Suggerimenti

Polvere di neochamaelea, un arbusto che può contrastare con altre specie

Polvere di Neochamaelea detta anche Legno Bianco, Legno Sacro, Legno Buono o Orijama . Appartiene alla famiglia delle Rutaceae e consiste di due specie di arbusti. È originario del bacino del Mediterraneo, più precisamente delle Isole Canarie.

Il nome generico neos significa “nuovo” e chamai significa “basso” e elaia si riferisce al vecchio nome dell’olivo, che allude all’aspetto della pianta.

L’epiteto latino significa “polveroso”, che corrisponde all’aspetto delle foglie e degli steli.

Caratteristiche della neochamaelea in polvere

Arbusto ramificato con fusto argenteo da giovane e marrone da adulto. Di solito raggiunge un’altezza di 1,5 m.

Le foglie sono perenni, coriacee, lineari-lanceolate, ricoperte di peli grigiastri.

I fiori sono gialli, con quattro petali. Fiorisce in inverno e all’inizio della primavera.

I frutti sono drupe, formate da 2 o 3 coke.

Cura della Neochamaelea in polvere

Viene utilizzato nelle aree asciutte del giardino per creare ciuffi intorno agli arbusti che possono contrastare con il loro fogliame, o come esemplare unico. È una specie eccellente per i giardini mediterranei.

Richiede l’esposizione al sole con temperature calde. Tuttavia, non è resistente al gelo.

Per quanto riguarda il suolo, può crescere su qualsiasi tipo di terreno, anche calcareo e povero, ma deve avere un buon drenaggio

L’irrigazione deve essere moderata, aspettando che sia completamente asciutta prima di innaffiare di nuovo. Considerando che si tratta di un arbusto tollerante alla siccità.

Non è richiesto alcun fertilizzante speciale. Può essere potato leggermente dopo la fioritura.

Poiché è una pianta molto resistente, di solito non soffre di parassiti e malattie comuni del giardino.

Può essere moltiplicato per i semi seminati in primavera, o per le talee legnose.

Utilizzi

  • Nell’antichità il legno sacro era considerato sacro e veniva utilizzato nella cerimonia di mummificazione eseguita dagli aborigeni delle Canarie.
  • Le sue proprietà sono analgesiche, antibatteriche, antibiotiche e fungine.
  • È tradizionalmente usato per asma, raffreddore e reumatismi. Si usa in bagni o impacchi per lenire il dolore.
  • È un cespuglio che ha un rapporto con le lucertole (lucertola gigante di La Gomera). L’animale si nutre dei frutti di questa specie disperdendo i semi. Tuttavia, questa lucertola è in pericolo di estinzione.

Immagini per gentile concessione di : Daniel Cahen, Daniel Cahen, Daniel C…

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *