Suggerimenti

Prendersi cura degli agrumi in vaso: 5 consigli pratici

Piantare un albero di arancio, mandarino o limone in un vaso e farlo crescere sano non è solo possibile, ma anche conveniente in luoghi in cui il terreno non è adatto, l’irrigazione è problematica o ci sono inverni freddi, ad esempio.

Sono così belle e aromatiche da costituire un’ottima alternativa alle piante ornamentali, con quel frutto in più che suppone, oltre al loro fitto fogliame, il loro profumo quando fioriscono… Sono tutte caratteristiche molto attraenti che si aggiungono alla facilità di coltivazione la sua coltivazione in vaso, e ci sono anche specie nane che si adattano più facilmente.

Vantaggi come la scelta del terreno, un maggiore controllo dell’irrigazione e la possibilità di proteggerli al meglio in inverno si aggiungono alla possibilità di trovare una collocazione dove stanno bene, sia all’interno, su un balcone, terrazzo, giardino o piccolo frutteto.

Una terra che drena

Garantire un buon drenaggio è essenziale per questi alberi, motivo per cui il terreno argilloso non è adatto a loro. Nel vaso (ad esempio di circa 45 centimetri di diametro per altrettanti di altezza), fortunatamente possiamo scegliere la proporzione opportuna di diversi tipi di terriccio.

Pur non essendo esigenti in termini di terreno, è conveniente che si drenino, evitando i terreni argillosi e cercando quelli più permeabili, leggermente acidi (pH 6 -6,5). Nella pentola, si dovrebbe aggiungere del terriccio mescolando due terzi di terra nera o compost, un terzo di pacciame e sabbia grossolana, nonché argilla espansa sul fondo in modo che drena.

Irrigazione e fertilizzante regolari

L’irrigazione in vaso, meglio se con acqua piovana raccolta anziché di rubinetto, non deve essere abbondante come nel terreno e la abbineremo con il fertilizzante solubile. Eviteremo di allagare il vaso quando annaffiamo e la frequenza può essere due volte a settimana in estate e una volta in inverno. Tieni presente che nei vasi le radici sono vicine alla superficie, quindi non dobbiamo lasciare asciugare il substrato.

Da parte sua, l’abbonamento può essere effettuato tre volte l’anno, dalla primavera all’autunno. Fondamentalmente, hanno bisogno di essere fertilizzate prima della fioritura, a giugno e settembre. Applicheremo un fertilizzante speciale e aggiungeremo materia organica al terreno in autunno per migliorare la qualità del terreno.

Trova riparo durante l’inverno

Infatti, coltivare questi alberi in vaso permette di trovare riparo durante l’inverno. Per fare questo, cambiano posto, idealmente in spazi interni dove non mancano di luce, portandoli al sole a metà giornata, se possibile.

In ogni caso è importante che non faccia troppo caldo, avere il riscaldamento spento ed esposto a sud e vicino alle finestre, ventilando di tanto in tanto nel caso non le rimuovessi. L’importante è evitare le temperature tipiche del gelo e cercare luoghi dove non siano sotto gli zero gradi. In particolare, gli alberi più giovani devono essere curati con cura.

Un’altra possibilità è quella di posizionare su di essi una specie di mantello che permetta alla pianta di traspirare, lasciando passare la luce. Si tratta, insomma, di ricoprire con un pregiato telo microforato che viene commercializzato appositamente per proteggere le piante dal gelo, sia sull’albero da frutto che utilizzando una struttura a telaio. Altrimenti, potremmo optare per spruzzare acqua con calce (calce spenta) sulle foglie per proteggerle dal freddo.

Più vulnerabile al sole e al vento

Gli agrumi coltivati ​​in vaso si seccano e si congelano più facilmente di quelli piantati in piena terra. Sfruttiamo quindi la loro mobilità e le loro dimensioni ridotte per poterli spostare o coprire quando le temperature si avvicineranno allo zero. La sua temperatura ottimale è compresa tra 17 e 28 gradi Celsius.

Allo stesso modo, sebbene siano sottospecie tropicali, è importante tenere presente che il sole e il vento li influenzano più facilmente quando si tratta di programmare la frequenza delle irrigazioni o, ad esempio, stagioni particolarmente ventose. Il vento, in particolare, favorirà la caduta dei frutti e la colorazione delle foglie.

Cosa fare con i parassiti

I parassiti degli agrumi includono mosche bianche, afidi, acari o cocciniglie. Se non vogliamo usare insetticidi, spruzzare le foglie con acqua con sapone di potassio e/o olio di neem. Infine, se facciamo le cose per bene e i nostri agrumi crescono correttamente, dopo due o tre anni potrebbe aver bisogno di un nuovo vaso.

Se desideri leggere altri articoli simili a Cura degli agrumi in vaso: 5 consigli pratici, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Suggerimenti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.