Orti di cura generale

Irrigazione di camelie, mirtilli e altre piante acidofile

Quando si tratta di innaffiare rododendri, azalee, camelie e altre piante ericacee che odiano i tigli, hanno bisogno di un po’ più di cura e attenzione. Questo è particolarmente vero in estate.

Lei intende ovviamente dire che le piante hanno bisogno di essere annaffiate, soprattutto in estate. Ma le piante ericacee sono un po’ più difficili della maggior parte. Molte piante ericacee hanno radici molto basse. Certamente rododendro, camelia, azalea e pieris non producono radici profonde e ben sviluppate. Ciò significa che sono vicini alla superficie del suolo e quindi molto soggetti a secchezza, siccità e temperature elevate in estate.

Ciò significa che devono essere prese precauzioni per evitare che il terreno si secchi e le piante devono essere annaffiate regolarmente (di solito un’annaffiatura completa una volta alla settimana) ogni volta che è probabile che si verifichino lunghi periodi di siccità. Per le piante che crescono in contenitori sarà necessaria un’annaffiatura più regolare – probabilmente quotidiana nei periodi caldi – poiché il fertilizzante si asciuga più rapidamente, soprattutto in terracotta e in altri contenitori porosi.

La pacciamatura intorno alle piante con fertilizzante ericaceo senza calce o corteccia aiuta a conservare l’umidità del terreno, isola le radici dal calore e dal sole e allo stesso tempo impedisce alle erbacce di crescere.

Anche se permettere al terreno di asciugarsi in qualsiasi momento dell’anno può causare problemi a queste piante, questo è particolarmente vero in estate. Questo è il momento in cui rododendri, azalee e camelie mettono i loro boccioli per l’esposizione floreale dell’anno prossimo.

È stato dimostrato, ad esempio, con le camelie, che il fatto di lasciarle essiccare per sole 24 ore in qualsiasi momento tra giugno e metà agosto influisce sulla produzione di bozzoli. Poi, quando arriva la primavera, i bozzoli non si aprono, non cadono o si aprono parzialmente e poi cadono. Pertanto, è necessario mantenere il terreno umido e nutrire una pianta ericacea per tutto questo periodo.


Quale acqua?

Se l’acqua del rubinetto è “dura” o dura, ad esempio se il bollitore è riempito di calce o produce depositi di calcare, l’irrigazione con quest’acqua renderà il terreno o il fertilizzante più alcalino e causerà problemi alle piante. Per porre rimedio a questa situazione, utilizzare un alimento liquido a vita breve contemporaneamente all’innaffiatura o utilizzare acqua immagazzinata in un pozzo d’acqua. Oppure si può provare ad acidificare il fertilizzante. Il modo migliore per farlo è quello di applicare le gocce di zolfo due volte all’anno, una volta in primavera e una volta in autunno.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *