Suggerimenti

Associazione di colture: come potenziare le tue piante

Quando piantiamo diverse verdure, frutta, verdura e piante aromatiche in un giardino, vediamo come ci sono alcune specie che si sviluppano più velocemente di altre. Come se si supportassero a vicenda nella crescita e ci fossero sinergie tra di loro. Inoltre, può succedere anche il contrario. Questo è ciò che è noto come associazione di colture  e, sebbene non sia qualcosa di essenziale da tenere in considerazione per l’uso dello spazio del nostro giardino, se lo pianifichiamo bene possiamo aumentare la produzione.

Che sia per le sue dimensioni, per il modo in cui crescono le sue radici o per la sua capacità di respingere diversi parassiti, l’associazione di colture consente di combinare piante diverse di famiglie diverse, anche aromatiche e medicinali, valorizzandosi a vicenda o, almeno, senza influenzarsi a vicenda.

In questo articolo ti spiegheremo di cosa si tratta associare colture diverse e piantarle insieme, sia in giardino che sui tavoli di coltivazione.

Cos’è la consociazione?

Anche se abbiamo già dato alcune pennellate sul significato delle colture associative, continueremo a parlarvene. Come sapete, un terreno o un substrato ha risorse limitate, sia nello spazio che nella capacità di immagazzinare acqua e sostanze nutritive. In quest’ultimo caso, dobbiamo sostituirli continuamente.

Se piantiamo insieme due specie che consumano gli stessi nutrienti, e questo di solito accade quando appartengono alla stessa famiglia, moltiplichiamo il consumo di questi minerali nella stessa zona, mentre in un’altra parte del nostro orto o tavola di coltivazione, ci sarà maggiore accumulo di detto nutriente.

Lo stesso accade con l’ architettura della radice, la dimensione (per fornire ombra o proteggere dal vento), l’associazione con microrganismi (funghi e batteri) o il consumo di acqua. Pertanto, se distribuiamo bene il nostro giardino con diverse piante eterogenee, bilanciamo tutte queste variabili e ne valorizziamo la crescita.

Finora abbiamo parlato di associazione delle colture per evitare una perdita di produzione, ma possiamo aumentarla se associamo bene piante diverse? Questo concetto è stato studiato come raccomandazione in un gran numero di libri di orticoltura, è anche qualcosa che viene introdotto nella formazione di giardinaggio attraverso corsi online.

Se abbiniamo specie aromatiche, ad alto contenuto di sostanze fitoattive che emettono aromi nell’ambiente, insieme a piante come peperoni, pomodori o altro, possiamo trarre vantaggio dall’evitare la presenza di insetti succhiatori come aleurodidi, afidi o cocciniglie, tra gli altri.

Sebbene le piante aromatiche non abbiano la capacità di evitare la loro presenza, è un impedimento o un fastidio, quindi fuggiranno verso altre piante «più comode», se ve ne sono.

Associazione delle colture e compatibilità tra le piante

Associare le colture a diversi apporti di nutrienti

In generale possiamo mischiare piante diverse a seconda delle loro famiglie, come le Solanacee (pomodoro, peperone, melanzana, ecc.) con altre famiglie, come le leguminose o le Compositae. In questo modo si equilibra il consumo di nutrienti e si può trasferire azoto anche nel caso dei legumi, dove associati ai microrganismi rizobi ​​sono in grado di produrre fino al 20% o 30% del loro fabbisogno di azoto e trasferirli al ambiente.

Una pianta con un elevato consumo di potassio (come una coltura di pomodoro) unitamente ad una pianta con un consumo maggiore di azoto (come una coltura di lattuga), è un connubio idoneo a bilanciare le limitate risorse del suolo o del substrato.

Mescola piante a crescita lenta e a crescita rapida

Unire piante con abitudini di crescita diverse non aiuta la crescita, ma ci permette di ottimizzare lo spazio nel nostro giardino. Questo, su un balcone o un tavolo di coltivazione, è fondamentale poiché partiamo da una piccola superficie su cui lavorare.

Un classico esempio è l’abbinamento di una lattuga con un impianto di produzione successivo, come il pomodoro o il peperone. Quando inizieremo a raccogliere una pianta di peperone trapiantata di recente, circa 70-80 giorni dopo, avremo già raccolto la nostra lattuga, se si tratta di un raccolto estivo.

Abbina piante con una diversa crescita delle radici

Lo sviluppo della radice è una parte molto importante nel sostentamento dei nutrienti e dell’acqua di qualsiasi pianta, ecco perché dobbiamo sempre facilitare il compito in modo che produca la maggior quantità di peli assorbenti.

Esistono piante orticole specializzate nella produzione di radici più superficiali, rispetto ad altre che hanno radici fittonanti e non emettono molte radici superficiali. La combinazione perfetta nella consociazione è quella di riunire entrambe le piante in modo che non vi siano impedimenti allo sviluppo delle loro radici.

Un esempio?  Pianta di pomodoro (radici più profonde e meno profonde) con lattuga (poche radici) con carote o ravanelli (radici pivot).

Associa piante di diverse dimensioni

L’associazione della coltivazione in base alla crescita e alla dimensione delle diverse piante garantisce un uguale accesso alla luce in tutti i tipi di piante. Allo stesso modo, possiamo sfruttare l’ombra generata da specie ad alto fusto con un’elevata densità di foglie per generare ombra per quelle piante che risentono dei raggi diretti del sole.

Esistono specie striscianti, come molte piante aromatiche o cucurbitacee (melone e anguria), che si adattano perfettamente a piante che crescono in verticale, come fagioli, pomodori, melanzane, cetrioli, ecc.

Tipi di colture associate

L’associazione delle colture viene solitamente effettuata tra un gran numero di specie e non tutte devono essere necessariamente ortaggi, frutta o ortaggi. In esso si possono associare anche piante aromatiche e medicinali, come raccomandava all’epoca John Seymour, nell’orticoltore autosufficiente.

L’associazione più pratica è riconoscere le diverse famiglie che possiamo trovare:

  • Legumi:  piselli, fagioli, fagioli, semi di soia.
  • Crocifere:  cavoli, cavoli rossi, cavolini di Bruxelles, cavolfiori, broccoli, broccoli, cavoli da foraggio, rape, rape, ravanelli, crescione.
  • Solanacee:  patata, pomodoro, peperone, melanzana.
  • Ombrellifere:  carota, pastinaca, sedano, sedano rapa, prezzemolo, finocchio.
  • Liliaceae: cipolla, porro, asparagi, aglio.
  • Chenopodiaceae:  barbabietole, spinaci, bietole,
  • Cucurbitacee:  cetriolo, zucca, zucchina, melone, anguria,
  • Composti:  lattuga, cicoria, scarola, tarassaco, carciofo, cardo, mais, rabarbaro.

Colture erette:  pomodoro, peperone, pisello, melanzana, cetriolo, fave, mais, cavolini di Bruxelles

Colture orizzontali:  melone, anguria, carota,

Colture di sviluppo del substrato:  patata, carota, ravanello, porro, cipolla, aglio, barbabietola

Colture che occupano molto spazio:  carciofi, broccoli, zucchine, zucca, cavolfiori

Colture rampicanti: bietole, spinaci, scarole

tavola di associazione

Una tabella molto facile e semplice da capire è quella fornita dal sito de La huertina de Toni, con un’ampia varietà di colture per poter verificare se l’associazione con altre piante è opportuna o è meglio evitare il contatto in giardino o tavola di coltivazione..

Articoli correlati

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.