Suggerimenti

Lazo de Amor o pianta ragno: [Cura, semina, irrigazione e substrato]

Il nastro o nastro dell’amore, detto anche pianta ragno è una pianta da interno perenne o durevole, nasce nelle viscere del continente africano e da lì si diffonde senza grossi problemi in tutto il mondo, grazie alla sua grande capacità di moltiplicarsi .

È conosciuto in diversi modi: cravatte d’amore o nastro ; impianto ad anello; pianta ragno e malamadre. Il suo nome scientifico è Chlorophytum comosum.

Ad oggi sono state identificate più di 200 specie diverse di questa pianta unica nel suo genere, conosciuta anche in molte parti del mondo come malamadre, perché prolifera con una tale facilità che molti bambini si moltiplicano indiscriminatamente da assumere in circa 15 giorni in condizioni ottimali intorno al il principale.

Naturalmente, si riproducono in gran numero dopo che un discreto fiore bianco appare sulla punta dei loro steli e diventa una piantina radicata che possiamo piantare in nuovi vasi.

  

Quindi i suoi fiori hanno una funzione riproduttiva di grande potere miracoloso, insieme a radici molto attive che immagazzinano molta acqua e ne caratterizzano la rusticità.

Lo sapevate…?
Una cosa molto positiva che ha l’argento del nastro d’amore è la sua perfetta capacità purificante degli ambienti colpiti da monossido di carbonio e formaldeide da aerosol, vernici varie e persino prodotti dell’industria cosmetica.

Quindi non dimenticare di avere uno o più Love Ties a casa.

Qui ti diremo come dovresti mantenerlo sempre radioso. E sebbene sia molto difficile ucciderlo, data la sua enorme resistenza, ci sono dei consigli pratici che aiutano a renderlo più attraente.

Caratteristiche delle piante ragno o legami d’amore

  • Famiglia vegetale: piante erbacee ( anthericaceae ).
  • Genere: clorofite.
  • Classe: angiosperme (magnoliopsida).
  • Ordina: asparagi .
  • Specie: pianta ragno (chlorophytum comosum).
  • Nomi banali: pianta ragno, pianta aeroplano, pianta nastro, edera ragno, giglio San Bernardo, gallina e polli.
  • Origine: Sud Africa.
  • Pianta erbacea perenne.
  • Altezza: fino a 60 cm.
  • Fioritura: tutto l’anno con piccoli fiori bianchi con lunghi peduncoli, foglie lunghe e dense disposte a rosetta.

  

Temperatura: dove piantare il legame d’amore?

Sebbene sia una pianta così nobile da non aver bisogno di molte cure, non permetterle di vivere in un ambiente al di sotto dei 7°C, perché all’aperto la influenzerà tremendamente .

Ma in climi fino a 27 ° C, cresce e si moltiplica facilmente.

Il suo comportamento in casa è buono anche in celle frigorifere dove ci sono basse temperature e poca luce. L’umidità gli piace molto.

I climi che cambiano non sono di tuo gradimento, gli sbalzi di temperatura ti fanno star male. Se questo è il tuo caso, è meglio tenerlo sempre in un luogo della casa con una buona illuminazione e un’umidità costante. Non portarlo in quella circostanza in un giardino o in una terrazza.

Luz: Che bisogni hai?

Ciò che è assolutamente vero è che, sebbene sia una pianta molto, molto resistente , non ama affatto essere esposta a lungo a una luce solare intensa.

Le sue molteplici foglie color crema inizieranno a bruciare, mettendo a rischio la tua salute. Non farlo mai.

All’interno della casa è preferibile averlo in una zona illuminata naturalmente ma non così vicino a una finestra. Preferisce sempre una buona luce, ma non la luce diretta perché le sue foglie sono brutte fino ad appassire.

È così nobile che cresce senza problemi in un bagno, in una stanza… In effetti, è super adattabile.

Substrato e Compost: come prepariamo il terreno?

Il nastro non chiede molto . È la verità. Ma un substrato di alta qualità è altamente raccomandato in modo che possa moltiplicarsi rapidamente con i suoi germogli fioriti.

Substrati come la vermiculite o la fibra di cocco sono perfetti per il suo sano sviluppo, quando la si pianta in vaso, perché per l’esterno sarà sufficiente un terriccio ben drenato. Uno con la sabbia è l’ideale.

  

Irrigazione: come e con che frequenza annaffiamo?

L’umidità elevata senza trasformare la terra in una pozzanghera sarà l’ideale.

Nonostante questa pianta resista a periodi di siccità grazie alla grande capacità di immagazzinare acqua delle sue radici, possono raggrinzirsi fino a perdere lucentezza, vistosità e colore (pallido) per mancanza di irrigazione, risorgere se si corregge questo svarione, perché la loro tuberosità le radici sono serbatoi di riserva d’acqua.

Giardinieri esperti consigliano di annaffiarla con fiducia solo un paio di volte a settimana durante i periodi primaverili ed estivi. Mentre in inverno è sufficiente effettuare l’irrigazione ogni dieci giorni.

Cura delle piante di ragno

La pianta ragno è una pianta poco esigente, che sopravvive in molte situazioni. Gli amanti delle piante, tuttavia, possono prendere semplici accorgimenti per creare un ambiente di vita sano.

Una cura adeguata assicura che il comosum clorofitico rimanga vitale per decenni e si moltiplichi rapidamente.

  

Parassiti e malattie di questa pianta

Poiché la pianta ragno è resistente e di facile manutenzione, le malattie si verificano raramente.

Le foglie secche indicano spesso una pozzanghera che deve essere rimossa il prima possibile drenando l’acqua in eccesso.

Se il ristagno persiste, la pianta può essere attaccata da batteri che causano un grave marciume umido batterico. Si diffonderanno rapidamente e difficilmente potranno essere combattuti. Pertanto, le piante colpite devono essere eliminate e non entrare mai in contatto con quelle sane.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.