Suggerimenti

Iris germanica: [Semina, cura, irrigazione, substrato e parassiti]

Punti importanti quando si semina l’iris germanica
  • Quando? La sua moltiplicazione deve iniziare al termine del periodo di fioritura, cioè alla fine della primavera e all’inizio dell’autunno.
  • Dove? È una pianta nobile e resistente che può crescere ovunque. Giardini, ruscelli e persino piste si adattano molto bene a te. Ama la luce naturale.
  • Come prepariamo il terreno? Suoli fertili e ben drenati, con abbondante sostanza organica. Predilige quelli calcarei, più si adatta a chiunque.
  • Come seminiamo? Da rizomi con buoni germogli che vengono piantati in un terreno fertile in modo che crescano steli sani. E anche dalle lampadine.
  • Come paghiamo? Un buon compost aggiunto in autunno sarà molto utile.
  • Quando fioriscono? Per tutta la primavera e l’estate danno molti fiori .
  • Temperatura ideale? Dura a lungo nei climi caldi e si adatta anche a condizioni ambientali aride. Tollera anche il freddo e il gelo.
  • Come innaffiamo? Una volta alla settimana, in primavera inverno , è necessario annaffiare moderatamente, e due volte in estate , senza esagerare, perché le sue radici marciscono.
  • Malattie e parassiti? Può essere attaccato da afidi e tripidi . Soccombe a malattie generate da funghi: Fusarium, Muffa grigia o Brotite.

  

Cos’è l’iride germanica?

L’ Iris germanica o Giglio azzurro è una pianta erbacea molto resistente che appartiene alla famiglia delle Iridáceas .

È una specie tipica dell’Europa centrale. È anche conosciuto con i nomi di giglio comune, giglio giglio, giglio viola, giglio blu o giglio pasquale.

Quando lo coltiviamo? Dovrebbe essere fatto in tarda primavera e all’inizio dell’autunno .

Non richiede una terra molto speciale. Accontentarsi di terreni fertili, ben drenati, a pH neutro.

Possiamo considerarla anche come pianta ornamentale .

 

Come innaffiamo l’iris germanica o il giglio blu?

Senza eccezioni, l’irrigazione di tutte le sue varietà deve essere moderata, perché questa pianta ha potenti rizomi che catturano l’acqua per fissare i nutrienti e sopravvivere a condizioni negative.

Caratteristiche dell’iride germanica

È ideale per essere coltivata all’aperto , richiede pochissime cure e produce bellissimi fiori in tonalità che vanno dal bianco, al viola e al cobalto, anche se il blu è solitamente il più diffuso.

La base del fusto è composta da steli fiorali che possono ospitare da 3 a 4 fiori composti da tre sepali e tre petali grandi e molto vistosi. E foglie lineari lanceolate disposte in una lunghezza di circa 40 centimetri di lunghezza e 4 di larghezza che fuoriescono dai bulbi.

È anche una pianta monocotiledone, simile allo zenzero , perché cresce come se fosse un’erba con rizomi, che altro non sono che fusti sotterranei con una crescita eretta massima di circa 50 centimetri.

Vale a dire, ha una bassa statura e steli frondosi che sviluppano bulbi sotterranei che immagazzinano acqua e molti nutrienti, il che conferisce alla pianta una tale indipendenza da sopravvivere in condizioni aride.

È imparentato con gli asparagi e altri lontani cugini, le orchidee .

Ha proprietà medicinali . È un ottimo espettorante, depura le vie respiratorie, combatte i fastidi allo stomaco, ha proprietà diuretiche ed è utilizzato anche in aromaterapia, oltre che in formule applicabili in creme o unguenti di grande fama commerciale.

 

Dove dovremmo piantare un’iride germanica?

Ama molti posti all’aperto, come giardini e parchi, dove cresce abbastanza rapidamente. Infatti, può vivere quasi ovunque, come giardini urbani, giardini acquatici, ruscelli, stagni, e anche su pendii e aiuole.

Perché? Lo aiutano molto i suoi rizomi, ricchi di sostanze nutritive e capaci di catturare benissimo l’acqua per nutrirsi.

I rizomi producono gemme e queste lasciano il posto agli steli. Non prospera in ambienti chiusi, perché necessita di pieno sole, più di 6 ore al giorno.

Quando dovrebbe essere coltivato?

La sua coltivazione è consigliata in tarda primavera e inizio autunno, quando la risposta alla propagazione vegetativa da parte dei bulbi è abbastanza buona.

Anche il suo periodo di fioritura inizia in primavera e può durare fino alla fine dell’estate, con 3-6 fiori per ogni sezione, in colori che vanno dal blu al viola o al viola bluastro.

 

Come prepariamo il terreno?

Non ha grandi esigenze sul suolo. Può svilupparsi facilmente con terreno appena fertile, ricco di sostanza organica e ben drenato. È necessario mantenere un’umidità costante.

Gli esperti di giardinieri raccomandano l’applicazione di fitormoni radicanti durante la propagazione, dove un terreno fertile, ben ossigenato e ben drenante è anche la chiave per una crescita sana delle piante.

Altro dato rilevante è che gli impianti in vaso devono essere effettuati ogni due anni, su substrato universale, in modo da ottenere il massimo da bulbi e rizomi.

 

Come seminare un Iris germanico passo dopo passo?

Se vogliamo propagare l’ iride germanica, ci sono due semplici metodi per farlo. Vediamo.

Per rizomi

  1. La coltivazione del rizoma si ottiene, innanzitutto, tagliandone una porzione in una pianta che gode di buona salute. Dovrebbe avere gemme che lasciano il posto a nuovi steli.
  2. Vanno interrate in terreno fertile con buon drenaggio e umidità costante.
  3. Quando la pianta cresce, germoglieranno nuovi rizomi che si espanderanno, poiché generano anche nuovi steli che condivideranno le radici.

Per lampadine

Un altro fatto curioso sul modo in cui questa erbacea unica si diffonde è la produzione di bulbi che spuntano alla base degli steli, che vengono separati per produrre nuove piante sorelle.

È un altro metodo di propagazione efficace che richiede un terreno fertile di buona idratazione costante.

La coltivazione per seme è sconsigliata, perché solitamente non dà risultati soddisfacenti. Sfortunatamente, di solito richiede molto tempo o semplicemente non produce risultati. S

Ci siamo quindi limitati all’ambito della ricerca, al fine di saperne di più sul comportamento di questa specie attraente e resistente .

Di che cure ha bisogno l’iride germanica?

È considerata una pianta invasiva , perché si diffonde molto facilmente e può crescere senza problemi su terreni sassosi e condizioni estreme con molta siccità.

Tuttavia, è opportuno soddisfare una serie di semplici requisiti se vogliamo avere molti Gigli Azzurri in giardino.

 

Una buona fioritura dipenderà in gran parte dalle seguenti condizioni:

  1. Sebbene si sviluppi senza problemi in luoghi semiombreggiati, è preferibile tenerla sempre sotto i raggi del sole. È il tuo miglior motivatore.
  2. Si adatta a qualsiasi terreno, ma in condizioni ottimali quelli con un buon drenaggio sono i migliori per qualsiasi varietà di Iris germanica. La generosa materia organica lo aiuterà molto nel periodo di fioritura, quindi questo additivo deve essere preso in considerazione se lo coltiveremo in un vaso.
  3. L’irrigazione dovrebbe essere moderata perché questa pianta ha potenti rizomi che immagazzinano il liquido vitale. Ecco perché resiste ai periodi di siccità con sufficiente dignità ed efficienza.
  4. Un altro vantaggio di grande valore è che non ha bisogno di essere periodicamente stimolato con concimi o fertilizzanti. Sta perfettamente da sola. È sufficiente che la terra abbia molta materia organica affinché la pianta si sviluppi ampiamente. O humus lombrico.
  5. Si consiglia l’esecuzione sistematica di potature per rimuovere steli morti, foglie e fiori per cooperare con la salute della pianta.

Quali parassiti e malattie ha?

A volte l’iride germanica soccombe a malattie causate da temperature elevate o condizioni di umidità estrema.

I parassiti che lo attaccano includono:

Tripidi o Frankiniella occidentalis

Minuscoli insetti con un potente apparato boccale che amano le foglie giovani. Producono macchie rossastre e colpiscono la base del bulbo, che finisce per interessare l’intera pianta.

Afidi o Aphis gossypii

È un parassita molto fastidioso che succhia il nettare dai boccioli dell’Iris germanica, riuscendo a rovinarlo, perché avvizzisce.

Per la loro eliminazione devono essere applicati processi di lotta biologica (come i fungicidi naturali) e trappole anti-afidi.

Le malattie più comuni sono: Fusarium, Muffa grigia o Botrytis e Ruggine , tutte fatali se non combattute in tempo eliminando le parti della pianta che sono state attaccate.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.