Suggerimenti

【Coltivare il basilico】 Come piantare il basilico in vaso

Oggi vedremo passo dopo passo come coltivare il basilico in casa . Piantare il basilico in vaso è facile per chiunque si prefigga di farlo, in quanto è una coltura facile , perfetta per i giardinieri principianti o per coltivare un giardino di casa con i bambini .

In questo post vedremo innanzitutto quali sono le caratteristiche e le esigenze della pianta di basilico e i benefici della coltivazione del basilico in giardino o in vaso, insieme ad altre piante. Poi parleremo di come piantare il basilico nelle piantine , del trapianto e di come prendersi cura del basilico .

Caratteristiche del basilico Di quanto sole e di quale terreno hai bisogno?

Il basilico ( Ocimum basilicum ) è una pianta erbacea annuale, il che significa che fiorisce una volta all’anno e poi muore.

Questa pianta aromatica è facile da coltivare, anche in piccoli vasi o fioriere . In generale, le cure del basilico non sono troppe, anche se bisognerà tenere presente che non sopporta le basse temperature  (si sviluppa bene tra i 18 e i 35ºC) e ama il terreno sempre umido (anche se non allagato).

Necessita di almeno 3 o 4 ore al giorno di sole , anche se tollera anche la mezz’ombra, e si può coltivare anche il basilico in vaso in casa , purché posto in una zona ben illuminata e non troppo vicino alle finestre (in modo da non scottarsi a causa dell’effetto lente d’ingrandimento).

Come quasi tutte le piante, il basilico predilige  un terreno fertile e abbastanza aerato o drenato (vedremo come ottenere queste due cose un po’ più in basso, nel punto che si occupa del trapianto per coltivare il basilico in vaso).

Quali usi e benefici ha il basilico?

Questa pianta è un ingrediente gustoso per molte ricette di cucina (insalate, salse, marinate…), quindi è una buona idea coltivare il basilico in vaso e avere sempre a portata di mano foglie fresche di questo delizioso aromatico per cucinare .

Oltre ad essere famoso per i suoi usi culinari, anche la sua associazione con altre piante può essere molto interessante. Sono diversi i vantaggi di coltivare il basilico con altre piante da giardino: questo aromatico ne esalta il sapore e, grazie al suo odore forte, respinge molti dei parassiti tipici di ortaggi e fiori , come afidi o aleurodidi.

Ma non finisce qui, foglie di basilico fresco, infusi o cataplasmi hanno importanti benefici per la salute e usi medicinali .

Ecco alcuni degli usi e dei benefici del basilico :

  • Il basilico fiorito viene utilizzato per fare infusi contro il vomito e la nausea tipici della gravidanza .
  • Per le sue proprietà antibatteriche , questo infuso di fiori di basilico è ottimo anche per i gargarismi che servono per curare la tonsillite .
  • È un buon diuretico poiché aiuta a esercitare un effetto sazietà , motivo per cui viene utilizzato nelle diete dimagranti .
  • Ha un effetto purificante e purificante sul sangue , motivo per cui è uno degli ingredienti di punta negli smothies detox.
  • Aiuta a migliorare la digestione e riduce i disturbi di stomaco.
  • Ha proprietà analgesiche, quindi il suo uso per rimuovere il mal di testa, accelerare la guarigione dei raffreddori, ecc.
  • Accelera la guarigione delle ferite.

Come coltivare il basilico in casa passo dopo passo

Successivamente vedremo i passaggi per piantare il basilico in vaso e prenderci cura della pianta di basilico dalle piantine alla raccolta.

1. Come seminare il basilico

La cosa migliore per assicurarsi che la pianta riesca è fare prima un semenzaio di basilico e poi, quando le piante sono un po’ troppo cresciute, fare un trapianto al terreno finale (nel vaso, fioriera o contenitore della fioriera di casa che useremo per piantare il basilico).

Quando seminare il basilico in casa?

Si tratta di una coltura primaverile-estiva, quindi il periodo migliore per piantare il basilico in giardino è la primavera , in modo da poterlo raccogliere per tutta l’estate e, se le temperature non scendono troppo, anche durante parte dell’autunno.

In ogni caso, se abbiamo intenzione di coltivare il basilico in vaso indoor , possiamo iniziare la coltivazione in semenzaio nel tardo autunno o durante l’inverno in modo che, all’inizio della primavera, possiamo già raccogliere le prime foglie di basilico.

Fai una piantina di basilico

Riempire i piccoli contenitori del semenzaio del basilico di terriccio con una miscela di substrato universale e compost naturale (come lombrichi o compost) .

Per realizzare un semenzaio di basilico puoi utilizzare piccoli contenitori riciclati (come vasetti di yogurt o gusci d’uovo) oppure acquistare piantine o piantine come questa:

In ogni contenitore o alveolo del semenzaio semineremo diversi semi di basilico (dato che normalmente non tutti germinano). Praticare due o tre piccoli fori nel substrato con una matita o un dito e inserire, a una profondità di 0,5-1 cm, un seme in ciascuno di essi prima di riempire il foro con un po’ di substrato.

Quindi viene effettuata un’irrigazione per inumidire i semi di basilico. La cosa migliore affinché i semi non affondino con l’acqua delle prime irrigazioni è che, finché non germogliano, annaffiamo ogni giorno con uno spruzzatore che applica l’acqua a gocce fini invece che a ruscello.

Per coltivare il basilico in casa, bisogna mantenere i semenzai a temperatura e luogo adatti . Se le temperature minime sono inferiori ai 15°C, è meglio tenere i semenzai al chiuso piuttosto che sul patio o sul balcone.

Due o tre settimane dopo la semina del basilico, i semi saranno germinati (come si vede nella foto sopra), e appariranno  due minuscole foglie: i cotiledoni . Dopodiché puoi annaffiare accuratamente con un annaffiatoio o una bottiglia senza timore di danneggiare il seme. Puoi spostare il semenzaio per aumentare gradualmente le ore di sole, anche se molta luce solare diretta non è molto conveniente quando le piante sono così piccole.

I cotiledoni cresceranno e, dopo alcune settimane, appariranno le vere foglie. Le foglie usciranno a coppie e una di fronte all’altra, come si vede in questa foto:

2. Preparare i contenitori per il trapianto di basilico

Un paio di mesi dopo la semina del basilico in semenzaio, possiamo trapiantare le piantine nei contenitori definitivi o sui terrazzi del nostro giardino.

Se hai intenzione di coltivare il basilico in vaso, dovresti sapere che questo aromatico non ha radici troppo profonde, quindi saranno sufficienti vasi o fioriere di 15 cm di profondità e circa 10 cm di diametro.

Per prima cosa, alla base dei vasi, mettiamo un sottile strato di pietre per migliorare il drenaggio e l’aerazione.  In questo caso acquistiamo ghiaia di argilla, poiché pesa pochissimo e sarà più comodo spostare i contenitori.

Sopra la ghiaia aggiungiamo del substrato universale fino a circa due terzi del contenitore , e nell’ultimo terzo (il più superficiale) una miscela del substrato universale con il fertilizzante per il giardino. poi aggiungeremo qualche manciata di normale substrato che ricopre il composto in modo che l’humus sia coperto

3. Trapianto di basilico

Non innaffiare i semenzai il giorno prima del trapianto in modo che il terreno sia più compatto e costi meno rimuovere l’intero blocco dal piccolo contenitore e trapiantare le piante di basilico.

Con l’aiuto di una pala o di un cucchiaio, togliamo le piante dai semenzai facendo molta attenzione a non rompere le radici (se il compito è complicato possiamo dividere i semenzai con un coltello e aprirli in modo che la pianta venga estratta con il zolla di substrato e radici più facilmente).

Quindi dobbiamo fare un buco nei vasi dove andremo a piantare il basilico (abbastanza grande da ospitare le zolle delle piantine). Introduciamo una piantina in ogni buca, copriamo di terriccio fino all’altezza dei primi cotiledoni e compattiamo un po’ il substrato con le mani (come si vede nella foto sopra) in modo che la pianta sia ben radicata.

Posizioniamo due piante di basilico in ogni vaso con l’idea di eliminare il peggio di ogni coppia qualche settimana dopo, ma nel caso in cui metti più piante in contenitori più grandi (come fioriere), la separazione tra loro dovrebbe essere di circa 30 o 40 cm.

4. Innaffiare e prendersi cura del basilico

Questa pianta necessita di abbondanti annaffiature durante tutta la sua coltivazione. Sei ad alto rischio di disidratazione con il caldo se non hai abbastanza acqua, motivo per cui questo è uno degli aspetti più importanti della cura del basilico.

È necessario mantenere la terra sempre umida ma senza che si bagni d’acqua.  Nel caso della coltivazione in vaso questo problema è meno frequente perché il contenitore presenta dei fori sul fondo e uno strato drenante che facilita la fuoriuscita dell’acqua in eccesso, ma anche per questo è importante innaffiare il basilico tutti i giorni per mantenere il substrato umido.

Se potete annaffiarlo un paio di volte al giorno in piccole quantità, molto meglio, perché in questo modo eviteremo che il terreno diventi molto secco nelle ore più calde. Puoi anche installare un sistema di irrigazione automatica domestica o di irrigazione per le vacanze , e non preoccuparti di questo aspetto per diversi giorni.

Come prendersi cura di una pianta di basilico in vaso?

Ci sono alcune attività colturali per prendersi cura delle piante di basilico che renderanno il nostro raccolto ancora più abbondante.

Durante il periodo di durata del raccolto, di tanto in tanto dovresti diserbare il terreno per aerarlo e renderlo soffice. Con l’ausilio di attrezzi da giardinaggio , come un piccolo rastrello, coltivatore o almocaffre, asportare lo strato superficiale del terriccio per favorire il drenaggio, eliminare le erbacce che possono essere apparse e prevenire la comparsa di croste.

Si consiglia anche la potatura degli steli . La cimatura consiste nel tagliare la punta degli steli superiori per favorire la crescita di più steli, la pianta diventa più frondosa e la coltivazione dura più a lungo.

Il basilico è una pianta annuale, cioè si secca e muore una volta fiorito alla fine di un ciclo. Per ritardare questo tempo e prolungare la produzione del basilico, taglia i boccioli dei fiori all’estremità degli steli (di solito compaiono circa un mese o un mese e mezzo o due mesi dopo la semina).

Un’altra delle cure del basilico è prevenire e monitorare la comparsa di parassiti e malattie. Anche se non avremo troppi problemi a coltivare il basilico in casa (soprattutto se abbiamo i vasi in casa), è importante conoscere i parassiti più comuni del basilico in modo che, se compaiono, possiamo riconoscerli ed eliminarli al più presto il più possibile.

5. Raccolta o raccolta del basilico

Dopo aver seminato, trapiantato e curato il basilico per settimane, sorge la domanda… Quando si coltiva il basilico? Quanto tempo ci vuole per crescere?

Circa 6 settimane dopo la semina (circa 3 mesi dopo la semina), puoi iniziare a raccogliere il raccolto di basilico (noi, nell’emisfero settentrionale, di solito raccogliamo le prime foglie a luglio).

Taglia i gambi in fondo con le forbici quando ne hai bisogno. Andate tagliando i gambi più giovani che si trovano a più di 10-15 cm da terra, lasciando sempre le gemme sottostanti dove usciranno nuovi gambi o rami.

Come conservare il basilico fresco?

Il basilico viene solitamente consumato fresco in insalata o in salse come il pesto, ma per ottenere basilico fresco in inverno o all’inizio della primavera, dobbiamo pagare un prezzo alto nei supermercati (le foglie di basilico fresco sono piuttosto costose e crescere in inverno non è solitamente facile perché del freddo e della mancanza di luce…).

Se vogliamo risparmiare nel carrello e avere basilico fresco tutto l’anno,  la soluzione è congelare le foglie e conservarle così per mesi . Puoi congelare i rametti con le foglie intere in sacchetti di plastica.

Un’altra opzione è quella di tritare le foglie di basilico e conservarle in frigorifero in un contenitore di vetro o in sacchetti ermetici con una generosa spruzzata di olio d’oliva. L’olio aiuta il basilico tritato a rimanere fresco per settimane.

Come la maggior parte delle  piante medicinali , anche le foglie di basilico possono essere essiccate. Dopo la raccolta, appendi i rametti a testa in giù per alcuni giorni o mettili separatamente su un giornale. Conserva le foglie essiccate in un barattolo di vetro e potrai utilizzarlo insieme al resto delle spezie per mesi.

Riprodurre una pianta di basilico Come piantare il basilico senza semi?

Se volete conservare i semi di basilico da piantare un altro anno , lasciate qualche ciuffo di fiori (quando si avvicina la fine del raccolto, a fine estate) in modo che si formino i semi e possiate raccoglierli.

Sebbene possiamo seminare il basilico da zero come abbiamo visto nei passaggi precedenti, se abbiamo già una pianta, la cosa più semplice è riprodurre il basilico per talea o steli anziché per semi mettendo parte della pianta di basilico in acqua .

Tagliare dei gambi dalla pianta di basilico e metterli in un contenitore d’acqua senza bagnare le foglie. Puoi aggiungere all’acqua un agente radicante naturale fatto in casa per accelerare la crescita delle radici sui ramoscelli o sulle talee di basilico.

Dopo 7 o 10 giorni, quando le radici sono ben visibili, è il momento di piantare il basilico in vaso come abbiamo visto nel passaggio 3 .

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.