Suggerimenti

Sovescio per l’orto biologico: cos’è e come si fa

Oggi parleremo di uno dei fertilizzanti ecologici più utilizzati negli orti biologici : il sovescio . Cos’è il sovescio e a cosa serve? Quali sono i tipi di sovescio che si possono utilizzare in giardino? Vediamolo!

Concimare o concimare il terreno è essenziale affinché le piante che coltiviamo abbiano nutrienti abbondanti e di qualità. In agricoltura biologica base di concimazione  sono fertilizzanti organici come il letame , il compost e vermicompost o concimi verdi .

Cos’è il sovescio e a cosa serve?

I sovesci o colture di copertura sono piante di diverso tipo che vengono coltivate per essere recise e incorporate (a verde) sullo stesso pavimento dove sono cresciute .

L’obiettivo principale dei sovesci è quello di aumentare il contenuto di sostanza organica e nutrienti nel suolo, ma il loro utilizzo mira anche a migliorarne la struttura , aumentare l’attività microbica benefica e proteggere la superficie del suolo durante i periodi in cui non è coltivato.

Oltre ad un terreno più fertile e “vivo”, se deciderete di concimare con i sovesci , sono molti i benefici che ne otterrete.

Vantaggi dell’utilizzo di concimi verdi

  • Controllo delle infestanti
  • Evitano il dilavamento dei nutrienti poiché la presenza delle radici fa si che non si perdano verso il basso
  • Nel caso dei concimi a leguminose arricchiscono il terreno di azoto
  • La struttura del suolo è migliorata grazie alla penetrazione delle sue radici
  • Migliora la circolazione dell’aria e dell’acqua
  • Favoriscono la nutrizione delle piante che verranno coltivate successivamente nello stesso terreno
  • Molti concimi hanno fiori che attirano gli insetti impollinatori 
  • Mantengono la temperatura e l’umidità del supporto.

Come fare il compost verde passo dopo passo

  1. Riparare il terreno rimuovendo pietre ed erbacce
  2. Seminare il sovescio: distribuire i semi sul terreno il più uniformemente possibile. (Se sono molto grandi, fare dei piccoli solchi e piantarli a file).
  3. Una volta che i semi sono germinati, lasciali crescere fino a poco prima della fioritura (se fioriscono e i semi si sviluppano, possono diventare erbacce).
  4. Falciare e, se possibile e conveniente, tritare.
  5. Interrare ad una profondità di circa 10-20 cm con aratro o a mano con vanga e zappa. Puoi fare una prima incorporazione superficiale (5-10 cm) e una settimana dopo un’incorporazione più profonda.
  6. Tre o quattro settimane dopo, le colture da giardino possono essere seminate o trapiantate.

Tipi di sovescio per il giardino

Sono molte le piante erbacee che possono essere utilizzate come sovescio, di seguito descriviamo le più utilizzate:

1. Legumi usati come sovescio

Nelle radici dei legumi si formano dei noduli  dove i batteri nitrificanti del suolo (principalmente del genere Rhizobium ) assorbono l’azoto dall’aria e sono in grado di trasformarlo e incorporarlo nel substrato ( fissazione biologica dell’azoto ).

La coltivazione dei legumi come sovescio è molto interessante, non trovate? Non solo incorporano nel terreno materia organica che può essere successivamente trasformata in nutrienti, ma forniscono anche direttamente l’Azoto già assimilato dalle piante , uno dei nutrienti più importanti per il loro sviluppo.

I principali legumi per il sovescio sono:

  • Trifoglio ( Trifolium pratense, T. hybridum, T. incarnatum …)
  • Piselli verdi
  • Fave, fagioli…
  • Erba medica ( Medicago sativa e Medicago luppolina )
  • Veccia ( Vicia spp)
  • Lupino selvatico (Lupinus angustifolius)
  • Fieno greco o albolga (Trigonella foenumgraecum)

Rispetto ad altri tipi di piante, i legumi hanno il vantaggio di apportare un apporto extra di Azoto, ma sono “peggiori” in termini di quantità di sostanza organica che contribuiscono al suolo (contribuiscono meno) e alla loro crescita (crescono lentamente in autunno e alcuni resistono male all’inverno) per questo sarebbe interessante combinare più sovesci per compensare i vantaggi e gli svantaggi di ciascuno di essi.

2. Crocifere

Sono piante rustiche che possono essere coltivate con poco sforzo e in condizioni difficili (hanno pochi requisiti). Sono in grado di crescere velocemente anche in terreni poveri e di mobilitare facilmente i nutrienti del suolo, fornendo più materia organica rispetto ai legumi, anche se stanno bene insieme a loro.

Le più importanti crocifere utilizzate come sovesci sono:

  • Mostarda
  • Rapa da foraggio
  • Stupro
  • Cavolo
  • Ravanello

3. Erbe o cereali

Le erbe producono più sostanza verde da interrare rispetto ai legumi (più sostanza organica per il suolo) e, una volta interrate, i rifiuti si decompongono più lentamente.

Inoltre, le radici di queste piante migliorano il substrato perché scavano e ammorbidiscono il terreno. La semina di erbe e leguminose insieme come sovescio è molto vantaggiosa perché arricchiscono il terreno e formano un humus più stabile.

Erbe o cereali utilizzati come sovescio:

  • Segale
  • Fiocchi d’avena
  • Grano saraceno (Fagopyrum esculentum)
  • Ray-grass

Quale sovescio scegliere

Innanzitutto bisogna tenere presente che non tutte le colture sono uguali: la velocità di crescita non è la stessa, alcune sono più resistenti di altre al freddo dell’inverno… Dipende da quando si semina il sovescio, bisogna scegli alcune specie o altre. . E ricorda che è interessante anche abbinare i legumi ad altri tipi di sovescio!

  • Colture per sovescio invernale: resistono al gelo e sono molto adatte per lunghi periodi in cui il terreno doveva rimanere nudo senza coltivare, perché lo proteggono dall’erosione e impediscono la proliferazione delle erbe infestanti. Alcuni di essi sono: erba medica, trifoglio dei prati ( Trifolium pratense ) e trifoglio ibrido ( T. hybridum ), veccia, segale, avena e rapa da foraggio.
  • Colture per sovescio estivo: è necessario che abbiano una crescita rapida perché devono essere incorporate nel terreno il prima possibile, poiché la semina delle colture estive verrà effettuata subito dopo. La maggior parte di loro è in grado di resistere solo a inverni miti, nella migliore delle ipotesi. Alcuni sono: lupino selvatico, trifoglio rosso (T. incarnatum ), grano saraceno o albolga.

Un’altra opzione è quella di coltivare concime verde inframmezzato con le nostre colture e incorporarlo nel terreno quando arriva il momento del raccolto. In questo caso bisogna fare attenzione affinché non entri in competizione con la coltura: seminare quando qualcosa è già cresciuto e utilizzare piante non troppo invasive come il trifoglio).

Nel post 3 Tipi di sovescio per l’orto e gli alberi da frutto abbiamo visto più esempi su come concimare con il sovescio .

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *