Suggerimenti

Pesticidi: impatto su ambiente, salute e alternative sostenibili

La primavera sta iniziando e non ci porta solo fiori e canti di uccelli. Come ci ha detto Rachel Carson , è in questo periodo dell’anno che i nostri campi vengono irrorati con pesticidi e altri prodotti fitosanitari .

Pertanto, attraverso questo messaggio , vogliamo informarvi sui effetti di queste sostanze chimiche sul ambiente e la salute , così come i metodi alternativi che esistono.

Pesticidi, pesticidi, erbicidi e biocidi: cosa sono e in cosa si differenziano?

Seguendo le definizioni dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’ alimentazione e l’agricoltura (FAO) e del suo Glossario dei termini fitosanitari (1,2) e dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS):

* Un pesticida, o pesticida , è una sostanza o una miscela di sostanze destinate a prevenire l’azione o combattere direttamente un parassita, comprese specie indesiderate di piante o animali, o che può essere loro somministrato per combattere gli ectoparassiti (pulci, zecche, pidocchi, acari, tra gli altri); durante la produzione, lo stoccaggio, il trasporto e la distribuzione dei prodotti agricoli e dei loro derivati.

* Gli erbicidi sono prodotti fitosanitari specificamente utilizzati per eliminare specie di piante indesiderate, quelle che comunemente conosciamo come “erbacce”. Agiscono interferendo con la sua crescita.

* Infine, i biocidi sono sostanze chimiche di origine naturale o sintetica o microrganismi utilizzati per prevenire l’azione, contrastare o neutralizzare organismi considerati dannosi per la salute pubblica e l’agricoltura, ovvero i parassiti; Queste sono le erbacce citate (erbicidi), gli insetti (insetticidi), gli acari (acaricidi), i molluschi (molluscicidi), i roditori (rodenticidi), i funghi (fungicidi) e i batteri (battericidi e antibiotici).

Nota: I termini “pesticida” e “pesticida”, come si vede, si riferiscono alla stessa sostanza. La sua definizione include i biocidi, tra cui gli erbicidi .

Rapporto dei pesticidi con l’ambiente e la salute

I pesticidi o pesticidi sono responsabili di milioni di casi di avvelenamento ogni anno, alcuni dei quali portano ad intossicazioni acute che possono portare alla morte.

Una persona può essere esposta ad alti livelli di pesticidi sul posto di lavoro, per ingestione diretta della sostanza o attraverso il cibo, o per contatto con suolo, acqua o aria contaminati.

Il grosso problema dei pesticidi è che vengono immessi sul mercato e dopo diversi anni o decenni di utilizzo vengono ritirati (nel migliore dei casi) perché è stato dimostrato che provocano danni alla salute umana.

L’utilizzo dei pesticidi comporta una serie di problematiche per l’ambiente , quali:

  • Inquinamento del suolo e dell’acqua e inquinamento dell’aria da inquinanti organici persistenti (POP).
  • Impoverimento del suolo di coltivazione
  • Bioaccumulo, o accumulo negli organismi viventi.
  • Aspetto di super parassiti
  • Riduzione della biodiversità.

Quando si tratta di salute umana , i principali rischi dei pesticidi sono:

  • Difetti di nascita.
  • Aspetto del cancro.
  • Malattie del sistema nervoso e del sistema endocrino.
  • Diffusione e insorgenza della malattia di Parkinson (MdP) (3).
  • Altre malattie croniche.

La Spagna è il paese europeo che utilizza più pesticidi, superando le 40.000 tonnellate all’anno. E gli alimenti prodotti con questi pesticidi conservano tracce, infatti, un rapporto (5) preparato da Ecologists in Action ha trovato tracce di oltre 30 pesticidi interferenti endocrini negli alimenti analizzati. Questi pesticidi che alterano il sistema endocrino sono associati a cancro al seno, alla prostata e alla tiroide, malattie metaboliche (inclusi diabete e obesità) e malattie neurologiche.

L’ingrediente attivo nella maggior parte degli erbicidi è il glifosato . Gli erbicidi non vengono utilizzati solo nell’agricoltura convenzionale, gli erbicidi a base di glifosato vengono utilizzati anche nei parchi, nei giardini e sui bordi dei marciapiedi e delle strade.

.

Avvelenamento da pesticidi nell’infanzia

È necessario sottolineare i rischi che i pesticidi comportano per bambini, neonati e bambini , in particolare nei settori rurali più svantaggiati. L’ avvelenamento da pesticidi è un grave problema di salute che colpisce in modo sproporzionato i bambini , avverte un rapporto (4) redatto congiuntamente dalla FAO, dal Programma delle Nazioni Unite per l’ ambiente (UNEP) e dall’OMS.

Per ridurre i rischi di avvelenamento da pesticidi nelle donne e nei bambini, queste agenzie raccomandano:

  • eliminare le linee di contatto in casa;
  • tenerli fuori dalla portata dei bambini e conservarli in contenitori sicuri, etichettati e chiusi;
  • ridurne l’applicazione attraverso la difesa integrata (IPM);
  • formare gli operatori sanitari a riconoscere e trattare gli avvelenamenti da pesticidi;
  • formare le persone per il suo corretto utilizzo e manipolazione, evitando il contatto;
  • campagne di informazione sui media;
  • le informazioni devono coprire l’intero ciclo del prodotto, i rischi della sua manipolazione dalla produzione all’applicazione e allo smaltimento (secondo il Codice di condotta internazionale per la distribuzione e l’uso di pesticidi ).

Alternative all’uso dei pesticidi

La cosa più saggia da fare è evitare o, quantomeno, limitare l’esposizione ai pesticidi utilizzando i pesticidi chimici meno tossici o ricorrendo ad alternative non chimiche utilizzate nell’agricoltura biologica e nell’agroecologia :

  • Controlli fisici

Policoltura (invece di monocoltura), rotazione e associazione colturale, utilizzo di “colture trappola” che attirano il parassita in modo che non attacchi la coltura principale.

  • Controlli chimici

Utilizzo di pesticidi ed erbicidi a base biologica; derivato da sostanze vegetali naturali come il piretro e gli analoghi dell’ormone degli insetti giovanili.

  • Controlli biologici e genetici

Rilascio di pesticidi biologici (funghi, batteri, virus, ecc.), feromoni o alterazione del ciclo biologico dell’insetto attraverso la sterilizzazione dei maschi.

  • Comandi meccanici

Come l’acqua calda, può avere un effetto sugli afidi quasi altrettanto buono dei pesticidi.

Leggi In che modo l’agricoltura biologica o biologica aiuta a proteggere l’ambiente?

Nota: l’ IPM o il controllo integrato/comprensivo dei parassiti (CIP) è una strategia di agricoltura biologica che integra un’ampia varietà di metodi: fisici, chimici, biologici, genetici, meccanici, legali e culturali per il controllo dei parassiti.

L’agricoltura ecologica può nutrire il mondo?

L’uso continuo e intensivo di pesticidi o pesticidi ed erbicidi sta degradando i terreni coltivati ​​attraverso la contaminazione e la perdita di fertilità, il che significa che c’è sempre meno terra su cui coltivare cibo.

Se usiamo terreni malati per produrre cibo… Come sarà quel cibo? Che effetto avranno sulla nostra salute?

Aggiungiamo che l’uso dei pesticidi in agricoltura è qualcosa di recente, a partire dalla (ironicamente) chiamata Rivoluzione Verde del 1968, che ha portato problemi ecologici (dovuti alla contaminazione del suolo, dell’acqua e del cibo) e sanitari.

Abbiamo già dimostrato che l’agricoltura convenzionale non è la soluzione per una produzione alimentare sostenibile, mentre, d’altra parte, la produzione biologica ci nutre da 11.000 anni. Questo tipo di agricoltura invece di impoverire e inquinare i suoli, quello che fa è migliorarne la qualità e favorirne la fertilità, cosa fondamentale .

E sì, puoi produrre cibo per tutti gli abitanti del pianeta, il problema è che devi smettere di speculare sul cibo. Lo sapevi che più del 40% del cibo prodotto viene buttato? Sì, sì, prima di raggiungere supermercati e negozi quasi la metà del cibo prodotto viene buttato.

I pesticidi sono progettati per ridurre o combattere i parassiti di organismi che possono danneggiare l’agricoltura e la salute pubblica. Ma paradossalmente, il suo utilizzo rappresenta una seria minaccia, sia per la nostra salute che per l’ambiente.

Fortunatamente, l’ agricoltura biologica continua a crescere ogni anno , aumentando la superficie coltivata in tutto il mondo. Sempre più persone desiderano mangiare cibi sani, senza veleno, e cercano un ambiente abitabile e non contaminato.

Riferimenti citati

  • 1 https://www.fao.org/faoterm/es/?defaultCollId=15
  • 2 https://www.fao.org/fileadmin/user_upload/faoterm/PDF/ISPM_05_2016_Es_2017-04-24_PostCPM12_InkAm_LRG.pdf
  • 3 https://www.abc.es/sociedad/20121130/abci-espanol-pesticipas-parkinson-201211301652.html
  • 4 https://drustage.unep.org/chemicalsandwaste/sites/unep.org.chemicalsandwaste/files/publications/POPs%20Pesticides_ChildhoodPestPois_Sp.pdf
  • 5 https://www.ecologistasenaccion.org/article33747.html
  • Immagine: Ecologia Cancun

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *