Suggerimenti

Come piantare l’aglio

Coltivi l’ aglio ? Non è necessario disporre di ampi spazi per piantare aglio , Allium sativum , infatti, possono essere coltivati ​​perfettamente in contenitori o vasi e far parte dell’orto urbano ecologico.

L’aglio bulbo è molto conosciuto e apprezzato per il suo grande valore nella gastronomia tradizionale di molti paesi e altrettanto apprezzati sono i benefici e le proprietà medicinali dell’aglio .

L’aglio è una pianta perenne che ha foglie lunghe e appiattite. Appartiene alla famiglia botanica delle Alliaceae ed è originaria dell’Asia centrale, dove era già coltivata più di 4.000 anni fa.

Quando si pianta o si semina l’aglio?

Il periodo migliore per piantare o seminare l’aglio è solitamente da novembre a febbraio (se ti trovi nell’emisfero settentrionale) o da maggio ad agosto (se ti trovi nell’emisfero australe).

Vi incoraggio anche a dare un’occhiata al calendario di coltivazione per vedere le date di semina di altri ortaggi.

Coltivazione dell’aglio

L’aglio non richiede condizioni o cure particolari durante la sua coltivazione.

Bastano pochi spicchi d’aglio sani e in buone condizioni.

Fare un piccolo solco nel terreno (sono sufficienti 3-6 cm di profondità) e posizionare gli spicchi d’aglio direttamente nel terreno. Assicurati che la punta dell’aglio sia rivolta verso l’esterno (verso l’alto) perché è da lì che germoglierà il gambo.

Una volta che hanno messo lo stelo puoi mettere l’ imbottitura o il pacciame .

Lasciare una distanza tra aglio e aglio di circa 15 cm.

È una coltura che richiede luce, quindi dai loro un posto in giardino dove ricevano luce diretta. L’aglio può sopportare molto bene le temperature fredde, quindi non preoccuparti troppo delle temperature fredde. .

Se pianti l’aglio in vasi, dovrebbero essere profondi circa 40 cm per consentire lo sviluppo delle radici.

La cosa più importante si potrebbe dire che è controllare i rischi . Infatti, se le fai coltivare all’aperto e ricevono acqua piovana, non dovrai annaffiarle, perché hanno bisogno di pochissima acqua, anche una o due al mese.

Se li semini in un substrato con una buona aerazione e drenaggio, eviteremo problemi come malattie derivate da funghi o il marciume dell’aglio stesso.

L’aglio può essere associato ad altre colture come bietola, fragole, lattuga, cipolla, porro o carote.

L’aglio viene raccolto quando vediamo che le foglie appassiscono. Possono essere pronte in un periodo compreso tra 4 e 7 mesi, a seconda delle condizioni che hanno avuto durante la loro crescita.

Inoltre i fiori d’aglio sono commestibili, non esitate a tagliarli e ad aggiungerli alle vostre ricette preferite.

Sembra che seminare aglio a luna calante li renda più abbondanti. Qual è la tua esperienza?

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.