Suggerimenti

Giacinti da potatura: [Importanza, tempo, strumenti, considerazioni e passaggi]

Se vuoi una pianta che offra una bella fioritura e un aroma squisito, il giacinto è proprio quello che stavi aspettando.

Sebbene la potatura del giacinto non sia uno dei compiti più complessi che avrai quando ti prendi cura del tuo giardino, vale la pena informarsi bene prima di agire.

A tal fine abbiamo preparato questa piccola guida che ti aiuterà a sapere tutto ciò di cui hai bisogno per rispettare il prima e durante il processo.

Quindi, se sei pronto, mettiamoci al lavoro.

Perché potare il giacinto?

La potatura del giacinto è una delle cure che solitamente si consiglia quando la pianta ha già completato la sua fase di fioritura. Così facendo si stimolerà la produzione di una buona quantità di fiori nel periodo successivo , aumentandone anche la qualità.

Inoltre, è necessario sottolineare che la potatura è fondamentale per liberare la pianta da ogni tipo di parti che sono in cattive condizioni. Non possiamo dimenticare che quando una pianta viene lasciata con parti danneggiate, può essere un punto focale per l’attacco di funghi, virus o batteri.

Quando è meglio eseguire la potatura del giacinto?

Il momento giusto è proprio quando finisce il periodo di fioritura, solitamente durante le giornate autunnali .

Tuttavia, se vivi in ​​una zona nota per avere inverni molto freddi e gelate frequenti, aspetta che arrivi la primavera .

A volte prendere questa precauzione darà maggiori benefici alla pianta, che è ciò che rappresenta il nostro obiettivo finale.

Quali strumenti dovremmo usare quando potiamo i giacinti?

Il giacinto ha una struttura a rami molto sottili che possono essere lavorati senza problemi con una piccola forbice da potatura .

È sempre consigliabile eseguire il processo con il supporto di guanti per evitare possibili danni che possono verificarsi alle mani.

Quali considerazioni dovremmo tenere a mente quando potiamo i giacinti?

I giacinti hanno una struttura molto semplice e questo è un valore aggiunto quando si inizia a gestire la potatura. La cosa normale è aspettare che dia fiori e dopo che appassiscono, e le foglie che lo accompagnano fanno lo stesso, si procede alla potatura .

C’è anche l’opportunità di potare proprio quando una canna da fiore termina il suo processo di fioritura e motivarla a generare un nuovo fiore.

In generale è uno dei lavori di potatura più semplici che esistono nel mondo del giardinaggio quindi non devi preoccuparti molto.

Come potare i giacinti senza danneggiare la pianta?

I giacinti crescono da un bulbo che di solito è sotterraneo, anche se a volte viene tenuto in acqua ma non è altamente raccomandato. Dal bulbo sporgono foglie più o meno spesse da cui poi si formeranno i fiori.

Ebbene, la potatura consisterà sostanzialmente nell’attesa che quelle due parti superficiali siano appassite per procedere con il compito di potare i giacinti . La prima cosa ad appassire è il fiore, che annuncerà che il processo di fioritura annuale è già terminato.

Tuttavia, se si dispone di un nuovo esemplare ben nutrito, è possibile rimuovere tutto lo stelo floreale corrispondente. Questa azione farà sì che la pianta si sforzi per sviluppare una nuova canna e magari offrirti un altro fiore nello stesso periodo.

In caso contrario attendere che le foglie siano ben appassite e procedere al taglio dalla base stessa. Quando si lascia al giacinto un fiore, un bastoncino o una foglia in cattive condizioni, il bulbo fa sforzi incredibili per nutrirli e promuoverli per generare semi .

Questa è una cattiva pratica che causa molto stress alla pianta ed è meglio evitarla. Quando avrai attuato la potatura come abbiamo già detto, la prossima cosa sarà concimare il bulbo in modo che raccolga nuove forze per il prossimo periodo .

Importante è anche annaffiare, fino al momento in cui va al riposo invernale, che va interrotto del tutto, e tenuto al sole. Queste due semplici cure, aggiunte ad una corretta potatura, faranno sì che il bulbo torni nelle migliori condizioni per essere utilizzato.

Nel caso in cui tu abbia il bulbo in acqua, il processo di potatura sarà lo stesso. Tuttavia, è necessario eseguire il trapianto a terra. Grazie a quest’ultima azione, offrirete uno spazio più ottimale al bulbo per riprendersi dal lavoro già svolto.

Allo stesso modo, gli darai un ambiente confortevole in cui recuperare e, come abbiamo detto per quelli seminati a terra fin dall’inizio, è essenziale concimare e annaffiare. Vedrai che la prossima primavera godrai di nuovo di giacinti belli, colorati e sempre profumati.

  • Hyacinth Care: [Terra, umidità, potatura e problemi]
  • Irrigazione al giacinto: [necessità, frequenza e procedura]

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.