi influiscono negativamente sulla capacità delle piante di resistere agli attacchi di parassiti e malattie e alle condizioni di stress? I pesticidi ei fertilizzanti minerali solubili interferiscono con il metabolismo della pianta, alterando la concentrazione dei nutrienti nella linfa e favorendo quindi la sensibilità della pianta agli attacchi di insetti, acari, funghi, batteri e virus; e bloccando la sua capacità di produrre le proprie tossine specifiche contro quelle malattie, oi suoi meccanismi di difesa contro le condizioni di stress.

Perché le monoculture e la mancanza di biodiversità sono così gravi? L’abbandono delle rotazioni colturali favorisce la proliferazione di parassiti e malattie specifiche di quella specie o famiglia oggetto di monocoltura, e che i suoli sono impoveriti di quei nutrienti di cui quella specie o famiglia è particolarmente esigente. Al contrario, in un agrosistema diversificato le diverse specie possono favorirsi a vicenda covando i nemici naturali dei parassiti e delle malattie che colpiscono i loro vicini, senza competere eccessivamente tra loro per gli stessi nutrienti o spazio, allo stesso modo in cui un l’ecosistema (ad esempio una foresta primaria) è tanto più stabile quanto più diversificato.

Quali conseguenze sociali ed economiche indesiderabili hanno le monoculture? Le monoculture hanno un impatto negativo sulla redditività economica delle piccole e medie aziende agricole, incapaci di competere con quelle grandi, sulla stabilità sociale delle comunità contadine e sulla sovranità alimentare dei popoli. La moderna Agroecologia studia quindi i sistemi agricoli da una prospettiva agronomica ed ecologica, ma anche socio-economica, come parte della sostenibilità (o durabilità) intesa in senso lato.

Perché, se l’Agroecologia studia i sistemi agricoli da un punto di vista socio-economico, e se promuove la sovranità alimentare, esistono certificazioni di prodotti biologici che tutelano le merci trasportate da altri continenti, prodotte da aziende il cui obiettivo è l’esportazione? Finché le comunità contadine e gli agricoltori biologici devono competere in un mercato globale, non hanno altra scelta che usare le stesse armi che vengono usate contro di loro. Se smetteranno di produrre per l’esportazione, saranno svantaggiati (ancora di più) rispetto al grande agrobusiness.

Perché gli input utilizzati dall’agricoltura chimica consumano risorse non rinnovabili? I fertilizzanti azotati utilizzati nell’agricoltura chimica sono sintetizzati dall’idrogeno atmosferico e dall’azoto utilizzando grandi quantità di energia fossile; l’idrogeno a sua volta è sintetizzato principalmente dal gas naturale. I fertilizzanti al fosforo a loro volta vengono estratti dai depositi in diminuzione. La carenza di petrolio, gas naturale e fosfati è già stata rivelata e si riflette nell’aumento dei prezzi dei fertilizzanti chimici.

Perché l’agricoltura chimica è una grave causa di inquinamento? A parte l’effetto negativo sullo strato di ozono di alcuni prodotti fitosanitari di sintesi, come il bromuro di metile, o il contributo al riscaldamento globale dei fertilizzanti azotati (d’altra parte, la fertilizzazione organica contribuisce alla cattura di CO2), la chimica sintetica è responsabile per aver inventato materiali come gli organoclorurati, o organofosfati, che prima non esistevano in natura (o solo aneddoticamente), contro i quali il metabolismo degli esseri viventi non ha alcun meccanismo di difesa: ecco perché sono così tossici e così persistenti. Gli organoclorurati sono particolarmente inclini ad accumularsi lungo le catene alimentari e hanno un effetto, anche a concentrazioni molto piccole, come interferenti endocrini.

I prodotti naturali utilizzati dall’agricoltura biologica nella lotta a parassiti e malattie sono completamente sicuri? Piante e microrganismi producono i propri veleni per difendersi da parassiti e malattie e molti di essi sono utilizzati come prodotti fitosanitari nell’agricoltura biologica. Solo perché un prodotto è di origine naturale non significa necessariamente che sia completamente innocuo. Tuttavia, i prodotti naturali sono presenti in natura da milioni di anni e il metabolismo degli esseri viventi ha avuto il tempo di evolversi e adattarsi ad essi.

Che bisogno c’è in agricoltura biologica di utilizzare prodotti fitosanitari, anche se naturali? La lotta a parassiti e malattie si basa principalmente su pratiche culturali che promuovono la biodiversità e l’equilibrio tra piante, insetti e microrganismi. Solo in via eccezionale si dovrebbero usare pesticidi, anche se naturali. Molti allevatori, infatti, raramente o mai hanno bisogno di utilizzarli.

Perché, se l’agricoltura biologica è scientificamente fondata, gli agroecologi dedicano così tanto interesse allo studio delle pratiche agricole tradizionali? Parte dell’approccio agroecologico consiste nell’instaurare un dialogo di conoscenza tra la conoscenza tradizionale degli agricoltori e la scienza moderna. I contadini di tutto il mondo per migliaia di anni hanno resistito alla cooperazione con la natura. Per questo motivo gli agoecologi promuovono la ricerca partecipata, al fine di scoprire le basi scientifiche di queste pratiche agricole, di cui l’esperienza secolare ha dimostrato la loro sostenibilità.

Perché, se l’agricoltura biologica ha una base scientifica, esistono agricoltori biologici che fanno pozioni “magiche” e seminano secondo un calendario basato sulle fasi lunari e sulla loro posizione nello zodiaco? Il fatto che una conoscenza non sia scientifica non significa necessariamente che sia falsa. Ci sono fenomeni nel mondo che sono veri, ma che per ora non possono essere scientificamente dimostrati: non sono quantificabili o misurabili, né possono essere riprodotti sperimentalmente in modo che chi non ci crede possa oggettivamente verificarli da sé, né hanno leggi sono stati formulati per spiegare. Alcuni potrebbero essere scientificamente provati prima o poi, se fosse possibile misurare, quantificare e riprodurre quelle energie da cui dipendono questi fenomeni; Altri no, per la loro natura soggettiva (dipendono dal crederci dell’interessato) o perché non riproducibili (nel caso delle posizioni della Luna e dei pianeti).

Scritto da Juanjo Triana , visita il suo blog La Cazoleta de Samarines

.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.