Suggerimenti

Cos’è la Permacultura?: Obiettivi, principi, tecniche e benefici

L’ agricoltura biologica è la più conosciuta di tutte, ma ci sono altre correnti agro – ecologiche  (come  l’Agricoltura Biodinamica , la  Permacultura – di cui parleremo oggi- , o l’agricoltura naturale)  che hanno gli stessi obiettivi di fondo :

Sviluppare un’agricoltura sostenibile e rispettosa dell’ambiente e sicura, la fertilità a lungo termine del suolo grazie al mantenimento della biodiversità. 

Cos’è la permacultura?

La biodiversità in agricoltura consiste nel mantenere in vita tutti i tipi di organismi viventi: batteri e funghi del suolo, insetti o piante benefiche, in modo che tutti i loro benefici siano sfruttati in termini di conservazione dei nutrienti e controllo naturale di parassiti e malattie.

È un’agricoltura basata sulla filosofia naturale del giapponese Masanobu Fukuoka (1913-2008), iniziata nel 1972 da Bill Mollison e David Holmgren in Tasmania, Australia.

La parola Permacultura  deriva dalla contrazione di cultura permanente – “agricoltura permanente” e/o “cultura permanente” -, che lascia intravedere il suo obiettivo principale: che le materie prime e le risorse (acqua, terra, materia organica, semi, alimenti …) ultimo, rimanere, per soddisfare le nostre esigenze future. Si tratta di cooperare con la natura, rispettando e sfruttando i ritmi naturali senza contrastarli o modificarli.  

La permacultura combina varie filosofie e pratiche ecologiche per raggiungere questa stabilità dell’ambiente e degli esseri viventi. Per fare ciò, utilizza l’  imitazione dei modelli della natura e la conservazione delle risorse naturali , cercando di ridurre sia le materie prime e i materiali che i prodotti di scarto dell’agricoltura.

Più che un modo di fare agricoltura, la permacultura è un modo di vivere , chi la pratica vive immerso nella natura, collaborando al suo equilibrio e beneficiando delle sue risorse.

Principi e tecniche della permacultura

Principi di base della Permacultura

  • Le basi  dell’agricoltura  naturale di Fukoka: nessun uso di fertilizzanti chimici o compost , nessuna lavorazione del terreno, nessuna eliminazione delle erbacce, nessun uso di pesticidi chimici.
  • Ciascuno degli elementi che compongono il  sistema agrario  deve essere collocato in relazione agli altri e quindi svolgere diverse funzioni. Inoltre, ogni funzione o esigenza di base è supportata da molti elementi.
  • Riproduzione dei meccanismi naturali che contribuiscono all’aumento della materia organica e alla stabilità dell’ecosistema: strati vegetali protettivi, diversità ( rotazioneassociazione di specie ), sviluppo di zone di transizione (ecotoni) o riciclaggio di materia organica.
  • Autosufficienza energetica grazie a una pianificazione energetica efficiente.
  • Raggiungere un’elevata diversità di piante adattate a ogni specifico ecosistema attraverso la presenza di produzioni sfalsate o rotazioni naturali.

Per raggiungere questo obiettivo, la Permacultura si basa sull’integrazione di più elementi: colture, animali, paesaggio, edifici, tecnologie e abitazioni , per formare un sistema agricolo che si sviluppa e si regola praticamente da solo e che è in simbiosi con le attività umane. Ma questo non è un compito facile e una buona pianificazione è essenziale affinché tutti i componenti svolgano le loro funzioni.

Tecniche utilizzate in permacultura

  • Integrazione di agricoltura, allevamento, acquacoltura, silvicoltura e pascolo in un unico luogo.
  • Selezione di specie vegetali e animali in base alla loro composizione, distribuzione e organizzazione.
  • Pianificazione spaziale ed ecologica.
  • Zonizzazione del sistema agrario in funzione dell’intensità di utilizzo da parte dell’uomo e delle energie esterne (sole, aria, luce…).

Formazione e diffusione della permacultura

La maggior parte di queste tecniche e metodi di permacultura si basano  sull’esperienza e sulla pazienza , ed è proprio quello che manca a chiunque viva in un paese sviluppato e voglia iniziare in questo mondo. Da decenni la nostra cultura e il nostro modo di vivere non sono più scanditi dai ritmi naturali…

Ora possiamo mangiare le arance d’estate e le ciliegie d’inverno, per esempio, senza chiederci come e dove siano stati coltivati ​​quei frutti che arrivano sulla nostra tavola in un momento così lontano dal loro tipico “tempo di raccolta”.

Per tutto questo, per un nuovo permacultore  è fondamentale che qualcuno trasmetta le conoscenze necessarie . I permacultori ne sono consapevoli e quindi sono innumerevoli le associazioni pubbliche e private, i gruppi, le cooperative e i centri di permacultura in Spagna  e nel mondo  che, attraverso corsi di permacultura , conferenze, pubblicazioni, iniziative come “ecovillaggi”, ecc., promuovono questa filosofia della vita e istruire sulle tecniche necessarie per una progettazione ecologica sostenibile.

Anche il Parlamento Europeo è stato influenzato da questo modo di fare agricoltura, e nel comunicato “Opzioni per una visione e un obiettivo europei per la biodiversità oltre il 2010”, la Commissione Europea ha affermato che:

“La promessa della permacultura come efficace protettore e restauratore della biodiversità dovrebbe essere esplorata e rafforzata”.

Nel 2012 è stato lanciato un progetto, inserito all’interno del “Programma d’azione nel campo dell’apprendimento permanente”,  per sostenere lo sviluppo professionale degli insegnanti di Permacultura. A questo progetto partecipano più di una dozzina di organizzazioni europee di Permacultura , come  Permakultur Akademie ( Germania),  Permaculture Association in Britain  (UK) o  Cambium  (Barcelona, ​​​​Spain), che hanno aderito con l’obiettivo di  “accrescere la professionalità dei permacultura in Europa».

Vantaggi della permacultura

Secondo i difensori di questo tipo di agricoltura, Permacultura non solo porta benefici ambientali, ma  porta anche sociali ed economici  benefici   per coloro che lo praticano (in quanto promuove l’economia sociale e le vendite locali, senza intermediari, tra le altre cose).

La permacultura è  benefica per la salute fisica e mentale,  in quanto fornisce cibo sano privo di composti chimici e ci fa circondare di un ambiente naturale e molto meno inquinato a cui siamo abituati. Inoltre, collabora  all’economia familiare  e all’educazione della società, poiché contribuisce all’autonomia di chi la pratica imparando a vivere in modo sano ea conoscere la natura.

Questi vantaggi sono stati riconosciuti dalle Nazioni Unite, che lo  scorso anno hanno premiato l’ Associazione per lo sviluppo della permacultura nella  Nona competizione internazionale sulle migliori pratiche.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *