Suggerimenti

Come fare le talee in acqua

Il taglio in acqua è una delle tecniche più utilizzate per moltiplicare esemplari o scambiare talee, cosa molto semplice da fare ma prima bisogna avere tutte le informazioni necessarie. Prima di iniziare a tagliare le talee, è molto importante sapere quali specie sono le più adatte e quali cure devono ricevere durante le fasi di radicazione e trapianto.

Le talee in acqua, insieme a strati, semi e innesti, sono i metodi più comuni per moltiplicare le piante. Questa particolare tecnica consiste nell’immergere in acqua la base di un tralcio in modo che sviluppi le radici, e le piante che garantiscono i migliori risultati sono quelle con fusti morbidi e non legnosi. Continua a leggere questo articolo di Green Ecology se vuoi sapere come fare le talee in acqua.

piante consigliate

Le piante d’appartamento più consigliate da tagliare in acqua sono:

  • l’edera
  • la begonia
  • fitonia
  • il cis
  • balsamo

Ottimi risultati si possono ottenere anche con begonia rex, sansiveria, ficus o violetta africana. È importante tenere presente che il gambo è l’unica parte che deve rimanere in acqua, altrimenti il ​​germoglio marcirà.

Come tagliare

Affinché il taglio attecchisca con forza nell’acqua, è necessario tagliare correttamente lo stelo. È meglio usare forbici per bonsai, una forbice da potatura o un coltellino, così potrai fare un taglio deciso e definito.

  1. Fai il taglio sotto il nodo, che è la parte dello stelo più sporgente rispetto al resto.
  2. La lunghezza del taglio dipende dal tipo di specie, essendo ad esempio 7-12 cm per l’edera o 15-25 per il ficus.
  3. Poi mettetela in un recipiente pieno d’acqua, eliminando le foglie inferiori che potrebbe avere.

Se desideri leggere altri articoli simili a Come fare le talee in acqua, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Suggerimenti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.