Suggerimenti

Mela Fuji: scoprine le caratteristiche e la coltivazione

La mela è il frutto universale per eccellenza. Oggi abbiamo produttori in tutto il mondo (America, Asia, Europa, ecc.) e l’approvvigionamento globale è garantito grazie alle sue ottime condizioni di trasporto e stoccaggio. Una delle varietà più conosciute è la mela Fuji, di origine asiatica e, nello specifico, dal Giappone.

In questo articolo vogliamo farvi conoscere quali sono le caratteristiche principali della varietà Fuji, sia in termini di sapore, sia di conoscerne l’origine e la sua coltivazione, a livello agronomico.

Attualmente è una delle varietà più consumate al mondo, e in Giappone, paese di origine, è la più consumata. I giapponesi apprezzano molto la dolcezza e il sapore caratteristico di questa varietà, al punto che la produzione nazionale è destinata, per la maggior parte, all’autoconsumo. Lì, nel Paese del Giappone, la zona con la più alta produzione è la prefettura di Aomori, con ottime condizioni climatiche per la sua coltivazione.

Altri grandi produttori sono la Cina e gli Stati Uniti. In quest’ultimo paese, la sua domanda è cresciuta dagli anni ’80, anche al di sopra delle varietà locali.

Caratteristiche della mela Fuji

La varietà di mele Fuji o, come è anche conosciuta, la mela fuyi. derivato da un clone della mela tradizionale Malus domestica. La sua origine è dovuta al miglioramento mediante incrocio effettuato presso il Tohoku Research Center (農林省園芸試験場東北支場) situato a Fujisaki (Giappone).

Si tratta di un affinamento varietale ed ottenimento iniziato negli anni ’30 e i cui frutti vennero alla luce nel 1962, quando iniziò la sua commercializzazione. Si tratta, quindi, di una mela storica con molti anni sul mercato e con una conoscenza completa e totale dei compiti di coltivazione, in modo da poterne massimizzare la produzione.

La mela Fuji nasce dall’incrocio di due diverse varietà di origine americana (Stati Uniti), come la varietà Red Delicious e la classica Ralls Genet. Non si sa con certezza se il nome Fuji sia dovuto al caratteristico monte del Giappone o alla città di Fujisaki.

Albero

Frutta

Le caratteristiche del frutto della mela Fuji la rendono diversa da qualsiasi varietà conosciuta. La sua dimensione è grande, simile a quella di una pallina da tennis, di aspetto e forma tonde, e di colore rosso intenso.

A livello di commercializzazione, la mela Fuji offre il vantaggio di resistere molto bene alla conservazione, con periodi che possono variare dai 6 ai 9 mesi in cella frigorifera e atmosfera controllata. Inoltre è un best seller perché ha anche un’ottima conservazione senza bisogno del frigorifero, con un aroma molto potente.

Gusto

Il suo sapore è abbastanza dolce, in contrasto con altre varietà dalla buccia verde con un sapore più acido. Ha una gradazione zuccherina media del 10% e la sua carne è abbastanza densa, quindi il suo consumo è consigliato al 100% fresco, con una caratteristica croccantezza quando lo si morde.

Sottovarietà presenti

Fuji Nagafu I: o regola giapponese, rossa, senza striature e buccia liscia. Frutto di pezzatura medio-grande, con bassa acidità, alta percentuale di zuccheri e data di raccolta ai primi di ottobre.

Fuji Suprema:  origine giapponese, buccia di colore rosso vivo molto pronunciato, pezzatura del frutto medio-grande, bassa acidità e molto dolce, vendemmiata a metà ottobre.

Fuji Akifu 7: origine giapponese, colore rosso e senza striature, bassa acidità e buon tenore zuccherino. Molto croccante durante la masticazione. Data di vendemmia ai primi di ottobre.

Fuji Nagafu 2:  origine giapponese, colore rosso, caratura medio-alta, bassa acidità e buona zuccherina. Data di vendemmia ai primi di ottobre.

Fuji Chofu 2:  origine giapponese, con buccia di colore rosso meno vivo, calibro medio-alto, alto contenuto zuccherino e bassa acidità. Data di vendemmia ai primi di ottobre.

Fuji Nagafu 6:  origine giapponese, colore della buccia rossa con alcune striature, caratura medio-alta, buona percentuale di zuccheri e bassa acidità. Data di vendemmia ai primi di ottobre.

Coltivazione e cura della varietà di mele Fuji

Posizione e tempo

Il melo Fuji proviene da zone con inverni freddi e basse temperature. Pertanto, resiste molto bene alle basse temperature. La parte più sensibile sono i fiori, quindi al momento della fioritura (primavera) non dovrebbero esserci periodi di gelo o influiranno sulla produzione finale.

A livello di umidità ambientale, zone climatiche molto secche con estati calde possono causare ustioni al fogliame e colorazione del frutto, per cui si consiglia di piantarlo in una zona con umidità media.

caratteristiche del suolo

La caratteristica principale che deve essere rispettata nella coltivazione dei meli è quella di garantire un buon drenaggio. Per fare questo, prima della messa a dimora, viene solitamente effettuato un profondo lavoro di movimento terra e mescolamento con la materia organica, per migliorare la fertilità del suolo.

Il melo Fuji può prosperare in diverse strutture del suolo e livelli di pH.

Irrigazione e concimazione

Entro il periodo vegetativo, che inizia all’inizio della primavera, con il rigonfiamento delle gemme e il movimento delle radici, e si protrae fino a metà o fine ottobre, necessita di un apporto idrico crescente, essendo il massimo nel mese estivo (luglio e agosto).

Il modo più ottimizzato per irrigare un melo è il gocciolatore, con 2 linee e 2 o 3 gocciolatori per linea, con una portata di 4 L/h o 8 L/ha. In questo modo riusciamo a distribuire molto bene il bulbo umido, in modo che tutte le radici possano accedervi.

Calorie fornite dalla mela tipo Fuji

Per un frutto di media grandezza (150 grammi):

  • Energia: 72 kcal
  • Proteine: 0,36 g
  • Grasso: 0,24 g
    • Grassi saturi: 0,039 g
    • Grassi polinsaturi: 0,07 g
    • Grassi monoinsaturi: 0,01 g
  • Colesterolo: 0 mg
  • Carboidrati: 19,06 g
    • Fibra: 3,3 g
    • Zuccheri: 14,34 g

Minerali più importanti:  potassio (148 mg)

Profitti

Il consumo di tutti i tipi di mele è associato ad una dieta benefica per la salute. Il suo apporto di grassi è ridotto, fornendo molte fibre, vitamine e antiossidanti. A seconda della varietà otterremo più o meno zucchero, contando sul fatto che la varietà di mela Fuji ha un alto contenuto di carboidrati.

Alcuni dei vantaggi che il consumo di questo frutto produce sono i seguenti:

Favorisce l’idratazione:  è composto fino al 90% da acqua che, aggiunta agli elettroliti e ai minerali che contiene, migliora l’idratazione anche al di sopra di alcune bevande.

Contiene composti vegetali sani: i  fitocomposti vegetali forniscono un gran numero di polifenoli e sostanze antiossidanti interessanti. Quelli forniti dalla mela Fuji sono elementi come gli acidi idrossicinnamici, i diidrocalconi, i flavonoli (glicosidi della quercetina), le catechine e le procianidine oligomeriche.

Favorisce la salute cardiovascolare:  diversi studi scientifici internazionali hanno messo in relazione il consumo di mele con la riduzione del colesterolo cattivo (LDL) e, a sua volta, con la prevenzione di infarti o problemi legati alla salute cardiovascolare.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.