Suggerimenti

Guida per germinare semi di ogni tipo

L’origine della vita vegetale si trova nel seme. È il modo più semplice e pratico per immagazzinare e proteggere la variabilità genetica, nonché per nutrire il mondo.

In effetti, ci sono molte banche genetiche oltre allo Svalbard Global Seed Vault per proteggere il futuro della vita in caso di catastrofe nucleare o di altro tipo.

Il fatto è che abbiamo la possibilità di poter germinare semi di ogni tipo, e qui non ci sono quasi limiti. Sì, è vero che ci sono specie che hanno un basso potere germinativo o richiedono molto tempo per farlo, ma in nessun caso è impossibile se abbiamo i materiali e la pazienza necessari.

Possiamo far germogliare semi di alberi da frutto, ortaggi, piante medicinali e molto altro. In questo articolo vogliamo riunire le principali tecniche e consigli sul processo di germinazione, in modo che avvenga nel modo più semplice possibile.

Come germinare i semi in un vassoio

scelta del vassoio

Un modo adatto per controllare la temperatura e l’umidità a nostro piacimento è far germinare i semi in vassoi piatti. Qualsiasi superficie di plastica che trattiene l’umidità farà il trucco, quindi hai molte opzioni e non devi necessariamente spendere soldi.

È interessante, tuttavia, che ci siano dei fori nella base, in modo che l’umidità in eccesso possa essere rimossa e i semi non marciscano.

Usa un substrato sicuro per i semi

Qual è il substrato ideale per i semi? Ce n’è uno specifico e il resto non funziona? No, tutt’altro. L’unica cosa che un seme richiede quando germina è l’umidità e l’assenza di sali o conduttività.

Per quanto riguarda questi ultimi, bisogna evitare substrati universali a basso costo (sapete dove acquistarli), poiché sono formulati con un elevato carico di sali. In molti casi ci è capitato che il seme riesca a germogliare, ma dopo 5 o 10 giorni collassa senza motivo apparente.

E ovviamente un motivo c’è, l’eccesso di sali. Una conducibilità superiore a 2 mS/cm compromette gravemente lo sviluppo della radice principale, che è molto sensibile e composta da meno di una cellula di larghezza, per cui qualsiasi stress ne provoca il deterioramento.

Buona conservazione dell’umidità:  molti substrati universali hanno attualmente una miscela di fibra di cocco o perlite, materiali che assorbono molto bene l’umidità, ma consentono una buona ossigenazione del substrato.

Nessun accumulo di sali:  evita substrati a basso costo o marchi non di riferimento. A sua volta, lava la fibra di cocco poiché spesso proviene da zone costiere e ambienti salini, trascinando grandi quantità di sale.

Da qui, riempiamo i vassoi che utilizzeremo con il substrato che soddisfa queste condizioni.

Inumidire il substrato

Il passaggio successivo prima di introdurre il seme nel compost o nel substrato è idratarlo. Dobbiamo scegliere mezzi applicativi che permettano di ridurre la dimensione della goccia d’acqua, in modo che non sposti o sposti il ​​supporto e lo impregni.

Uno spruzzatore o un annaffiatoio con ugello ridotto sono strumenti utili per la germinazione dei semi. Se utilizziamo l’atomizzatore, dobbiamo essere sicuri di aver imbevuto l’intero substrato e non solo la superficie, poiché il seme sarà interrato a pochi centimetri da esso, e non può essere asciutto.

Trova i semi migliori

Ci sono molte marche sul mercato con semi di tutti i tipi. Specie orticole, alberi da frutto, bulbi, ecc. Infatti, di ogni tipo di ortaggio, ad esempio, si possono trovare diverse varietà da piantare.

Devi prendere in considerazione il calendario ideale, poiché non tutti si svolgono in primavera. Alcuni hanno bisogno di un po’ più di freddo per germogliare o anche altri richiedono il processo di stratificazione.

Quest’ultimo passaggio consiste nell’eseguire un processo precedente per inviare segnali di germinazione. Può essere il freddo di un frigorifero, l’umidità o anche rimuovere il rivestimento del seme con calore o acido.

Hai una vasta gamma di semi da seminare, che puoi trovare nei negozi online, nei supermercati o creare la tua banca del germoplasma privata.

Introdurre i semi nella teglia con il substrato

Il passaggio più semplice ma non meno importante è seminare i semi, distribuiti uniformemente su tutta la lunghezza e la larghezza del vassoio.

Non esiste un quadro di impianto prestabilito, anche se si consiglia di non raggruppare più semi nella stessa buca.

Tieni presente che alcuni semi devono essere in una posizione esatta per facilitare la loro germinazione, come molti semi di palma o semi di agrumi.

Nel caso della maggior parte delle piante orticole, non è necessario rispettare una posizione e si possono introdurle nel substrato per distensione. Tuttavia, è bene consultare alcune informazioni sui semi di ogni tipo per facilitare il compito.

Profondità di impianto delle principali verdure

Metti i semi in un luogo caldo

Una volta posizionati i semi nel vassoio con il substrato, dobbiamo cercare un ambiente caldo, con poca differenza di temperatura e umidità ambientale adeguata.

In molti casi viene utilizzata una copertura in plastica trasparente, che simula una serra, raggiungendo qualche grado in più accumulato rispetto all’esterno e aumentando l’umidità relativa (soprattutto quando parte dell’acqua evapora dal substrato).

Quest’ultima tecnica accelera la germinazione in pochi giorni, ottenendo la perfetta combinazione di umidità e temperatura.

Esponi i semi alla luce non appena germinano

Il punto più delicato quando si tratta di germinazione è subito dopo che la piantina esce dal seme. Se l’illuminazione è eccessivamente scarsa o è molto scura, lo stelo della piantina si allungherà eccessivamente e indebolirà l’emergere delle nuove foglie.

D’altra parte, non possiamo esporre le piantine appena germogliate alla luce solare diretta nella fascia oraria più calda. L’ideale è una zona con una buona illuminazione ma senza sole.

Irrigazione costante e basse dosi

Dobbiamo evitare sempre di allagare il substrato con lo sviluppo delle piantine. Per questo motivo, la migliore tecnica di irrigazione è spruzzare su di essi acqua nebulizzata, idratando il substrato ma evitando eccessivi accumuli di umidità.

Dobbiamo aumentare la frequenza di applicazione ma diminuendo la dose applicata. Effettueremo questo passaggio ogni 2 o 3 giorni, a seconda dello stato di umidità che mantiene il supporto.

Ricorda che la piantina è molto sensibile e ha a malapena un fittone bianco in via di sviluppo. Dobbiamo evitare di applicare qualsiasi tipo di fertilizzante fino a quando la pianta non cresce un po’ di più.

Quando la pianta sviluppa più foglie vere e ha più di una radice formata, possiamo effettuare il trapianto nel luogo finale, o anche in vassoi individuali. Possiamo saltare quest’ultimo passaggio se invece di aver utilizzato un vassoio per posizionare tutti i semi, li abbiamo distribuiti in contenitori diversi.

Semina diretta in giardino

A seconda della rusticità delle specie vegetali o del potere di germinazione dei semi, possiamo effettuare la semina diretta nel nostro giardino.

Per fare ciò, non avremo bisogno di un vassoio di germinazione o di uno spruzzatore o di miscele di substrato. Solo bel tempo, acqua e buona illuminazione.

Per seminare i semi all’esterno, direttamente nel terreno, bisogna effettuare una piccola preparazione del terreno, evitando di avere grossi aggregati di terra o sassi che danneggiano l’uscita delle radici.

È una buona idea incorporare una base di compost o materia organica, poiché il terreno accumulerà una temperatura più elevata e favorirà la ritenzione dell’umidità.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.