Suggerimenti

Soins de la plante Nemorosa o Salvia de bosque

Il genere Salvia appartiene alla famiglia delle Lamiaceae ed è composto da circa 1 000 specie di arbusti e piante erbacee provenienti dal Mediterraneo, dall’Asia e dal Sud e Centro America. Alcune specie sono : Salvia nemorosa, Salvia aurea, Salvia canariensis, Salvia farinacea, Salvia microphylla, Salvia argentea, Salvia leucantha, Salvia namaensis, Salvia lanceolata, Salvia apiana, Salvia greggii, Salvia microphylla, Salvia splendens, Salvia disermas, Salvia sclarea, Salvia scabra, Salvia mexicana, Salvia guaranitica, Salvia officinalis, Salvia africana.

È conosciuta anche con il nome scientifico Salvia x sylvestris e con il nome comune Salvia de bosque. È originario del bacino del Mediterraneo e dell’Europa orientale. Ci sono più di 6 varietà o cultivar.

Sono piante erbacee aromatiche con steli eretti che possono misurare 50-60 cm di altezza. Le foglie sono oblunghe e di colore verde brillante sul lato superiore e grigie sul lato inferiore. I fiori appaiono in dense infiorescenze e possono essere blu, viola, rosa o bianchi, a seconda della varietà. Fioriscono dalla seconda metà della primavera fino alla fine dell’estate.

Sono utilizzati nei frutteti, nei giardini rustici, per bordure e in vasi e fioriere per patii, balconi e terrazze. Ha proprietà medicinali come curative, antinfiammatorie e antisettiche, tra le altre, ma viene coltivata più come pianta ornamentale che come pianta aromatica.

Anche se preferisce l’esposizione in pieno sole , prospera anche all’ombra. Resistono bene al gelo e al caldo intenso dell’estate mediterranea.

Il terreno deve drenare molto bene e contenere abbondante materia organica per renderlo fertile. Si raccomanda di effettuare il rinvaso all’inizio della primavera.

Hanno una buona resistenza alla siccità quindi annaffiano moderatamente fino a quando il terreno è asciutto.

All’inizio della primavera è consigliabile preparare un concime leggero a partire da materiali organici come il compost o il letame.

Dovrebbero essere potate dopo la fioritura per rimuovere fiori e foglie appassite.

Sono piante resistenti ai soliti parassiti e malattie, ma possono cadere vittime dei funghi se immersi.

Essi sono moltiplicati per le talee prelevate dalle estremità dei rami in primavera o in estate.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *