Suggerimenti

Manutenzione dell’Aesculus indica o dell’Ippocastano

I fiori del comune ippocastano sono sinonimo di lusso ed eleganza grazie, senza dubbio, alla sua opulenza e alla sua intensa fragranza.

Il nome deriva dalle parole greche “kastanon” = castagno e “ippos” = cavallo, in quanto si credeva che il frutto fosse usato per curare alcune malattie dei cavalli.

Appartiene alla sottofamiglia Hippocastanoideae (famiglia Sapindaceae), che comprende solo 5 generi. I nomi latini e volgari si riferiscono al suo luogo di origine. È l’autentico ippocastano. Da non confondere con l’Aesculus hippocastanum, falsamente chiamato ippocastano, che è di origine balcanica. Le specie principali sono : Aesculus indica, Aesculus hippocastanum, Aesculus x carnea, Aesculus californica.

L’Ippocastano è un grande albero , può raggiungere un’altezza di 30 metri. Il baule è ruvido. La corona è arrotondata da foglie caduche che sono formate da cinque lobi disposti come le dita di una mano. Sono di colore verde chiaro e assumono in autunno bellissime sfumature dorate.

I fiori sono raccolti in infiorescenze a forma di pannocchia eretta, in bianco, rosa o rosso. I fiori sbocciano a giugno e luglio. I frutti sono spinosi e contengono fino a tre grandi semi carnosi.

Era ampiamente utilizzato come albero da ombra e per la decorazione di grandi giardini e parchi e di maestosi boschetti lungo le strade.

È una pianta facile da coltivare e da trapiantare. Tutto ciò di cui ha bisogno è terreno ben drenato . Può resistere bene alla contaminazione, ma non a temperature troppo elevate, in quanto possono asciugare. D’altra parte, può resistere a temperature fino a -15°C. Vivono meglio con un’umidità elevata e ad un’altitudine di circa 300-400 metri sul livello del mare, in pieno sole o all’ombra.

Il terreno deve essere leggero, fresco e leggermente acido.

La semina avviene in autunno e in primavera. Come per la maggior parte degli alberi, è sufficiente il fertilizzante organico applicato al momento della piantagione.

Questo genere può essere attaccato da bruchi, coleotteri e cocciniglie , così come da funghi che causano la caduta delle foglie. Eventuali parassiti vengono eliminati con i prodotti indicati a tale scopo.

L’ippocastano può essere moltiplicato per i semi. Il suo periodo di germinazione è molto breve. Si può ottenere anche con l’innesto in grondaia alla fine dell’inverno.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *