Quash

Controllo della muffa della zucca: Trattamento della muffa della polvere nelle piante di zucca

Quest’estate le condizioni meteorologiche sono state perfette per contribuire a una grave infezione da oidio nelle zucchine, soprattutto nella nostra zucca e negli spaghetti. Le foglie di zucchina ammuffite sono scomparse, esponendo il frutto al sole nella sua fase di formazione. Non è raro che le foglie di zucca abbiano l’oidio, ma poiché questo influisce sulla resa, come si può trattare l’oidio nella zucca? Continua a leggere per saperne di più.

Zucca con polvere di muffa

L’oidio si diffonde rapidamente e può viaggiare a grande distanza. Oltre alle piante da squash, può interessare una vasta gamma di ortaggi, tra cui

  • Carciofi
  • Cetrioli
  • Melanzana
  • Lattuga
  • Meloni
  • Pastinaca
  • Piselli
  • Ravanello
  • Pomodori
  • Rape

Tuttavia, c’è una specie diversa di oidio che attacca ogni verdura. Nel caso delle cucurbitacee, esistono tre diverse specie di funghi dell’oidio: Podosphaera xanthii , Golovinomyces cucurbitacearum , e Golovinomyces orontii .

Contrariamente a quanto si crede, l’oidio della zucca non è comune durante le stagioni di crescita umida. Infatti, le condizioni di bagnato non sono affatto necessarie per incoraggiare questo fungo e gli piace il caldo. Da qui la “tempesta perfetta” di cui si è parlato prima, qui nel nord-ovest del Pacifico; abbiamo avuto un’estate eccezionalmente calda e secca.

Come si identifica l’oidio della zucca? Questa malattia è abbastanza evidente in superficie. Appare per la prima volta sulle foglie più vecchie come macchie bruno-rossastre. Inizialmente, la malattia può essere identificata solo al microscopio, ma diventerà rapidamente evidente poiché si diffonde rapidamente per creare foglie, piccioli e steli ricoperti di bianco. Questo micelio polveroso dà l’impressione che le foglie siano state immerse nel talco. Le foglie perdono la loro normale tinta verde scuro, diventano giallo pallido, poi marroni, e infine sbiadiscono, lasciando la zucca esposta alle scottature.

Le conidie (spore) crescono rapidamente nel micelio polveroso e qualsiasi movimento del vento o dell’aria le trasporta alle piante e alle foglie adiacenti, così come alle piante ancora più lontane. Infatti, dall’infezione iniziale all’insorgenza dei sintomi, ci vogliono solo dai tre ai sette giorni. L’oidio si sviluppa in piantagioni dense e ombrose con bassa esposizione alla luce e alta umidità relativa. L’infezione può avvenire a 50-90 gradi Celsius. (10-32 C.), ma favorisce temperature più calde fino a 80 F. (26 C.), ma non più di 100 F. (26 C.). (37 C.). Inoltre, l’oidio delle cucurbitacee si diffonde perché la malattia sverna e si diffonde alle generazioni successive di zucche.

Controllo della polvere di muffa

Oltre alla perfetta tempesta di condizioni meteorologiche, aiutiamo e causiamo certamente la malattia. Come detto sopra, la malattia passa l’inverno. La pratica della rotazione delle colture sarà di grande aiuto per prevenire la diffusione dell’oidio. Non piantare cucurbitacee nella stessa zona per almeno due anni. Noi non ruotiamo le colture; io do la colpa all’altra metà.

Altre tecniche di gestione per il trattamento dell’oidio nella zucca includono la distruzione di qualsiasi detrito vegetale malato, la semina nello spazio come un appezzamento densamente piantato è più probabile che sia infetto, e la semina di varietà resistenti dove possibile. Anche mantenere il giardino libero da erbacce. Il controllo dell’oidio può anche essere combinato con l’applicazione tempestiva di un fungicida.

Quando si usano i fungicidi, è troppo tardi per renderli utili una volta che i sintomi diventano più evidenti. I fungicidi funzionano impedendo l’infezione del fogliame sano, quindi l’infezione deve essere trovata in tempo. Sono disponibili diverse opzioni organiche, oltre ai tradizionali spray anticrittogamici.

  • Lo zolfo e l’olio “Stylet” sono prodotti efficaci per combattere l’oidio.
  • Anche i fungicidi fissi per rame hanno avuto successo nella gestione dell’oidio.
  • L’olio di Neem è anche un mezzo efficace per combattere l’oidio.

Qualunque sia la vostra scelta, ricordate che la chiave è l’applicazione precoce, prima che la malattia si manifesti facilmente nel fogliame.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *

Mira también
Cerrar