Suggerimenti

Funghi in giardino: Differenza tra oidio, peronospora, ruggine e botrite

I funghi sono, insieme a batteri e virus, microrganismi che causano  malattie nelle piante . Oggi vedremo quali sono le caratteristiche e i sintomi dei principali tipi di funghi che colpiscono le piante da giardino, nonché le differenze tra oidio, oidio e altri.

Ricorda che parassiti e malattie sono cose diverse : i parassiti sono causati da organismi che vediamo ad “occhio nudo”, come acari, insetti, roditori, limacos (lumache e lumache), uccelli, ecc. Le malattie, al contrario, sono causate da microrganismi, cioè quei piccolissimi “bug” che non vediamo: funghi, virus, batteri, nematodi… 

La cosa più importante per evitare gravi danni è la prevenzione e la diagnosi precoce delle malattie fungine“prevenire è meglio che curare”.

Come eliminare i funghi dalle piante?

Le tre chiavi per combattere i funghi delle piante sono la prevenzione, la diagnosi precoce e l’eliminazione efficace. Ecco alcuni trucchi per prevenire i funghi nelle piante ed eliminare le infezioni fungine, se si sono già verificate.

1. Prevenzione dei funghi nelle piante

La maggior parte dei funghi nel giardino ha bisogno di un po’ di umidità per crescere. Pertanto, per prevenirli, è necessario  evitare l’eccesso di acqua nelle irrigazioni e un’alta densità di piante (lasciando spazio sufficiente tra le piante e tra le loro parti aeree – potare se necessario – in modo che la ventilazione sia sufficiente e non si bagnino o condensino in acqua tra di loro).

Esistono alcuni preparati naturali per prevenire i funghi nelle piante , come l’infuso di equiseto, il liquame di ortica e altri biostimolanti per le piante che renderanno le nostre colture più forti e con maggiore resistenza ai funghi e ad altre malattie.

Inoltre, è importante assicurarsi che strumenti e contenitori di coltivazione come vasi o semenzai non siano infetti da funghi (si consiglia di pulirli bene con acqua e sapone prima dei lavori di coltivazione).

2. Rilevamento di funghi

A differenza degli insetti, i funghi sono microscopici e non possono essere visti ad occhio nudo, quindi l’identificazione del tipo di fungo con cui abbiamo a che fare va fatta osservando i sintomi. 

Può essere molto utile programmare un controllo di routine delle piante (una o due volte alla settimana, per esempio) in cui si ispezionano attentamente foglie, fusti, radici e frutti per identificare i sintomi  di eventuali malattie che possono essere presenti e per impedire che si diffondano utilizzando metodi di controllo appropriati.

3. Eliminare i funghi dalle piante con rimedi ecologici

In un orto biologico è fondamentale evitare l’uso di prodotti di sintesi come i fungicidi chimici. L’alternativa sono i fungicidi naturali per eliminare i funghi dalle piante: fungicidi fatti in casa con piante o altri prodotti naturali.

Nel post Fungicidi fatti in casa: 10 rimedi per i funghi delle piante troverai i dettagli su come realizzare e come utilizzare il fungicida fatto in casa con latte o caffè , il rimedio per i funghi con aglio e cipolla, estratto di salvia e altri fungicidi biologici .

Tipi di funghi sulle piante da giardino

Esistono alcune specie di funghi da giardino che colpiscono le radici della pianta (genere Rhizoctonia ) e possono essere presenti funghi anche sui semi e sulle giovani piantine (generi  Phytium e Phythophtora).

Altri possono addirittura alloggiare nei vasi vascolari -i condotti che trasportano la linfa attraverso la pianta- tamponandoli e provocando l’avvizzimento delle piante (attenzione a questi ultimi perché sono devastanti).

Ma l’incidenza di questi funghi nel frutteto spesso essere molto più basso rispetto ad altri funghi che interessano parti aeree (foglie, frutti, steli …), come ad esempio muffa o oidio , così oggi ci concentreremo su questi ultimi.

Oidio (cenere, cattivo bianco, muffa bianca)

  • Descrizione e sintomi : si sviluppa il più delle volte nella parte superiore delle foglie , anche se può diffondersi anche attraverso il fusto oi frutti se l’attacco non è controllato. Si presenta sotto forma di macchie bianche che si trasformano in una polvere bianca o grigia che ricopre le foglie e che, una volta rimossa, lascia delle macchie giallastre. Ostacolano la fotosintesi e se l’attacco non viene controllato, le foglie ingialliscono, possono deformarsi o seccarsi. È probabilmente il fungo più facile da rilevare, a causa di quella caratteristica polvere bianca.
  • Condizioni di propagazione : temperature calde e umidità media (tipica dell’estate).
  • Colture colpite : sono molto polifagi – danneggiano molte specie – sebbene le cucurbitacee (zucche, zucchine, cetrioli, meloni, angurie, chayote …) siano particolarmente sensibili. Colpisce anche piante di pomodoro, patata, vite, bietola, spinaci, ecc.

Muffa

  • Descrizione e sintomi: si sviluppa all’interno delle foglie, producendo sui bordi delle foglie o anche sui frutti macchie dall’aspetto untuoso di colore diverso a  seconda della coltura (giallo, verde, rosso…) che successivamente virano al marrone e appassiscono essiccano quella parte della pianta. A volte si può vedere anche una lanugine bianca nella parte inferiore delle foglie.
  • Condizioni di propagazione: può infettare le piante attraverso l’acqua di irrigazione perché penetra attraverso ferite o attraverso gli stromi delle foglie. Richiede una temperatura moderata (15-25°C) e un’elevata umidità, motivo per cui la sua comparsa dopo le piogge è frequente.
  • Colture interessate: ampio gruppo di piante, anche se spicca l’incidenza della peronospora nella vite e nelle solanacee (pomodoro, patata, melanzana, peperone…) . Colpisce anche fragole, cetrioli, meloni e giovani piante crocifere come barbabietole, spinaci o bietole.

Botrytis o marciume grigio

  • Descrizione e sintomi: forma  marciumi grigi e anche pelosi, il tessuto vegetale appare come se fosse marcio od ossidato, cioè degradante.
  • Condizioni di propagazione: Temperature miti, elevata umidità e scarsa ventilazione.
  • Colture colpite: vite e vite, pomodoro, lattuga. fragola, cetriolo, melanzana

Ruggine: macchie gialle sulle foglie

  • Descrizione e sintomi: compaiono macchie giallastre sulle foglie sulla pagina superiore e pustole o protuberanze marrone-arancio su quella inferiore , che crescono e si scuriscono fino a quando le foglie si seccano e cadono.
  • Condizioni di propagazione: umidità molto elevata e temperature miti (pericolo di comparsa dopo periodi di piogge abbondanti).
  • Colture colpite: aglio, cipolla, porro, rucola, asparagi, legumi…

In altri post abbiamo già parlato di funghi in giardino, puoi utilizzare il motore di ricerca in alto per trovare altre voci sui trattamenti contro i funghi e sui trucchi per prevenirli . Come aperitivo vi lascio questo link al post « Equiseto in giardino: ideale contro i funghi «.

Esistono altri tipi di funghi che possono colpire le piante da giardino oltre a quelli che abbiamo visto oggi, come Fusarium, Anthracnose, Phytophthora… ma questi quattro sono alcuni dei funghi più comuni nel giardino .

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *