Suggerimenti

Chayotes: [coltivazione, irrigazione, cura, parassiti e malattie]

La pianta di Sechium edule è un ortaggio ampiamente coltivato in Messico e in alcuni paesi dell’America centrale. È una specie della famiglia delle cucurbitacee, la stessa a cui appartengono melone, cetriolo e zucca.

Sebbene non ci siano documenti storici prima del XV secolo, si ritiene che il chayote sia stato utilizzato fin dai tempi precolombiani.

Si ritiene infatti che gli spagnoli abbiano introdotto la sua coltivazione in alcune isole dei Caraibi e così si sia diffusa in altre regioni.

Chayote è attualmente noto per avere proprietà antiipertensive e antiossidanti. Pertanto, non è raro che venga utilizzato nella medicina tradizionale come diuretico, antinfiammatorio, nonché per trattare le calcificazioni renali e l’arteriosclerosi.

Oltre ad essere una fonte di cibo, il chayote ha un grande impatto economico poiché ogni pianta può produrre circa 47 chilogrammi di frutta all’anno. Nelle colture estensive, un tale livello di produzione rappresenta un significativo guadagno monetario.

A causa del fatto che il seme e il frutto del chayote non si conservano nel tempo, non ci sono prove archeologiche che ci permettano di specificare dati sull’antichità della sua origine e manipolazione.

Punti importanti quando si pianta un chayote:
  • Nome scientifico: Sechium edule.
  • Nome comune: Chayote, chayotera, guatila, papa del aire, riccio.
  • Altezza: 2 metri.
  • Fabbisogno di luce: luce diretta e semiombra.
  • Temperatura: climi temperati (da 13ºC a 21ºC).
  • Irrigazione: Frequente.
  • Fertilizzante: fertilizzante organico.

Che caratteristiche ha il chayote?

Il chayote è una pianta perenne che si rinnova ogni anno e può crescere fino a 15 metri di lunghezza e 2 metri di altezza. È una specie rampicante costituita da radice, fusto, frutti e semi. Innanzitutto, le radici del chayote sono avventizie e fibrose.

A volte, le lampadine di riserva si formano alle loro estremità terminali, note come “chayotextle” . Questi tuberi sono ampiamente utilizzati nella cucina tradizionale messicana. Nel caso del fusto, ha due classi, una sotterranea, detta brachiblasto, da cui germoglia il secondo tipo di fusto.

Il secondo tipo è composto da numerosi giovani steli rampicanti da cui crescono foglie, viticci, fiori o rami. Le foglie di chayote sono semplici e alterne. Arrivano a misurare da 8 a 15 cm di lunghezza. I fiori sono unisessuali: quelli femminili sono solitari e quelli maschili sono raggruppati in grappoli lunghi da 10 a 30 cm.

Il frutto è una bacca carnosa e commestibile che può avere forme e colori diversi, dal verde chiaro al verde scuro, fino al giallo. Misura da 7 a 26 cm di lunghezza e può pesare da 300 g a 2 kg. I semi, o semi, hanno una forma ovale. Sono commestibili, lisci, compressi e molto morbidi.

Sono lunghi da 3 a 5 cm e germinano all’interno del frutto.

Quando piantare il chayote?

Il periodo in cui tradizionalmente si semina la pianta di chayote è durante i mesi di aprile e maggio per approfittare della stagione delle piogge.

Dove piantare il chayote?

Il chayote ha bisogno di ampi spazi protetti dai forti venti, oltre che di supporti e guide per crescere. Per fare ciò, si consiglia di utilizzare la tecnica del tutorato, ovvero posizionare bastoncini e picchetti accanto alla pianta per guidarne la crescita verticale .

Allo stesso modo, questa pianta può essere coltivata in climi temperati, in cui le temperature oscillano tra 13ºC e 21ºC. Tuttavia, deve essere protetto da temperature inferiori a 5ºC poiché la pianta può essere danneggiata.

Si consiglia invece di tenere il chayote all’ombra durante le sue prime fasi, soprattutto se le temperature esterne sono elevate. Tuttavia, i problemi non riceveranno la luce diretta del sole, una volta che viene stabilita.

Come preparare il terreno?

La pianta chayote richiede terreni umidi con abbondante materia organica. Predilige terreni argillosi-sabbiosi, con buon drenaggio e fertilità da media a buona.

Per preparare il terreno occorre rimuovere la terra, rimuovere le erbacce , concimare, installare le guide e scavare i ceppi.

Per concimare il terreno, si consiglia di applicare fertilizzanti organici o letame.

Come innaffiamo il chayote?

Il chayote è un ortaggio che necessita di annaffiature frequenti, soprattutto durante la stagione secca perché l’apparato radicale è poco profondo e l’evapotraspirazione della pianta è molto elevata.

In caso di colture estensive si consiglia l’irrigazione a microaspersione, in quanto consente di inumidire la zona radicale. D’altra parte, l’irrigazione a tubo può essere utilizzata nel caso di piccole colture.

Ogni quanto annaffiamo il chayote?

La frequenza dell’irrigazione dipenderà dal tipo di terreno e dalle condizioni climatiche. Si consiglia di applicare 1 o 2 volte a settimana, aumentando la regolarità nella stagione secca o calda.

Come piantare un chayote passo dopo passo?

Il modo più semplice e veloce per far crescere la pianta di chayote è usare un frutto maturo in cui il seme è germinato. I passaggi da seguire sono condivisi di seguito:

  1. Scegli un frutto maturo, intero, di buona consistenza e forma.
  2. Tienilo all’ombra, in un ambiente umido, e aspetta che il seme produca un germoglio.
  3. I frutti maturi possono anche essere posti in un letto di substrato umido, lasciando esposta solo la parte superiore del frutto.
  4. Non appena il germoglio è cresciuto di 15 centimetri, esponilo gradualmente in luoghi più luminosi e continua ad applicare l’irrigazione una volta alla settimana.
  5. Trapiantare quando la pianta ha raggiunto i 20 centimetri di altezza in una vite di 25 centimetri di diametro e 30 centimetri di profondità.

Di che cure ha bisogno il chayote?

Il chayote è una pianta facile da coltivare e non necessita di molte cure dopo l’insediamento. Tra le misure più importanti ci sono le seguenti:

  1. Proteggilo dalle basse temperature.
  2. Mantenere frequenti annaffiature per evitare stress idrico.
  3. Controllare le erbacce durante i primi mesi di crescita.
  4. Potare le guide che non nascono dal fusto o che non presentano un buon sviluppo.

Quali parassiti e malattie colpiscono il chayote?

Tra i parassiti che colpiscono principalmente il chayote ci sono il verme e il verme del cetriolo , che attaccano i teneri frutti e le foglie della pianta.

Per quanto riguarda le malattie, vi sono quelle prodotte dall’Oidio , dal Colletotrichum , così come la verruca, provocata dal fungo Mycovellosiella cucurbiticola .

Riferimenti

  • http://www.mag.go.cr/bibliotecavirtual/F01-0658chayote.pdf
  • https://infoagronomo.net/guia-tecnica-de-cultivo-de-chayote-pdf/
  • http://www.itzonamaya.edu.mx/web_biblio/archivos/res_prof/agro/agro-2015-19.pdf
  • http://www2.biodiversidad.gob.mx/usos/alimentacion/chayote.html
  • https://www.medigraphic.com/pdfs/medisur/msu-2016/msu166b.pdf
  • https://www.gob.mx/cms/uploads/attachment/file/231849/Conservaci_n_y_multiplicacion_de_una_coleccion_de_sechium_spp.pdf
  • https://www.gob.mx/cms/uploads/attachment/file/231857/El_chayote_volumen_1.pdf
  • https://www.uaeh.edu.mx/scige/boletin/icap/n5/r1.html
  • http://repositorio.iica.int/bitstream/handle/11324/2978/BVE17058902e.pdf;jsessionid=833F3A5D83A8B4A0F2E3CB3D1B0B029B?sequence=1
  • https://www.academia.edu/25370421/Espinas_y_pulpa_el_chayote_planta_mesoamericana_Gu%C3%ADa_de_la_exposición_Museo_Nacional_de_Agricultura

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *