Suggerimenti

Stoloni: [Concetto, Semina, Cura, Parassiti e Malattie]

Punti importanti sugli stoloni
  • Quando? Tutto l’anno, preferibilmente in primavera o in inverno.
  • Dove? In vaso o in campo ampio e ben drenato.
  • Come prepariamo il terreno? Con una miscela di terreno con torba, sabbia grossolana e vermiculite
  • Come seminiamo? Per seme o per taglio di stoloni.
  • Come paghiamo? Fertilizzante 15-15-15, solfato di potassio, nitrato di potassio e acido solforico.
  • Quando fioriscono? Fioritura in primavera , frutti in estate .
  • Temperatura ideale? 15ºC, minimo 10ºC, massimo 20ºC.
  • Come innaffiamo? In estate, tre volte a settimana; in inverno meno; resto dell’anno, irrigazione di manutenzione.
  • Malattie e parassiti? acaro , tripide , marciume grigio, funghi, antracnosi.

Cosa sono gli stoloni?

Gli stoloni sono un metodo che le piante usano per riprodursi. Sono lunghi fusti striscianti, estensioni di piante erbacee che mettono radici per dare origine a nuove piante.

Ciò significa che gli stoloni sono fusti che nascono alla base del fusto della pianta e rimangono in superficie o sepolti nel terreno.

Le nuove piante che ne emergono sono cloni identici della pianta principale, per poter propagare nuovi germogli. Per questo, hanno bisogno di nodi o gemme con la capacità di emettere nuove foglie e radici.

Quando le nuove piante mettono radici nel terreno, si staccano dalla pianta madre per assumere una vita propria, quindi lo stolone scompare. La riproduzione può avvenire per azione diretta della natura o per intervento di orticoltori specialisti quali colture.

Gli esempi più iconici di piante stoloni sono la fragola e la menta . La fragola è un frutto prelibato che produce stoloni per la sua espansione, e data la sua grande richiesta bisogna porre molta cura nella messa a dimora e nella riproduzione. Altre piante di stoloni sono viola , trifoglio, prato , erba ed erba.

Dove dovremmo piantare uno stolone?

Gli stoloni sono piante che possono essere facilmente adattate a qualsiasi spazio della nostra casa. Possiamo coltivarli in piena terra o in vaso, a seconda del tipo di pianta a cui ci riferiamo.

Nel caso delle fragole, possiamo averla in casa, perché si adatta a qualsiasi spazio, così possiamo coltivarla senza sole eccessivo in giardino o sul balcone.

La menta piperita e la menta vanno coltivate in grandi vasi o vasi, perché sono piante stoloni invasive negli spazi verdi. Non è la stessa dell’erba , che ha certi tipi riprodotti dagli stoloni, ma richiede ampi spazi.

La viola, il cui profumo è molto sublime, si diffonde attraverso gli stoloni che produce per diffondersi orizzontalmente quando piantata.

Quando si coltivano gli stoloni?

In seme o in piantina, i mesi adatti per piantare stoloni sono marzo e aprile. Possiamo comunque piantarli tutto l’anno facendo molta attenzione al gelo, nel qual caso dobbiamo proteggere la pianta con molta cura.

Nel caso delle fragole , dobbiamo piantarle nel loro posto finale alla fine dell’inverno , per ottenere i fiori in primavera.

In estate già gusteremo i frutti e la pianta comincerà a riprodursi per stoloni. Poi decideremo se siamo interessati alla riproduzione per stoloni o se li tagliamo.

Con gli stoloni verranno prodotte più piante e se le tagliamo avremo più frutti, perché la natura è così saggia che ci dà sempre delle opzioni.

Come prepariamo il terreno?

La preparazione del terreno varia a seconda che piantiamo per stoloni o per seme, le due forme di riproduzione.

Per stoloni

Abbiamo già detto che gli stoloni sono lunghi steli facili da identificare. Una volta identificato, dobbiamo piantarlo in un’altra parte della terra senza tagliarlo dalla pianta madre.

Dobbiamo solo tagliare lo stolone quando ha messo radici. Una volta tagliato avremo un nuovo impianto autonomo.

Per semi

In questo caso il procedimento è semplice, poiché l’ideale è utilizzare un semenzaio. Bisogna mantenere umido il terreno e far crescere la pianticella. Quindi, piantalo in un vaso di buone dimensioni nel caso in cui desideri riprodurlo per stoloni.

Come seminare gli stoloni passo dopo passo?

I passaggi da seguire dipendono dalla semina in vaso o direttamente in campo.

in vaso

Abbiamo bisogno di una pianta che si riproduca per stoloni, acqua, una miscela di terreno con torba, sabbia grossolana e vermiculite e, naturalmente, il vaso.

  1. Una volta con questi elementi, dobbiamo assicurarci che alla pianta sia cresciuto un mazzo di foglie all’estremità del suo gambo, cioè uno stolone.
  2. Dobbiamo tagliare questo fusto per separare la pianta madre dallo stolone, che metteremo in un vaso con dell’acqua dove deve crescere la radice.
  3. Il vaso sarà posto in una zona di luce, ma senza sole diretto, fino a quando la radice non cresce; una volta completato questo processo, possiamo trapiantarlo nel nuovo vaso.
  4. Già in fase di radicazione la pianta va posta al sole indiretto, mantenendo il substrato sempre umido.

Sulla terra

Dobbiamo anche avere gli attrezzi necessari per la semina: forbici, paletta, miscuglio di terriccio, vermiculite e torba, una pianta di stolone e un vaso dove trapiantare la nuova pianta.

  1. Se abbiamo una pianta dove gli stoloni hanno radicato a contatto con il terreno, dobbiamo ricordare che il substrato deve essere sempre umido e il sole non deve essere diretto.
  2. In questo caso, la cosa appropriata è tagliare il gambo allungato o lo stolone, separando la madre dal bambino.
  3. Con la pala portiamo fuori il figlio con un pane di terra completo e lo trapiantiamo nella nuova pentola, dove andremo ad annaffiarlo abbondantemente.

Di che cure hanno bisogno?

La cura degli speroni dovrebbe essere effettuata durante le quattro stagioni dell’anno, nei seguenti aspetti:

illuminazione

La luce del sole, come abbiamo spiegato, non dovrebbe essere diretta, ma richiede un minimo di sei ore, un massimo di dieci, al giorno, ma ci sono degli specialisti che non si oppongono alle dodici ore al giorno.

Temperatura

Temperatura ideale di 15º Celsius, ma tiene da 10º a 20º, il che significa che non è consigliabile coltivarli in climi estremi.

io di solito

Sono adatti per vasi da fiori o grandi aree di terreno, quindi non dobbiamo preoccuparci della loro posizione. Necessita di terreni sabbiosi o sabbiosi limosi con un buon drenaggio e un alto contenuto di sostanza organica e un pH di 6-7.

Irrigazione

La frequenza dell’irrigazione dipende dal clima e dalle esigenze della pianta. Nel caso delle fragole, in estate bisogna annaffiare tre volte a settimana; in inverno , è conveniente ridurlo. Ma dobbiamo fare l’irrigazione di manutenzione tutto l’anno.

Passaggio

Come compost, circa 100 g / m2 di complesso 15-15-15, e quando si tratta di irrigazione per gravità, si può applicare il pacciame. All’inizio della fioritura bisogna concimare con solfato di ammonio , solfato di potassio, nitrato di potassio o acido fosforico. L’abbonato deve essere sospeso quindici giorni prima della fioritura.

Quali parassiti e malattie attaccano gli stoloni?

I parassiti più comuni sono l’acaro ragno, i tripidi, l’heliothis zea, che attaccano fiori e frutti.

Le malattie sono il marciume grigio, una specie di fungo noto come oidio, antracnosi, funghi del suolo, macchia viola e batteri.

Per combatterli, di solito sono efficaci sapone di potassio , olio di neem o fungicidi fatti in casa.

Bibliografia e riferimenti

  • Corvo, Peter H.; Evert, Ray Franklin; Eichhorn, Susan E. (1992). Biologia vegetale . Editoriale Reverté. Barcellona, ​​Spagna.
  • Sierra Posada, José Oscar. (2005). Fondamenti per l’insediamento di pascoli e colture foraggere. Editoriale Università di Antioquia. Medellín Colombia.
  • Alarcón, A.; Ferrera Cerrato, R.; González Chávez, MC; Villegas Monter, A. (2000). Funghi micorrizici arbuscolari nella dinamica dell’aspetto stolone e nella nutrizione delle piante di fragola cv. Felce ottenuta per coltura in vitro. Rivista Terra Latinoamericana. Società messicana di scienza del suolo, AC Chapingo, Messico. Riprodotto da: http://www.redalyc.org/articulo.oa?id=57318304
  • Morán Paz, Lady Mariana. (2019). Valutazione del sequestro in stoloni dell’erba janeiro (Erioclhoa Polystachya Kunth) esposta a diversi livelli di irraggiamento con raggi gamma (60Co) nel cantone Babahoyo . Università Tecnica Babahoyo. Los Rios, Ecuador. Riprodotto da: http://dspace.utb.edu.ec/bitstream/handle/49000/5645/TE-UTB-FACIAG-MVZ-000008.pdf?sequence=1&isAllowed=y
  • Muñoz Avila, Julio Carlos. (2016). Identificazione e caratterizzazione di geni coinvolti nella fioritura e stolonage nella fragola (Fragaria x ananassa Duch.) . Università di Malaga. Málaga, Spagna. Riprodotto da: https://dialnet.unirioja.es/servlet/tesis?codigo=203571&orden=0&info=link

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.