Orti di cura generale

10 verdure insolite

Ci sono un sacco di verdure strane, meravigliose e pazze là fuori, quindi se non siete troppo appassionati della selezione standard, perché non provare invece alcune di queste nuove idee?

Ecco alcuni ortaggi insoliti coltivati oggi in tutto il mondo, con molte altre sorprendenti varianti ancora da provare. Questo può essere particolarmente utile per i bambini che sono schizzinosi quando si tratta di mangiare sano, in quanto alcune di queste creazioni fanno apparire la verdura come un frutto gustoso o anche qualcosa di più dolce.


Oca

Conosciuta anche come Oxalis Tuberosa o Yam della Nuova Zelanda, è un’alternativa popolare alla patata.

È originaria delle Ande centrali e meridionali ed è diventata popolare grazie alla sua facilità di coltivazione, con grande tolleranza ai terreni poveri, all’altitudine e ai climi rigidi. Esistono molte varianti dell’oca coltivata in tutto il mondo, con una gamma di colori e sapori creati dall’intervento umano durante la coltivazione.

Questi versatili tuberi possono essere mangiati crudi senza essere sbucciati o cotti come le patate: lessati, arrostiti, grigliati o fritti. Aggiungerlo a insalate, zuppe o stufati, o fare un gustoso purè d’oca!


Romanesco

È probabilmente uno degli ortaggi più interessanti, con i suoi complessi disegni a spirale composti da molte gemme di diverse dimensioni. È originario dell’Italia e può essere chiamato anche broccolo romanesco o cavolfiore romano, in quanto fa parte della stessa famiglia di fiori commestibili come il broccolo, il cavolfiore, i cavoletti di Bruxelles e il cavolo cappuccio.

Può essere preparato per ricette come il broccolo e il cavolfiore, ma darà un sapore più caratteristico, terroso, di nocciola e leggermente più dolce.


Cavolo rapa

Questo ortaggio è un’altra nuova variante della famiglia dei cavoli, il nome ravanello si traduce in cavolo rapa.

Il sapore che dà può essere descritto come un misto tra una rapa e una castagna d’acqua, dal sapore dolce e dolce e dalla consistenza croccante. E ‘nativo del Nord Europa ed è più spesso consumato in India in quanto è un ingrediente importante nella dieta del Kashmir. Le radici possono essere trasformate in patatine, le foglie vengono utilizzate in un’insalata o il gambo viene mangiato crudo come snack ipocalorico.


Sedano

A volte indicato come sedano a gambo, sedano a radice di rapa o sedano mela, questo ortaggio a radice è una varietà di sedano che viene coltivato per le sue grandi radici sferiche commestibili, foglie e steli.

È originario del bacino del Mediterraneo e si è evoluto dal sedano selvatico che ha una piccola radice commestibile. Anche se ha una forma strana, è piena di un sapore delicato, una sottile miscela di sedano, prezzemolo e noci. Può essere mangiato crudo o cotto, può essere arrostito, stufato, scottato, scottato o passato, oppure può essere aggiunto a zuppe, stufati e altri piatti salati. Le foglie sono usate anche come guarnizione.


Sunchoke

Sono spesso chiamati “carciofi di Gerusalemme”, anche se non hanno alcuna associazione con Gerusalemme o alcun rapporto con i carciofi. Si pensa che il nome derivi dalla parola italiana che significa girasole; Girasole, perché la pianta assomiglia a un girasole da giardino e appartiene allo stesso gruppo di piante.

Sono nativi del Nord America e sono coltivati in molti stati americani per i loro tuberi. Sono usati principalmente come alternativa alle patate, ma possono anche essere fermentati per l’uso nelle bevande alcoliche.


Manioca

Yucca e manioca sono i due nomi più comuni dati a questa radice di pianta. Ha avuto origine in Sud America, ma ora è ampiamente coltivata in Africa e in Asia a causa della sua resistenza alla siccità.

Ci sono due varietà principali, una dolce e una amara, ed entrambe richiedono tecniche di cottura leggermente diverse. Ciò è dovuto in gran parte alle diverse concentrazioni di cianuro nel vegetale. Si tratta di un’importante fonte di cibo per il mondo in via di sviluppo, che fornisce una dieta di base per più di 500 milioni di persone ed è la terza fonte di carboidrati alimentari ai tropici. Una volta essiccata e macinata, è conosciuta come tapioca. Le versioni zuccherate possono essere cotte al vapore, bollite, fritte o schiacciate e aggiunte ad altri piatti.


Fagioli da giardino

Anche se il nome indica che questi fagiolini possono crescere fino a un metro di lunghezza, raramente superano i 75 cm di lunghezza. Possono anche essere chiamati fagioli asparagi, fagioli lunghi cinesi o fagioli serpente e i baccelli crescono in coppia.

Questo vitigno rampicante annuale è particolarmente adatto ai climi più tropicali, motivo per cui è ampiamente coltivato nel Sud-Est asiatico, nella Cina meridionale, in Africa e in Sud America. Possono essere utilizzati allo stesso modo dei fagiolini e possono essere consumati freschi, oppure cucinati in vari piatti.


Nopales

Queste sono le foglie a forma di paletta della pianta di cactus chiamata Opuntia, originaria del Messico ma coltivata anche in molte parti d’America e del Mediterraneo.

Devono essere preparati correttamente prima di mangiare, pulendo e togliendo le ossa e poi affettandoli secondo il piatto a cui vengono aggiunti. I nopales sono un ingrediente popolare in molti piatti messicani e possono essere mangiati crudi o cotti. Di solito vengono grigliati o bolliti e possono essere aggiunti alle insalate e agli stufati, o usati come guarnizione. L’altra parte commestibile nota di questo particolare cactus è il frutto noto come fico d’india.


Cavolini di Bruxelles

I cavoletti di Bruxelles sono come il vaso del mondo vegetale, sono amati o disprezzati. Ma tutto ciò potrebbe essere in procinto di cambiare grazie a un intelligente agricoltore britannico che ha creato un’opzione alternativa.

I cavolini di Bruxelles sono di colore rosso-violaceo e hanno un sapore più delicato e intenso rispetto al cavolo comune. Stanno diventando sempre più popolari in tutto il mondo, quindi sono sempre più disponibili, e possono essere un’ottima aggiunta a qualsiasi pasto natalizio.


Jicama

A volte chiamato igname o patata messicana, è un tubero rotondo e bulboso. È un membro della famiglia delle leguminose che cresce nei vigneti. Sebbene sia originaria del Messico, viene coltivata in climi più caldi come l’America centrale, i Caraibi, le Ande e l’Asia meridionale.

La sua consistenza ricorda quella di una rapa, ma il suo sapore è più vicino a quello di una mela. Sia che si mangi crudo o cotto, la pelle spessa e foderata deve essere prima rimossa. La cosa migliore della Jicama è che è così versatile e ha così tanti usi in cucina.

Quando è crudo, può essere mangiato come bastoncino di mela o di carota o aggiunto a un’insalata. Si può anche fare una salsa, fare delle patatine fritte, o aggiungerla alle zuppe o alle patatine fritte.

Queste sono solo alcune delle tante creazioni che gli agricoltori stanno sviluppando e distribuendo, e ce ne sono molte altre già esistenti. Quindi fate meraviglie al mercato contadino locale e sperimentate alcune delle nuove varietà di ortaggi sani!

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *