Suggerimenti

Macchie marroni sulle foglie: [rilevamento, cause e trattamento]

Le macchie marroni sulle foglie delle piante si verificano molto più frequentemente di quanto vorremmo perché hanno origini multiple.

Il più semplice include alcune carenze di nutrienti nella sua struttura, ma ci sono anche casi più complessi riguardanti la presenza di malattie.

Definire l’origine della loro comparsa sarà il primo passo per combatterli perché non sarà lo stesso farli funzionare da un virus che dagli insetti. 

Ma non preoccuparti perché qui ti daremo tutte le linee guida che devi considerare per liberare la tua bella pianta da questo fastidio.

Hai il coraggio di unirti a noi?

Cosa succede quando le foglie delle piante diventano marroni?

Quando le foglie delle piante diventano marroni, ciò che riceviamo è un segnale di allerta per occuparci della loro salute.

Questo è uno dei primi sintomi che di solito compaiono dopo eventuali danni interni alla sua struttura, poiché evidenzia problemi con il processo di fotosintesi .

Cosa fare quando le foglie delle piante diventano marroni?

Quando le foglie delle piante diventano marroni, ciò che dovrebbe essere fatto è determinare i motivi per cui ciò sta accadendo.

Sulla base di questa prima fase di diagnosi, verrà poi stabilito il trattamento che aiuterà a ripristinare la vitalità.

È importante sapere che l’osservazione deve essere stabilita in base a un periodo di tempo per valutare come si evolvono le macchie .

Perché le foglie delle piante si macchiano?

Come abbiamo già visto, ci sono ragioni molto diverse per la comparsa di macchie sulle foglie delle piante.

Il primo di essi (e il più comune) è dovuto all’avvizzimento , azione prodotta dalla mancanza di un’adeguata irrigazione che porta alla sua secchezza.

Quando le foglie diventano marroni per questo motivo, il più comune è che l’effetto finisce per coprire l’intera foglia e cade dall’alberoL’esposizione diretta al sole o attraverso una finestra può anche danneggiare la colorazione naturale delle foglie, facendole diventare marroni.

L’ideale è aiutare le piante ad ottenere la luce solare necessaria ea mantenersi ad una temperatura adeguata, con sufficiente ventilazione. 

All’estremo opposto, le macchie marroni possono ancora essere generate da temperature molto basse, forti venti e gelate.

La vecchiaia è un fattore che solitamente fa imbrunire le foglie ma, tra tutti, è quello che dovrebbe destare meno preoccupazione perché è una condizione naturale. 

I problemi invisibili che si sviluppano nelle radici, come la mancanza di spazio o l’eccessiva umidità , possono riflettersi nella colorazione marrone delle foglie. Infine, ci sono le condizioni più complesse che sono generate dalla presenza di virus, funghi o batteri. 

Un modo semplice per determinare se quest’ultima è la causa è controllare la forma e la posizione delle macchie, come segue:

  1. Se sono circolari e piccole e non intaccano le nervature delle foglie, probabilmente sono dovute a un fungo. Un caso simile si applica a quelli che colpiscono i nervi ma la cui struttura è simile all’angolo che presentano.
  2. Le macchie che si generano senza una forma specifica e che sono evidenziate anche da una struttura ricca di umidità e grasso sono le più allarmanti perché attaccano altre zone della pianta come il fusto. Il più comune è che sono causati da funghi o batteri.
  3. Se sono macchie molto grandi , possono essere dovute a funghi o batteri.
  4. Le macchie a forma di anello si verificano generalmente in presenza di un virus.

Come rimuovere le macchie marroni dalle foglie delle piante?

Dopo aver stabilito l’origine delle macchie, il trattamento per sradicarle sarà più o meno semplice.

Se si tratta di problemi irrigui, la soluzione sarà quella di stabilire un ciclo irriguo adeguato alla specie da trattare.

È importante ricordare che non tutte le piante sono uguali e una delle principali differenze riguarda l’irrigazione. Se si tratta di questioni come i danni luce o root, è meglio spostare loro , sia per evitare di bruciare o al lavoro sul trapianto .

Nel caso di funghi, batteri e virus, la procedura dipenderà dal tipo in questione, applicando trattamenti appropriati per ogni caso. In alcuni casi questi possono essere di origine casalinga, come l’uso del caffè o del bicarbonato di sodio.

Tuttavia, in altri casi più complicati richiedono l’azione di un prodotto chimico, come un fungicida, per esercitare un’azione più decisa. In ogni caso, è importante notare che ogni pianta è unica e sarà un’osservazione regolare che assicurerà che venga seguito il miglior trattamento.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.