Orti di cura generale

Funghi velenosi e commestibili

Ci sono oltre 500.000 tipi di funghi selvatici nel Regno Unito. Di solito solo una piccola parte di essi si trova nel vostro negozio settimanale o nel menu del vostro ristorante preferito.

Trovare i propri funghi può essere un’eccitante alternativa al cibo vero e può aggiungere un tocco personale a un pasto cucinato in casa. L’autunno è un ottimo periodo per cercare le specie migliori (e peggiori).

La più grande varietà di funghi si può scoprire tra settembre e novembre, grazie al clima umido e umido. Uscite dopo qualche giorno di pioggia e dovreste essere fortunati, perché è probabile che compaiano nuove specie in gran numero. Le foreste locali e i vicini sentieri naturali sono luoghi ideali da visitare, e dopo un periodo di esplorazione vi abituerete alle aree ricche di specie.

Una volta che si conoscono i punti caldi, si può iniziare a decidere quali funghi vale la pena portare a casa. Assicuratevi di leggere tutto prima di impegnarvi a cucinare un fungo Stroganoff per una festa. Come sempre, la regola d’oro rimane: se non siete sicuri di una specie, non correte rischi… siate intelligenti sulle nuove scoperte.

Il sistema di identificazione generale è un processo di eliminazione. Lavorare per deduzione è una guida sicura, anche se è sempre una buona idea fare riferimento alle guide ufficiali per esserne assolutamente certi.


Passi per identificare un fungo

Un esame dettagliato delle diverse parti di un fungo è un ottimo punto di partenza nel viaggio di identificazione. Quando incontrate una nuova specie, cercate le seguenti caratteristiche per iniziare a classificare con successo le vostre scoperte. Ricordate: una forma o un colore particolare non indicherà chiaramente se un fungo è commestibile o velenoso – queste sono linee guida che dovrebbero essere considerate insieme e con fonti secondarie.

1. Il coperchio (forma e dimensione)

Il cappello di un fungo può avere molte forme e dimensioni diverse, tutte in grado di dare un’indicazione della famiglia alla quale un fungo può appartenere. Ecco un’illustrazione dei tipi di cappelli che potete aspettarvi di trovare per aiutarvi a dare un nome ai vostri ritrovamenti.

Oltre alla forma, il colore, la consistenza e altre caratteristiche simili sono importanti indizi per l’identificazione.

Iniziate a notare il colore o i colori del fungo. Poi notare se il colore originale cambia quando il fungo è ammaccato. Anche il taglio del cappello può essere un test interessante per vedere se l’interno del fungo cambia colore quando viene esposto all’aria. In secondo luogo, qualsiasi segno particolarmente insolito e la “sensazione” generale del fungo può essere un utile indicatore della famiglia dei funghi. Il margine (il bordo del tappo) è un altro indicatore – il fungo ha i bordi arrotolati o torniti? Scrivilo.

2. Spore

In primo luogo, è importante determinare se le spore sono prodotte dalle branchie, dai pori o dal becco, che si trovano sul fondo del cappello fungino. A volte le branchie si attaccano al gambo e a volte no – questo è un dettaglio importante da considerare. Colore, spaziatura, spessore e consistenza sono altre caratteristiche importanti da considerare.

3. Il gambo

Anche in questo caso occorre tener conto della forma e delle dimensioni: è sensibilmente corta? spessa? sottile? Per quanto riguarda il colore, controllate se corrisponde alle vostre note sul tappo. Poi, cerca un anello. Come descriverebbe l’anello? E la coerenza cambia al di sotto o al di sopra? Come per il tappo, cercare segni sul gambo, magari delle lentiggini? Esaminare il fondo dello stelo e verificare se è collegato o meno a terra – e se lo stelo sembra avere o meno un’estensione sotto terra. Infine, il taglio del gambo e il controllo se l’interno è cavo o solido può essere un buon indicatore.


Famiglie di funghi

Come ricercatore di funghi alle prime armi, è utile anche conoscere un po’ le diverse famiglie di funghi esistenti. Questo è un altro ottimo punto di partenza per scoprire se un fungo è velenoso o commestibile.

Agarics

Ci sono membri velenosi e commestibili della famiglia degli agaristi, tutti con il cappello bianco, le branchie che vanno dal rosa al nero marrone, e di solito un robusto stelo con la gonna. Una volta che un fungo è stato identificato come membro della famiglia degli agaricidi, si può dedurre se è tossico o meno per l’odore. Gli agarici commestibili hanno un gradevole odore di fungo, a volte con una punta di mandorla o di anice. Gli agarici tossici avranno un odore sgradevole che è stato paragonato a quello dello iodio o dell’inchiostro di china.

Otturatore

È una famiglia più dura per i funghi tossici. Il modo più semplice per identificare questa famiglia di funghi è che hanno pori spugnosi al posto delle branchie (è il caso delle famiglie Suillus, Leccinum e Bolete). Le semplici regole da seguire per evitare i funghi velenosi di questa famiglia sono che questi pori spugnosi siano gialli, crema o bianchi e che non ci sia rosso sul gambo o sul cappello. Una volta stabilito questo, il fungo dovrebbe essere tagliato via, e se non diventa blu, è buono da mangiare! Ci sono eccezioni a queste regole che vi faranno perdere alcuni gustosi funghi commestibili, ma queste regole sono linee guida “meglio prevenire che curare”.

Tappi di latte (famiglia dei lattari)

Fino a quando non si acquisisce maggiore esperienza nell’istituzione di singoli membri di questa famiglia di funghi, è meglio stare lontani dal gruppo, in quanto la maggior parte delle capsule di latte sono tossiche. Il modo per riconoscere un tappo di latte è nel titolo – hanno una sostanza lattiginosa che filtra attraverso le branchie.

Cassette

La famiglia Rush (o branchie perché hanno steli e branchie fragili) è una delle famiglie più versatili, in quanto contiene un’ampia miscela di funghi velenosi e commestibili, alcuni dei quali sono molto buoni e altri per niente. Data la natura versatile della famiglia Russula, vi raccomandiamo di evitare questo gruppo a meno che non siate un ricercatore esperto in grado di identificare i singoli membri di questa famiglia.

Amanitas

I funghi più velenosi e velenosi del Regno Unito appartengono alla famiglia Amanita (probabilmente è per questo che sembrano “mangiatori di uomini”!) Tutti i funghi di questa famiglia hanno spore e branchie bianche e crescono da una cosa chiamata “volva”, che è un oggetto a forma di sacco bulboso. Vi raccomandiamo di stare lontani da questa famiglia a meno che non siate molto sicuri della vostra capacità di identificare i funghi, poiché alcuni membri di questo gruppo possono causare la morte.


L’identificazione dei funghi è essenzialmente un indovinello

Se ricordate il gioco da tavolo “Indovina chi”, è più o meno la stessa logica: un processo di eliminazione e di ricerca di caratteristiche comuni. Tuttavia, non è un gioco che si vuole perdere! Siate intelligenti e non consumate mai un fungo se non siete sicuri al 100% di averlo identificato correttamente da diverse fonti.

Mentre iniziate a scoprire e riconoscere nuove specie, prendete appunti e foto e costruite una collezione delle vostre scoperte. Buona caccia!

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *