Suggerimenti

Tipi di legumi

I legumi sono i semi della famiglia delle Fabaceae, comunemente detti legumi. Questi hanno costituito una parte molto importante della dieta di molte culture fin dai tempi antichi. Tra le proprietà dei legumi spicca il suo contenuto in proteine ​​e carboidrati, oltre che in lipidi, fibre, minerali e vitamine. La cucina con i legumi è, quindi, una delle basi di un gran numero di cucine che utilizzano legumi secchi e freschi per innumerevoli piatti.

Se vuoi saperne di più sui legumi più utilizzati da piantare e consumare, unisciti a noi in questo articolo di EcologíaVerde in cui vedrai 10 tipi di legumi, i loro nomi, caratteristiche e foto.

Elenco dei legumi

Questi sono alcuni dei legumi più comuni:

  • Erba medica
  • lupini
  • arachidi
  • Fagioli
  • Ceci
  • Piselli verdi
  • Fave
  • Fagioli verdi
  • Lenticchie
  • Soia

Erba medica

L’ erba medica comprende l’intero genere Medicago, sebbene la specie più consumata dall’uomo sia la Medicago sativa. È una coltura molto importante come foraggio, che è stata tradizionalmente utilizzata per nutrire il bestiame o altri tipi di animali domestici.

Questo è uno dei tipi di legumi che è un’erbacea perenne, che nel suo consumo per l’uomo si distingue sotto forma di germogli o germogli. Ha un grande valore nutritivo e diverse proprietà medicinali, che possono essere utilizzate sia ingerendolo che dandogli un uso topico.

Se ti piace mangiare germogli o germogli, ti consigliamo questo altro post sui tipi di germogli e su come prepararli.

I lupini, uno dei tipi di legumi meno conosciuti

Il suo nome scientifico è Lupinus albus, anche se è conosciuto anche come lupino o, in alcune zone della Spagna, chochos. Viene utilizzato sia nel suo consumo quasi diretto, dopo averlo passato in acqua salata, sia nella preparazione della farina, e nonostante sia consumato tradizionalmente in tutta l’area mediterranea da molto tempo, è attualmente considerato un superfood.

I lupini sono particolarmente ricchi di proteine, carboidrati, ferro e potassio, motivo per cui sono consigliati a chi soffre di anemia.

arachidi

Il suo nome scientifico è Arachis hypogea e in America Latina è meglio conosciuto come arachidi. Nonostante molti credano che sia un frutto secco per via del suo guscio e perché di solito lo consumiamo in frutta secca mista, le arachidi sono un legume che si distingue per la particolarità di crescere sottoterra.

Era già coltivato nel Perù precolombiano, dove veniva usato come moneta. Attualmente è consumato in tutto il mondo ed è particolarmente apprezzato per la sua fonte di vitamina B3 e proteine. Ha anche un grande valore calorico, sebbene i suoi grassi siano monoinsaturi.

Fagioli o fagiolini

Quest’altro tipo di legumi, a seconda della zona, sono chiamati fagioli, fagioli, fagioli, fagioli, o fagioli, ma si riferiscono sempre al genere Phaseolus, di cui la specie più comune è Phaseolus vulgaris.

I fagioli sono attualmente coltivati ​​in tutto il mondo, ma sono originari del Messico, del Guatemala e di El Salvador. Costituiscono una parte molto importante della gastronomia di alcuni paesi sudamericani e centroamericani, in particolare il Messico, dove vengono cucinati in tutti i tipi di ricette. Sono ricchi di carboidrati e minerali, oltre che di fibre.

Ceci

Il cece, o Cicer arietinum, è una pianta dell’area mediterranea alta circa mezzo metro, dai fiori bianchi che sviluppano dei baccelli con i semi che consumiamo.

Questo è uno dei tipi di legumi che sono stati tradizionalmente consumati per le loro proprietà gastronomiche e medicinali. Si tratta di un alimento molto ricco di amido, proteine ​​e lipidi, attualmente ampiamente diffuso.

Piselli verdi

Con il nome scientifico Pisum sativum, è una pianta erbacea originaria del bacino del Mediterraneo. I piselli sono anche chiamati piselli, petipuás o piselli e sono stati consumati dall’uomo per quasi 10.000 anni.

È famoso anche per gli esperimenti di Mendel, uno dei padri della genetica e, come alimento, è ricco di vitamine B1, C, K e A, oltre che di ferro, fosforo e magnesio.

Fave

Vicia faba è un altro legume coltivato fin dall’antichità sia per il consumo umano che animale. È una pianta alta fino a quasi 2 metri, particolarmente apprezzata nei paesi andini, sebbene provenga dall’area mediterranea e dall’Asia centrale.

Le fave sono uno dei tipi di legumi molto ricchi di calcio, potassio e fosforo, oltre che di vitamina A. Inoltre, sono note per la flatulenza che solitamente producono durante la digestione.

Ti piacerebbe avere i tuoi fagioli a casa? Qui spieghiamo come piantare le fave passo dopo passo per coltivarle.

Fagioli verdi

I suoi nomi più comuni sono fagiolini, fagiolini, fagiolini, fagiolini, fagiolini o fagiolini, anche se lo scienziato è Phaseolus vulgaris, la stessa specie come nel caso dei fagioli. La loro differenza, tuttavia, è che i fagiolini vengono raccolti quando il frutto è ancora immaturo e la pianta non ha avuto il tempo di indurire il baccello, che è quindi commestibile.

La loro coltivazione e consumo sono diffusi in tutto il mondo, e vengono quasi sempre cucinati in cucina, solitamente bollindoli.

Le lenticchie, uno dei tipi di legumi più conosciuti

Lens culinaris è un altro alimento che è stato consumato dall’uomo per almeno 8.000 o 9.000 anni. Ha la sua origine in Medio Oriente, sebbene sia attualmente diffuso in tutto il mondo, con particolare successo in paesi come Messico e Spagna.

Le lenticchie sono uno dei tipi di legumi che si distinguono come alimento ricco di proteine, amido e fibre, oltre che povero di grassi. Evidenzia inoltre il suo contenuto di acido folico, potassio, magnesio e ferro, uno dei suoi componenti più noti.

Se ti piacciono questi legumi, non perderti queste guide su Come piantare le lenticchie e Come fare i germogli di lenticchie.

Soia

La soia, con il nome scientifico Glycine max, è attualmente considerata uno dei migliori alimenti esistenti. È una coltura molto benefica non solo per il consumo umano ma anche per il suolo, poiché affermata nelle tecniche di rotazione, aiuta a fissare l’azoto nel suolo.

La sua origine è in Cina e il suo consumo è tradizionalmente diffuso in Asia, anche se negli ultimi anni si è diffuso ed è diventato molto popolare in tutto il mondo. I suoi semi sono molto ricchi di proteine, oltre che di acido folico e fibre.

Se desideri leggere altri articoli simili a Tipi di legumi, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Suggerimenti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.