Suggerimenti

Sintomi di carenza di nutrienti nelle piante e come risolverlo

Uno degli aspetti fondamentali in qualsiasi tipo di produzione agricola, o nelle piante del nostro orto, è la nutrizione. Se è carente, non otterremo i risultati attesi, quindi dobbiamo assicurarci di effettuare una buona preparazione del terreno prima della semina , o con apporti periodici di nutrienti.

Sebbene non tutte le colture abbiano gli stessi requisiti, alcune di esse sono sempre necessarie per il corretto sviluppo delle piante, in misura maggiore o minore.

Ti consigliamo inoltre quali semi biologici utilizzare , le migliori fioriere, cassette e tavoli da coltivazione per il tuo giardino e libri indispensabili per imparare tutto sul giardinaggio biologico .

Tipi di nutrienti di cui le piante hanno bisogno

I nutrienti delle piante sono classificati in due grandi gruppi:

  • Organici : rappresentano tra il 90 e il 95% del peso secco delle piante e sono costituiti dagli elementi carbonio, ossigeno e idrogeno , ottenuti dalla CO 2 nell’atmosfera e dall’acqua del suolo.
  • Inorganico : il restante 5-10% costituisce la cosiddetta frazione minerale, che svolge un ruolo fondamentale nel metabolismo delle piante , e quando alcune di esse sono scarse, le piante manifestano sintomi che possiamo analizzare e determinare quale di esse è .

A loro volta, possiamo dividere gli elementi minerali in due grandi gruppi:

  • Micronutrienti: sono richiesti in concentrazioni molto basse. La maggior parte di questi micronutrienti sono costituenti enzimatici e sono quindi necessari solo in quantità molto ridotte. Questi micronutrienti essenziali sono: Ferro (Fe), Manganese (Mn), Zinco (Zn), Rame (Cu), Boro (B), Molibdeno (Mo), Cloro (Cl) e Nichel (Ni).
  • Macronutrienti: sono elementi costitutivi di biomolecole strutturali, come proteine, lipidi o carboidrati, oppure agiscono come osmoliti. Questi macronutrienti essenziali sono: Carbonio (C), Ossigeno (O), Idrogeno (H), Azoto (N), Fosforo (P), Zolfo (S), Potassio (K), Magnesio (Mg) e Calcio (Ca).

Influenza del pH sulla disponibilità dei nutrienti

Come si può vedere nell’immagine, molti nutrienti sono condizionati dal pH del substrato . La maggior parte di questi sono disponibili per le piante in un intervallo che va da 5 a 6,5, cioè un pH leggermente acido.

Se ci allontaniamo da questi areali, è probabile che la coltura presenti una carenza di qualche nutriente, poiché si troverà in una forma non assimilabile dalla pianta.

Mancanza di nutrienti nel terreno di coltivazione

Successivamente nomineremo alcune carenze nutrizionali e come possiamo identificarle:

1.- Azoto

Dopo l’acqua, l’azoto è il nutriente più importante per lo sviluppo delle piante , data la sua abbondanza nelle principali biomolecole della materia vivente.

  • Sintomi di carenza: fogliame verde pallido e poi giallo, questi sintomi si verificano prima su foglie grandi e basse che appassiscono prematuramente, si seccano e cadono. Se la carenza persiste, anche le nuove foglie ingialliranno e i loro piccioli diventeranno allungati ed estremamente stretti.

  • Cause di carenza: il substrato in cui si trova la pianta non presenta alcun ammendante organico che le fornisca questo elemento e non riceve alcuna irrigazione con fertilizzanti.

2.- Fosforo

Il fosforo svolge un ruolo chiave nella fotosintesi , nella respirazione e in tutto il metabolismo energetico. Inoltre, ha un importante ruolo strutturale in molte molecole e strutture cellulari.

  • Sintomi di carenza: avvizzimento, fogliame verde scuro e ha un colore bruno-rossastro sui contorni delle foglie, la radice ha meno sviluppo e una peluria di radici secondarie fibrose. Piccioli, steli e vene diventano rossastri.

  • Cause di carenza: fertilizzanti con poco fosforo, discrepanza di pH (sopra 7 e sotto 5,5) e temperature inferiori a 10°C possono rendere questo elemento non più assimilabile dalle piante.

3.- Potassio

Svolge un ruolo chiave nell’osmoregolazione che avviene nei processi di apertura e chiusura stomatica. Inoltre, K attiva più di 50 sistemi enzimatici.

  • Sintomi di carenza: compaiono prima nelle foglie periferiche e poi in quelle più giovani. La clorosi si verifica intorno alla lama, in seguito il bordo diventa necrotico, le foglie più recenti sono piccole.

  • Cause di carenza: carenza nel terreno, irrigazioni con fertilizzanti a basso contenuto di potassio oa basse dosi, soprattutto nel periodo della fioritura, che è il momento in cui la pianta ne ha più bisogno.

4.- Magnesio

Il magnesio non è quasi mai un fattore limitante per le piante, se non in terreni molto acidi o sabbiosi. È coinvolto nella fotosintesi e nel metabolismo energetico.

  • Sintomi di carenza: ingiallimento delle foglie tra le nervature, compaiono dapprima sul bordo della parte superiore della lamina e poi ricoprono l’intera foglia, il bordo delle foglie diventa nero, si screpola e si deforma, può essere confuso con sintomi del virus del giallo.

  • Cause della sua carenza: carenza del suolo, eccesso di umidità, suoli acidi, eccesso di potassio e calcio (sono antagonisti del magnesio).

5.- Calcio

Il calcio è necessario per l’integrità e la funzionalità delle membrane e delle pareti cellulari . È anche coinvolto nel funzionamento di alcuni ormoni e nelle risposte ambientali.

  • Sintomi di carenza: le foglie giovani sono deformate (a forma di cucchiaio) e ricurve verso il suolo. Quando la carenza è elevata, il limbus si riduce in superficie e inizia una necrosi distale, la radice presenta i vasi conduttori di colore bruno e un arresto di crescita. Colpisce la resa a causa di una diminuzione della crescita delle radici e meno zucchero.

  • Cause della sua carenza: pH basso, carenza nel substrato.

6.- Ferro

Il ferro fa parte dei gruppi catalitici di molti enzimi redox di tipo emoproteico. A sua volta, fa parte delle proteine ​​fondamentali nella fotosintesi e partecipa alla biosintesi della clorofilla .

  • Sintomi della sua carenza: clorosi internervale nelle foglie giovani, talvolta seguita da clorosi nelle nervature, che conferisce all’intera foglia un aspetto giallastro. In casi estremi, la foglia può diventare quasi bianca.

  • Cause di carenza: pH elevato. Carenza nel suolo.

7.- Zinco

Lo zinco ha un ruolo stabilizzante sulla molecola della clorofilla. È invece necessario per l’attività di numerosi sistemi enzimatici ed è un regolatore dell’espressione genica .

  • Sintomi di carenza: La carenza di Zn produce clorosi internervale, diminuzione della crescita fogliare e accorciamento della lunghezza degli internodi, specialmente nelle specie legnose.

  • Cause della sua carenza: terreni molto alcalini. Carenza nel suolo.

Altri articoli sull’agricoltura biologica

Prevenire e risolvere le carenze nutrizionali: concimazione organica del terreno

La concimazione è l’incorporazione nel terreno di residui organici di origine animale o vegetale (letame, foglie, fusti, sovescio, compost, humus, ecc.). Questi servono da cibo per la popolazione microbica che vive nel suolo, che ha il compito di trasformarli in sostanze solubili ricche di minerali che servono come fonte energetica e nutritiva per le piante.

Esistono molte forme di materia organica:

  1. Compost organico o “compost”.
  2. Humus di lombrico.
  3. Letame di pollame.
  4. Concimi verdi

1.- Compost

È il risultato della miscela di residui di origine vegetale e animale decomposti in condizioni controllate. È conosciuto anche con il nome di ” terriccio ” o ” pacciamatura “.

Il compost contribuisce a:

  • Migliora la struttura del suolo
  • Trattengono l’umidità
  • Aumenta la capacità di riserva di nutrienti
  • Favorire lo sviluppo della popolazione biologica (microrganismi) del suolo
  • Fornire nutrienti essenziali per le piante

Il modo di utilizzare il compost è in ragione di 30 kg di compost per ogni 10 m 2 di terreno, e va aggiunto quando si prepara il terreno o il substrato, prima della semina o del trapianto .

Maggiori informazioni sul compost .

Se osserviamo una delle carenze menzionate in precedenza, ciò che possiamo fare è compostare il tè e innaffiare le nostre piante con questa soluzione, che fornirà loro i nutrienti necessari, nonché i microrganismi benefici che daranno alla pianta una maggiore vitalità per essere in grado di far fronte con parassiti e malattie.

Il tè di compost è la frazione solubile del compost, e per realizzarlo dobbiamo mettere una frazione di compost all’interno di una maglia fine di stoffa o altro tessuto permeabile, e poi metterla in un contenitore con acqua per 24 ore. Una volta terminato questo processo, possiamo innaffiare le piante con il tè prodotto.

2.- Humus di vermi

Questo è il nome dato agli escrementi dei vermi conosciuti come ” California rossi “, che trasformano i rifiuti organici.

Come compost organico è ottimo:

  • Migliora l’attività biologica del suolo grazie alla grande flora microbica che contiene
  • Consente la produzione di enzimi importanti per l’evoluzione della sostanza organica del suolo
  • Favorisce l’assorbimento dei nutrienti
  • Migliora la struttura del suolo
  • Aumenta la ritenzione di umidità

Il modo di applicarlo è lo stesso del compost, possiamo anche fare il tè all’acqua.

3.- Letame di pollame

Se vuoi iniziare il giardino il prima possibile ma non disponi di compost organico o di lombrichi, non preoccuparti, il letame animale o il guano è una buona alternativa se ben preparato, poiché fornisce materia organica e sostanze nutritive.

Per utilizzarlo, è consigliabile compostarlo preventivamente , poiché il letame fresco può portare con sé agenti patogeni, possedere semi di erbe infestanti, salinizzare il terreno e persino bruciare le piantine se posto molto vicino ad esse.

Va applicato quando stiamo preparando il terreno, in ragione da 1 a 2 kg/m 2 , e se si tratta di terreni molto sabbiosi, possiamo applicare fino a 5 kg/m 2 .

4.- Fertilizzanti verdi

Chi dispone di superfici maggiori, può usufruire di un appezzamento per effettuare coltivazioni che servano ad arricchire il terreno .

Queste colture non vengono utilizzate per il consumo, ma vengono utilizzate esclusivamente per incorporarle nel terreno come fertilizzante, motivo per cui vengono chiamate fertilizzanti “verdi”.

Le piante che usiamo come sovescio devono essere sminuzzate e interrate superficialmente, un po’ di tempo prima che fioriscano.

Una volta incorporati nel terreno, aumenteranno rapidamente il loro contenuto di materia organica. Questo tipo di compost è molto utile per i terreni cattivi o impoveriti , diventano più facili da lavorare.

In ESTATE possiamo seminare: legumi (soia, fave o fave) ed erbe (mais, sorgo).

In INVERNO: legumi (fave, piselli o piselli, veccia, trifogli) e cereali (frumento, avena, segale, orzo).

Per saperne di più sui concimi verdi .

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *