Suggerimenti

I minerali della nostra dieta: lo zolfo

Lo zolfo è essenziale per la vita, infatti è presente nelle nostre cellule. Questo macrominerale è un componente importante di tre amminoacidi responsabili della formazione delle proteine ​​e della tiamina riconosciuta, come la vitamina B1. Lo zolfo è presente nella cheratina , che è una sostanza proteica presente nella pelle, nelle unghie e nei capelli, partecipa alla sintesi del collagene (elemento che tiene insieme le cellule). Lo zolfo assorbito dall’apparato digerente viene separato dagli amminoacidi che lo contengono, per essere successivamente trasportato al flusso sanguigno e alle cellule del corpo e dei capelli.

Funzioni che svolge:

Queste sono alcune delle funzioni che lo zolfo svolge nel corpo:

  • È responsabile del mantenimento del necessario apporto di ossigeno nel nostro cervello.
  • Collabora con il fegato per una corretta secrezione biliare.
  • Collabora con le vitamine del gruppo B per garantire la salute dei nervi.
  • È parte integrante degli amminoacidi che aiutano a costruire i tessuti.
  • È essenziale per la sintesi di cheratina e collagene.
  • Il suo ruolo è rilevante nella respirazione dei tessuti organici.
  • Favorisce il trasporto e l’equilibrio di altri minerali nel corpo.
  • Collabora attivamente nel trattamento delle problematiche che interessano la pelle, le unghie ei capelli.
  • È anche coinvolto nel metabolismo dei lipidi e dei carboidrati.
  • Il corretto funzionamento dell’insulina La molecola dell’insulina è costituita da due catene di amminoacidi collegate tra loro da ponti di zolfo, senza i quali l’insulina non potrebbe svolgere la sua attività biologica.
  • La sintesi di importanti intermedi metabolici , come il glutatione.
  • La vitamina B1 e la conversione della biotina , che a loro volta sono essenziali per la conversione dei carboidrati in energia.
  • Disintossicazione del corpo.

.

La sua carenza può causare:

La sua mancanza può causare una serie di disturbi nel corpo, questi sono alcuni di questi:

  • Può causare debolezza alle unghie, alla pelle e ai capelli.
  • Può avere molto a che fare con problemi che colpiscono le articolazioni.
  • Impedisce al nostro corpo di potersi purificare normalmente.
  • Può produrre una secrezione biliare non corretta.
  • Può produrre alterazioni del sistema nervoso.
  • Può causare uno squilibrio nel nostro corpo di altri minerali.
  • Può causare un ritardo della crescita a causa della sua relazione con la sintesi proteica.
  • Possono verificarsi alterazioni del metabolismo dei lipidi e dei carboidrati.

.

Precauzioni e dati da tenere in considerazione:

Il suo eccesso può causare una lieve diarrea.

Lo zolfo si trova frequentemente in natura sotto forma di solfuri. Durante vari processi, vengono aggiunti all’ambiente legami di zolfo dannosi per gli animali e l’uomo. Questi legami di zolfo dannosi si formano anche in natura durante varie reazioni, soprattutto quando sono state aggiunte sostanze non presenti in natura. I composti di zolfo hanno un odore sgradevole e sono spesso altamente tossici. In generale, le sostanze sulfuree possono avere i seguenti effetti sulla salute umana:

  • Effetti neurologici e cambiamenti comportamentali
  • Circolazione sanguigna alterata
  • Danni cardiaci
  • Effetti su occhi e vista
  • Difetti riproduttivi
  • Danni al sistema immunitario
  • Disturbi allo stomaco e gastrointestinali
  • Danni alle funzioni del fegato e dei reni
  • Difetti dell’udito
  • Disturbi del metabolismo ormonale
  • Effetti dermatologici
  • Asfissia ed embolia polmonare

.

Tossicità:

La dose giornaliera raccomandata non è stabilita, quindi una dieta regolamentata è l’unica assicurazione della sua dose corretta. Sebbene l’eccessiva incorporazione di zolfo contenuto negli alimenti non sia considerata tossica, l’ingestione di zolfo inorganico attraverso prodotti non raccomandati dai professionisti medici è pericolosa.

Il suo eccesso viene eliminato dall’organismo attraverso l’urina.

Nutrienti sinergici:

La sua combinazione con questo gruppo, e più con la vitamina B1; ne potenzia l’effetto:

  • Vitamine del gruppo B.

Alimenti ricchi di zolfo:

Ecco qui alcuni di loro:

Fagioli secchi e altri legumi, aglio, nocciole, cipolla. Cavoletti di Bruxelles, cavolo riccio, asparagi, frutta secca, fagioli, germe di grano, germogli

Malattie in cui il suo uso può essere consigliabile:

Queste sono alcune delle malattie in cui l’uso di Zolfo può essere raccomandato:

Apparato locomotore: artrite. Osteoartrite Cifosi. Scoliosi. Spondiloartrite anchilosante. Lordosi. Lussazioni reumatismi. tendinite

Cistifellea: congestione biliare. calcoli biliari. fanghi biliari

Pelle, capelli, unghie: acne. Dermatite. Eczema Psoriasi. Alopecia. Debolezza capillare Debolezza delle unghie. Acne rosacea.

Metabolismo: Eccesso di colesterolo e/o trigliceridi.

Sistema nervoso: ansia. Angoscia. Depressione. Insonnia. Disturbi del sistema nervoso. fibromialgia

Altri:

  • Allergie
  • crampi
  • Diabete.
  • Dolore cronico.
  • Malattie autoimmuni.
  • Fatica.
  • Lombaggine.
  • Nevralgia.
  • Parassiti intestinali.
  • Previene il cancro.

naturale

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *