Suggerimenti

Come coltivare il tamarindo?

Tamarindo , Tamarindus indica , albero tropicale originario dell’Africa che appartiene alla famiglia botanica delle Fabaceae , come ceci , piselli o piselli e lenticchie . Il tamarindo produce baccelli voluminosi e marroni contenenti i semi che contengono una polpa dal sapore dolce una volta maturi. È un legume molto nutriente, leggi le proprietà del tamarindo per sapere a cosa serve.

Il tamarindo fu introdotto in Spagna dagli arabi e successivamente portato in America dagli spagnoli, dove la sua coltivazione proliferò. Attualmente l’India è il primo produttore e consumatore di tamarindo, facente parte di molte ricette di cucina tradizionale.

È un albero rustico che non necessita di grandi cure per dare buoni raccolti. Essendo un albero alto, può essere utilizzato per offrire ombra ad altri alberi da frutto o ad altre colture del giardino che necessitano di mezz’ombra.

Altri articoli da agricoltura biologica

Come coltivare il tamarindo?

Semina e moltiplicazione

Possiamo iniziare la coltivazione del tamarindo seminando i semi, talee o mediante innesto. I semi germinano facilmente se li manteniamo umidi e in una settimana o poco più germoglieranno le piantine. È il modo più utilizzato. Vedrai che i primi anni non cresce molto, nel primo anno supererà appena il mezzo metro e nel secondo crescerà fino a un metro e venti o trenta centimetri.

substrato

Questo albero richiede suoli ricchi di sostanza organica, profondi e con un pH compreso tra 6 e 7,5. Inoltre, sovesci, piante di copertura e pacciamatura o pacciamatura favoriscono la fertilità del terreno e hanno un impatto molto positivo sullo sviluppo del tamarindo.

Temperatura

È una coltura che predilige i climi tropicali e subtropicali. Non resiste al gelo quando è nelle prime fasi di crescita, sebbene gli alberi adulti possano resistere bene agli inverni. Sono anche molto resistenti ai venti.

Leggero

Il tamarindo è un albero che richiede una buona esposizione al sole.

Potatura del tamarindo

È un albero molto rigoglioso che può raggiungere un’altezza di 30 metri, rimuovere alcuni rami che non sono in buone condizioni o che rompono la forma dell’albero può favorire lo sviluppo dei baccelli.

Irrigazione del tamarindo

Soprattutto durante le prime fasi di crescita degli alberi, è importante mantenere sempre il terreno leggermente umido con annaffiature regolari. È meglio annaffiare con l’irrigazione a goccia, evitando così ristagni d’acqua.

Raccolto

A 4 o 5 anni possiamo iniziare a raccogliere i baccelli. Il momento ottimale per farlo sarà quando saranno più morbidi.

Unisciti ad altri giardinieri che stanno già godendo i loro orti biologici con l’aiuto del nostro libro “Orti urbani e aiuole” in cui troverai molte informazioni utili sull’orto biologico urbano, scaricalo ora!

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *