Suggerimenti

Come innaffiare correttamente un’orchidea

Le orchidee sono un genere di piante che attirano molta attenzione agli amanti del giardinaggio. La sua coltivazione in contenitori trasparenti, le sue radici che affiorano in superficie e la maestosità della sua fioritura lo rendono presente in molte case del mondo.

Parliamo però di una pianta che non è facile da coltivare come altre specie che solitamente si mettono a dimora in substrati, per cui è necessario avere un minimo di conoscenze per il suo mantenimento. In particolare, un punto importante è come annaffiare correttamente un’orchidea, poiché il classico sistema di fornire acqua con un annaffiatoio non è del tutto appropriato o, almeno, non otterremo il massimo dalla pianta.

In questo articolo ti insegniamo come annaffiare correttamente un’orchidea.

L’apparato radicale delle orchidee

Le orchidee sono classificate come piante epifite, il che significa che vivono a spese di un’altra pianta o oggetto, sviluppandosi in esso, ma senza nutrirsene o parassitarlo. Ecco perché hanno sviluppato un apparato radicale formato da steli sotterranei che di solito non sono sepolti nel substrato.

Quindi, è comune tenere un’orchidea su un contenitore trasparente, un letto di ghiaia o qualsiasi oggetto in cui è tenuta la pianta. Queste radici sono abbastanza diverse da quelle di altre piante, quindi il sistema di irrigazione deve essere completamente diverso.

Il rizoderma che circonda le radici delle orchidee è noto come un baldacchino, ricoperto da cellule specializzate che possono vivere in ambienti sommersi (riempimento d’acqua) o in ambienti aerei (riempimento d’aria). Ad oggi, non è noto se questa chioma sia in grado di assorbire acqua o sostanze nutritive, poiché non vi è disaccordo nella comunità scientifica.

La verità è che questa chioma è una barriera protettiva contro le aggressioni esterne, in particolare quelle climatiche, e svolge una funzione di supporto di grande successo per la pianta.

Nelle orchidee, quando non circola abbastanza acqua attraverso le radici, le cellule si riempiono d’acqua e assumono un aspetto bianco o color argento. Al contrario, quando sono sufficientemente idratati, hanno un aspetto più verdastro o più scuro. Questo è un indicatore abbastanza affidabile per imparare come innaffiare correttamente un’orchidea. 

Come innaffiare correttamente un’orchidea

Il modo di innaffiare un’orchidea deve essere diverso da quello che usiamo abitualmente in altre specie che coltiviamo in vaso e substrato. Nonostante il loro sviluppo esotico e l’habitat naturale in cui possiamo trovare questo tipo di specie, le orchidee non richiedono grandi quantità di acqua, ma richiedono umidità ambientale.

1. Irrigazione ad immersione

La maggior parte delle orchidee che possiamo acquistare sono dotate di un contenitore trasparente che contiene un substrato di ghiaia o un po’ di terra e corteccia d’albero. È importante che questo contenitore trasparente abbia fori di drenaggio sul fondo.

Per innaffiare la nostra orchidea, sarà sufficiente inserire questo contenitore in un altro contenitore più grande che contenga acqua, facendo attenzione che non fuoriesca e versi l’acqua in eccesso sul pavimento o sui mobili.

Lasceremo la nostra orchidea immersa per 10-15 minuti, rimuovendo l’acqua in seguito e lasciandola scolare per altri 5 minuti finché non smette di gocciolare.

È importante che il pH dell’acqua non sia eccessivamente alto o contenga troppi bicarbonati, poiché questo gruppo di specie è abituato ad ambienti più acidi (tra 5,8 e 6,5). Pertanto, per acidificare l’acqua ed eliminare questi sali, si può utilizzare uno speciale fertilizzante acido per orchidee o un po’ di aceto fino ad ottenere il giusto pH, il primo essendo il più consigliato per apportare nutrienti alla nostra pianta.

2. Annaffiare con un annaffiatoio

Sebbene questo modo di annaffiare non sia il più appropriato, in alcuni casi particolari, per mancanza di tempo o disponibilità, possiamo ricorrere ad esso. Diciamo che non è il più adatto in quanto se annaffiamo con un annaffiatoio o qualsiasi altro elemento, è complicato, dato l’alto drenaggio della corteccia o della ghiaia, far idratare tutte le radici.

Ci sarà sempre una parte di loro che non è stata a contatto con l’acqua, a differenza dell’immersione, dove tutto si idrata allo stesso modo.

Se stiamo cercando come innaffiare un’orchidea con questo metodo, aggiungeremo acqua poco alla volta, facendolo lentamente e cercando di raggiungere tutte le radici, osservando come l’acqua fuoriesce dai fori di drenaggio per evitare qualsiasi tipo di pozzanghera.

È importante che l’acqua non entri in contatto con le foglie, poiché può causare marciumi futuri a causa dell’umidità in eccesso.

Idratare il substrato lentamente con acqua, fino a quando vediamo che l’acqua in eccesso defluisce attraverso i fori inferiori. Fonte immagine: interflora.co.uk

La qualità dell’acqua deve essere buona e dovremo acidificarla con fertilizzanti nel caso sia eccessivamente alcalina e contenga molti sali di bicarbonato.

Frequenza e quantità d’acqua scelte

La frequenza delle irrigazioni dell’orchidea è segnata principalmente dall’umidità ambientale della nostra casa e dalla sua temperatura. Logicamente, in estate si annaffia di più che in inverno, anche se la variazione di temperatura in casa non è molto elevata.

Pertanto, il modo migliore per conoscere la frequenza è, come abbiamo accennato prima, valutare il colore delle radici. Più acqua hanno bisogno, più bianchi e screpolati saranno, a causa dell’attività della chioma.

Una radice di orchidea idrata si presenterà con un colore verdastro, praticamente scuro, che sbiadirà nel tempo, segno che sta progressivamente perdendo l’umidità contenuta al suo interno.

Man mano che perde umidità, le radici dell’orchidea mostrano colori più opachi. Fonte immagine: interflora.co.uk

A seconda di dove è posizionata l’orchidea e del periodo dell’anno, verrà immersa una volta alla settimana.

Errori più comuni durante l’irrigazione delle orchidee

In quest’ultimo punto andremo a demistificare alcune problematiche legate all’irrigazione delle orchidee e al loro mantenimento. Pur essendo specie tropicali, non necessitano di abbondanti irrigazioni ma piuttosto di molta umidità ambientale, tipica delle giungle e dei boschi frondosi, motivo per cui è frequente l’irrorazione costante con acqua distillata sulle foglie, soprattutto in estate.

  • Innaffia frequentemente: osserva i segni che le radici ci mostrano per sapere quando applicare l’acqua, evitando sempre di accumulare umidità al suo interno per evitare che marcisca.
  • Irrigazione di notte: è meglio annaffiare durante il giorno, poiché c’è attività della pianta dovuta alla luce. In questo modo si evitano ristagni d’acqua nelle radici e problemi di putrefazione causati da varie famiglie di funghi.

    Deja una respuesta

    Tu dirección de correo electrónico no será publicada.